LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Pubblicit, maxiposter solo in periferia. E in centro spot luminosi sui palazzi
Elisabetta Soglio
Corriere della Sera (Milano) 01/06/2008

La rivoluzione del piano pubblicit del Comune. Adesso deve passare in aula consiliare prima di diventare operativo
Il manifesto di Armani in via Broletto? Via. Quello in via Torino, vicino alla Fnac? Via pure quello. E cos tutti gli altri, un centinaio circa, esclusi quelli che coprono cantieri, affissi nel centro storico. Il repulisti della pubblicit in centro
riguarda poi tuttii poster, le targhe attaccate ai pali, le cosiddette pellicolature, i totem, i gonfaloni, gli impianti su tetto o su servizi automatizzati. La rivoluzione annunciata
dall`assessore comunale Maurizio Cadeo che l`altro giorno ha fatto approvare in giunta il piano della pubblicit, destinato ora al passaggio in aula consiliare prima di diventare operativo,
in teoria dal gennaio del 2009.
Il piano della pubblicit, atteso dal 1993, divide la citt in cinque spicchi (Cerchia dei Navigli, Cerchia dei Bastioni, Circonvallazione esterna, restante perimetro del centro abitato
e aree marginali) e definisce per ognuno di questi regole
specifiche. Fra i risultati della rivoluzione -targata Cadeo c`
anche un vantaggio economico per il Comune: oggi gli introiti
derivati da tassa di occupazione suolo pubblico e imposta
pubblicitaria sono di circa 20 milioni di euro all`anno.
Se verranno sfruttate tutte le possibilit dei piano, gli incassi
potranno aumentare del 40 per cento circa. La nuova disciplina
si accompagna infatti ad un aumento delle superfici destinate
ad accogliere messaggi promozionali: gli impianti per le pubblicit triennali passano dagli attuali ioo mila metri
quadri a 145 mila e vengono introdotti 20 mila metri quadrati
per supporti di arredo urbano e 20 mila metri quadri per impianti innovativi e tecnologicamente avanzati.
Sempre a detta dell`assessore, gli impianti pubblicitari dovranno
essere uniformati per colore e dimensione delle cornici.
Di pi: all`assessore, ma la proposta giunta da alcuni consiglieri comunali, piacerebbe che a Milano si creasse una
sorta di Pccadilly Crcus, tutta pubblicit luminose e colori
consentiti dal capitolo del piano dedicato agli impianti di
nuova generazione, tecnologicamente avanzati. Qualcuno
-- spiega Cadeo - pensa a San Babila e a Cadorna, a me non dispiacerebbe anche trasformare cos piazzale Loreto.
Resta ora da superare lo scoglio dei consiglio comunale,
contro cui il Piano si infranto negli scorsi anni. Cadeo ottimista, perch abbiamo cercato di costruire insieme queste
regole. Fabrizio De Pasquale, presidente della commissione
Arredo Urbano che ha gestito il progetto, conferma che i tempi di approvazione del consiglio dovrebbero essere brevi e come gruppo ci limiteremo a proporre tre emendamenti migliorativi. Il primo
- anticipa De Pasquale - prevede che i proventi della pubblicit
dai cantieri vengano usati per mitigare i danni che i cantieri stessi hanno creato dove erano stati allestiti. Chiederemo poi norme contro i furbi che fingono lavori per fare pubblicit sulle facciate.
Secondo il leghista Matteo Salvini, invece, c` ancora
troppa pubblicit ed pagata troppo poco. La citt potrebbe
guadagnare almeno l doppio e contro gli abusi, bisogna delegare
i controlli alle zone.
Critico, infine, il capogruppo pd, Pierfrancesco Majorino:
Il piano non prevede alcuna forma di sostegno al privato sociale e all`offerta culturale e non ci sono garanzie sul fatto che si evitino in futuro casi come quello delle Mura Spagnole dove c` stato eccesso di invasivit rispetto al patrimonio.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news