LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Croce e delizia Capolavori perduti di Puglia cercansi
Giacomo Annibaldis
LA GAZZETTA DEL MEZZOGIORNO, 4 giugno 2008

Per un capolavoro che si recupera, tanti altri restano purtroppo desaparecidos. Ed ormai diventata una gioiosa liturgia quella che si appronta ogniqualvolta un'opera d'arte o un pezzo perduto del nostro patrimonio culturale viene rintracciato in qualche base d'asta e riportato a casa.
Oggi il momento di gioire per il bel Crocefsso d'avorio di Canosa (XII secolo), bloccato in Francia mentre era stato messo in vendita e offerto allacifraditre milioni d euro (ne ha parlato ieri sul giornale il nostro inviato Paolo Pinnelli). Mesi fa, tutta la nazione aveva ammirato, con successo di pubblico, i tanti capolavori antichi, riportati in Italia dai musei d'America e mostrati in Quirinale nella esposizione intitolata Nstoi, che in greco significa appunto viaggi di ritorno a casa. Tra le prestigiose opere ritrovate - insieme al favoloso cratere di Eufro-nio del VI secolo avanti Cristo, alla maschera d'avorio deinsecoloa.C.,alla statua di Vibia Sabina, consorte dell'imperatore Adriano (II sec.) e altre ancora -spiccava, come pezzo d'eccezione, il gruppo marmoreo raffigurante due grifoni che divorano una cerva: la pietra, che conserva ancora l'antica dipintura, era un trapezophoros, cio la base per una tavola cerimoniale. E proveniva dalla Puglia, precisamente da Ascoli Sa-triano. Faceva, fino a pochi mesi fa, bella mostra di s nel Getty Museum di Malbu.
La Puglia - si sa - , insieme al Lazio, la regione pi depredata del proprio patrimonio d'arte. Soprattutto se si guarda al mercato clandestino dei reperti archeologici. Tombaroli e cercatori illegali rovistano le viscere della nostra terra e fanno incetta di vasellame e di altri oggetti, che vanno a ornare e arricchire i pi grandi musei del mondo. Improba la lotta per impedire U dissanguamento, che affligge - paradossalmente - non solo i siti archeologici, ma anche i musei. Come non ricordare i circa cento reperti rubati a Bari in Santa Scolastica nel 2005? Nell'erigendo museo provinciale essi erano stati selezionati (dal vasto repertorio tutto inscatolato) per costituire una piccola mostra sulla
Bellezza nell'antichit: erano dunque gioielli, vasi, ampolle, e oggetti per la cura del corpo; sicuramente vi facevano parte deg' spilloni d'argento da Valenzano, preziosissimi perch erano del VI secolo a. C. e perch avevano rare iscrizioni greche. Da allora non se ne saputo pi nulla. E non ci stupiremmo se un giorno riaffiorassero in qualche bottega antiquariale della Svizzera, che sembra essere il punto di smercio dell'arte rubata.
In Svizzera d'altronde apparsa alcuni mesi fa addirittura una stele daunia, una delle celebri lastre funebri che punteggiavano il territorio antico della Capitanata; e divenute oggetto del mito, perch ritenute pietre piantate dall'eroe greco Diomede come segnacoli per rivendicare il suo territorio; stele in forma umana che - gettate a mare - ritornarono di nuovo nel punto d'origine, magicamente. E cos vorremmo che tornassero, magicamente, tutti gli altri oggetti rubati.
H catalogo della refurtiva sarebbe immenso. Dal Museo Jatta di Ruvo manca all'appello l'intero monetiere, scomparso agli inizi del Novecento e mai pi ritrovato. Le monete d'altronde sono gli oggetti del patrimonio antico pi appetibili, perch facilmente trasportabili e commerciabili con consistenti guadagni. Lo sa anche 0 museo di Matera, sottoposto recentemente a un controllo per verificare quanto della collezione numismatica sia
stato rubato e manomesso.
Insomma una dispersione senza fine, che coinvolge casi ecla-tanti come la introvabile tela del Cozza, La Madonna del cucito, scomparsa dalla chiesa di San Bernardino a Molfetta, ma anche semplici arredi liturgici. Nel 2007, la media della ruberia nazionale stata calcolata sui tre furti al giorno. E l'elenco dei capolavori rubati, istituito dai carabinieri, annovera ormai una schedatura di oltre 2milioni e 700mila opere trafugate.
Ma pi dei musei sono le chiese a essere prese d'assalto. H Crocefisso di Canosa il caso di attualit. Tuttavia, come stato ricordato, con il prezioso oggetto scomparvero nel 1983 anche altri, tra cui il busto argenteo del santo patrono Sabino. Sar un caso, ma in quegli stessi anni ci fu una mora di santi patroni: a Taranto fu rubata dal duomo la statua argentea di San Cataldo, mentre nel dicembre dell'83 fu trafugato ad Andra il busto argenteo di San Riccardo (e con esso la statua bizantina della Madonna dei miracoli e un argenteo Ges alla colonna...).
Oggetti di rapina, per, non sono soltanto quadri, statue, reli-quiari, oreficeria, ma anche codici liturgici, specie se miniati. Nel 2002, il domenicano Gerardo Cioffar i, pubblicando per Laterza il volume II inondo fantastico del Medioevo nei codici liturgici della. Basilica di S. Nicola confinava in una noticina la notizia pi intrigante: la sparizione di un prezioso Evangelario. La noticina svelava in codice il mistero: Perduto intorno al 1970 durante
un riordino eseguito da Graziano Bellifemine e misteriosamente venduto da un antiquario barese, il codice stato recentemente ritrovato mentre stava per essere venduto dalla Sotheby di Londra. Ho tempestivamente informato i rappresentanti della Sotheby che hanno bloccato la vendita. L'attuale possessore vive a Mosca e mi ha contattato telefonicamente. Si spera in una soluzione positiva della vicenda e nel ritorno
del codice al suo naturale proprietario. L'augurio del domenicano si avverato. Grazie al piccolo zar Vladimir Putin che provvide a comprare l'Evangelario per regalarlo direttamente alla Basilica nel 2003. Non c' tuttavia sprovveduto che, leggendo quella noticina, non abbia collegato certi riordini con certe perdite! H nome di monsignor Bellifemine, molto colpevolmente sussurrato nelle sacrestie delle cattedrali pugliesi (soprattutto Monopoli e Molfetta), doveva a distanza di pochissimo tempo riapparire sotto una luce nefasta. Nel caveau di una banca fu trovato un tesoro, con oggetti che il solerte studioso di storia ecclesiastica pugliese aveva rastrellato e lasciato ai suoi eredi.
E riemerse allorch al Castello svevo di Bari, nel maggio 2005, il Nucleo Carabinieri per la Tutela del Patrimonio culturale, diretto allora da Michele Miulli, allest una mostra con il titolo La memoria ritrovata. In cui si esibivano dipinti, vasi, codici, statue, in gran parte di origine religiosa, che erano la meravigliosa refurtiva recuperata. Non mancava lo zampino del monsignore, n quale aveva - a quanto pare -provveduto a staccare da un Antifonario, custodito a Polignano a Mare, tre fogli miniati nel 1442 da Johannes Anglicus per commissione del vescovo Raone di Lecce, il cui stemma ripetuto in ogni pagina. Le miniature raffiguravano la Pentecoste, la Nativit, l'Assunzione e la Trinit come la dipinse Masaccio (e la ripropose qui in Puglia anche Stefano da Putignano in pietra). Capolavori che stavano per essere messi all'asta da Semenzato a Milano.



news

13-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news