LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRENO: Management, beni culturali e pubblica amministrazione
Notiziario Marketpress di Marted 03 Giugno 2008



FESTIVAL ECONOMIA, GESTIONE BENI CULTURALI: LA SOLUZIONE VINCENTE ARRIVA DALLA FRANCIA

Trento, 3 giugno 2008 - Piaccia o non piaccia, i beni culturali del nostro Paese sono ancora appannaggio, o quasi, della pubblica amministrazione e un ruolo fondamentale ancora svolto dallapparato centrale, cio dal Ministero e dal suo complesso apparato periferico di soprintendenza.

Le sorti del patrimonio culturale italiano non possono dunque essere disgiunte n a livello normativo, n a livello operativo e nemmeno a livello di analisi da quelle del sistema pubblico nel suo complesso, e dal potente fenomeno di managerializzazione che lo ha recentemente investito.

Parte da queste considerazioni Management, beni culturali e pubblica amministrazione (Franco Angeli Editore), volume firmato da Sara Bonini Baraldi. Ripercorrendo i principali interventi di riforma che hanno connotato il settore dei beni culturali in Italia dichiara la ricercatrice di scienze aziendali allUniversit di Bologna ho analizzato in unottica di studioso di management il complesso funzionamento delle soprintendenze ed alcuni recenti cambiamenti che le hanno riguardate. Primo tra tutti la costituzione dei poli museali dotati di autonomia e lintroduzione di un intricato sistema di gestione. Quello che emerge stato sottolineato durante lincontro un quadro attualmente contraddittorio in cui il linguaggio giuridico e manageriale dialogano con estrema difficolt compromettendo le capacit delle amministrazioni di tutelare e gestire bene il patrimonio culturale del Paese. Sotto accusa la legge Ronchey e le riforme da essa scaturite. Riforme definite dallautrice del tutto inefficaci. Quello che si ottenuto ha affermato Sara Bonini Baraldi stata una carente autonomia periferica e la conferma del forte ruolo centrale del ministero. Sedici anni persi chiede il moderatore del dibattito Roberto Ippolito, Direttore delle relazioni esterne allUniversit Luiss? Non proprio risponde la ricercatrice c stato uno sforzo di introdurre strumenti manageriali per rendere pi efficace la gestione del patrimonio. Lintenzione, quindi, era buona. Gli effetti, al contrario, si sono rivelati critici. Lintento dei governi in campo dei beni culturali ha proseguito Roberto Balzani, docente di storia contemporanea allUniversit di Bologna, - stato quello di decentrare i costi per riorganizzare il settore. Si dato vita a poli regionali che hanno portato alla paralisi. In secondo luogo le privatizzazioni e le esternalizzazioni non hanno trovato funzionamento perch i musei non producono soldi. Risultato: i privati sono rimasti alla finestra. Quello che emerge che c una retorica nel management dal punto di vista teorico mentre dal punto di vista pratico c la burocrazia che blocca tutto. Un altro problema ha sottolineato Francesco De Biase, responsabile degli eventi culturali del comune di Torino come introdurre il cambiamento. La legge fotografa il cambiamento, in alcuni casi vuole produrlo e questo si scontra con il fatto che spesso quel cambiamento non pronto. Ma come pu una pubblica amministrazione, che per decenni ha gestito ogni aspetto, lasciare il posto alla managerializzazione? E necessario ha proseguito De Biase coinvolgere il personale in fase di elaborazione del testo normativo, formare i dipendenti, aggiornarli. Un modello da prendere come esempio quello francese. Le soluzioni trovate suggeriscono limportanza di un processo di cambiamento maggiormente partecipativo ed attento non solo alla definizione di nuovi obiettivi ma anche alla determinazione delle risorse necessarie al loro raggiungimento. Ma lItalia fa notare Roberto Balzani ha un patrimonio pi frammentato rispetto alla Francia. Ci sono alla base tradizioni che rendono complicata la creazione di una gestione comune del patrimonio. Quello che ci vorrebbe, forse, sarebbe una formazione unitaria per i conservatori. Una formazione al passo con i tempi, che si basi anche sullutilizzo delle nuove tecnologie. Oggi non siamo pi in grado di tutelare il patrimonio. E assolutamente necessario la messa in essere di forme gestionali diverse per territori ma unificati da un soggetto centrale. Concorde su questultimo punto anche De Biase che aggiunge: bisogna lavorare anche sulla fruizione culturale. Nel 2007 i beni culturali sono stati ammirati da 27 milioni di persone. 17 milioni di queste hanno concentrato la loro attenzione in cinque musei. Questo significa che ci sono oltre 300 musei con pubblico quasi assente. Il 50% dei visitatori, alluscita di una mostra, non si ricordano che cosa hanno appena visto. Forse perch il tempo in media dedicato alla visione di un quadro oscilla tra 1 e 3 secondi. Cifre, commentano i relatori, che non possono e non devono essere ignorati. . .

http://www.marketpress.info/notiziario_det.php?art=67516


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news