LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Realizzate dai Romani per proteggere la costa dai marosi
ANDREA PIRAS
L'UNIONE SARDA - Dighe antierosione scoperte a Nora 03.06.2008

Scoperte nel mare di Nora, dagli archeologi subacquei, due dighe sommerse per fermare limpeto delle onde e bloccare lerosione. Lerosione costiera non solo unemergenza di oggi. Lavevano gi individuata, tentando di porvi rimedio, gli antichi Romani. Almeno dalle parti di Nora, davanti alla citt fondata dai Fenici, passata nelle mani dei Punici e che i discendenti di Romolo avevano poi conquistato, il mare ruggiva con forza, ingoiandosi spiagge e scogliere, minacciando l urbe. Ed qui, a poca distanza dal litorale, che gli archeologi hanno scoperto una diga sommersa, grosse pietre non regolari ma chiaramente sistemate dalluomo per smorzare le onde di duemila anni fa. Una vera massicciata non diversa da quelle erette a Perde Sali e che ora anche Capoterra vuole innalzare a Frutti dOro. Sono blocchi di arenaria ricavata nelle cave della vicinissima penisola di Fradis Minoris, opere di rinforzo della costa, racconta larcheologo della Soprintendenza di Cagliari, Ignazio Sanna, che nelle acque di Nora ha, insieme alla collega Manuela Solinas e ai sommozzatori della Guardia di Finanza, svolto una serie di indagini subacquee per mettere in evidenza le emergenze celate sul fondo del mare. Uno studio cominciato nel 1996 e che ancora prosegue, racconta il ricercatore. Siano intervenuti in maniera sistematica dai zero ai 15- 16 metri, per poi portarci fino ad una profondit di 28 e trenta metri, ed proprio qui che ci siamo avvalsi della professionalit delle Fiamme Gialle. proprio durante questa lunga prospezione subacquea che lquipe della Soprintendenza archeologica ha scoperto le barriere frangiflutto. Una allaltezza dellisolotto del Coltellazzo e Capo Pula, simile a quelle individuate nel recente passato a Malfatano. Laltra, pi spostata verso la zona delle terme. Ma il mare di Nora ha restituito anche due importanti relitti sommersi. Una nave fenicia, adagiata su un fondale di 28 metri che aspetta soltanto di essere scavato. Si tratta di una nave da trasporto che custodisce anfore resinate, dunque utilizzate per il trasporto del vino. Anche se questa tecnica di costruzione veniva sfruttata per conservare anche altri tipi di alimenti come per esempio le carni, come abbiano avuto modo di constatarlo in altri importanti rinvenimenti e ricerche a Santa Giusta e nella stessa Nora, ricorda Sanna. Le anfore recuperate nel relitto dellottavo secolo avanti Cristo a Nora provengono dalla zona meridionale della Spagna dove si trovavano le prime colonie fenicie, e questo conferma quanto era stato ipotizzato: cio la relazione tra Nora e le colonie iberiche . La costa sud occidentale continua dunque a restituire testimonianze antiche, pezzi del passato che di volta in volta consentono di scrivere (a volte riscrivere o almeno correggere) la storia della Sardegna. E proprio nella baia di Agumu a saltar fuori dal fondale roccioso stato anche un altro scheletro ligneo di una nave di epoca ben pi recente di quella fenicio-punico-romana. un relitto del settecento , dice ancora larcheologo subacqueo, ma tutta la baia di Agumu come quella pi estesa verso Nora conserva parecchio materiale che per ora abbiano censito e il cui lavoro di indagine consentir, in futuro, di programmare eventuali interventi di recupero. Anfore, ancore, magari lintero scafo di una bellissima nave da esporre nei locali del futuro Parco archeologico di Nora, SantEfisio e dei Quattro mari.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news