LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PUGLIA - Rubato 25 anni fa a Canosa crocifisso davorio rispunta a Parigi
TITTI TUMMINO
03 giugno 2008, LA REPUBBLICA - Bari



Il caso

La preziosa opera darte dal valore tra i 3 e i 6 milioni recuperata dai carabinieri

Arrestata una donna in Francia, denunciato un collezionista a Bologna


Ritorner presto a casa, nella Cattedrale di Canosa dalla quale fu rubato 25 anni fa, il magnifico crocifisso in avorio del XII secolo, valore fra i 3 e i 6 milioni di euro, recuperato a Parigi, grazie al lavoro congiunto dellUfficio centrale per la lotta al traffico dei Beni culturali di Parigi e del Comando carabinieri tutela patrimonio culturale. Unoperazione sinergica, condotta attraverso lInterpol nel mondo sotterraneo e misterioso dei trafficanti di opere darte, che ha portato anche allarresto di una donna francese, incaricata di periziare il prezioso reperto, per tentarne poi la vendita, da un collezionista bolognese, a sua volta denunciato per ricettazione.
Una storia complicata che potrebbe riservare altre sorprese. Lindagine prosegue - spiega il tenente colonnello Alberto De Regibus, capo ufficio del nucleo specializzato dei carabinieri - seguiamo il filone che ci ha portato sulle tracce delluomo denunciato e non escludiamo sviluppi. Lufficiale non lo dice, ma forse la speranza di riuscire a recuperare anche altri preziosi reperti - il busto in argento di san Sabino e il braccio del simulacro - trafugati sempre dalla Cattedrale di Canosa e sempre nellautunno dell83. Auspicio identico a quello espresso ieri da don Felice Bacco, parroco del duomo, appena ufficializzata la notizia del ritrovamento. Il crocifisso in avorio - racconta don Felice - fu trafugato nella notte tra il 9 e il 10 novembre del 1983. un oggetto di enorme pregio spirituale, oltre che economico; sicuramente una delle opere pi importanti del patrimonio cittadino: la croce bizantina con bracci uguali compare anche nella stemma del Comune.
Venticinque anni dopo il furto, il crocifisso riprende dunque il suo posto: Entro un mese per i tempi procedurali necessari - spiega il colonnello De Regibus - il reperto potrebbe ritornare in Cattedrale, accompagnato dalla polizia francese.
La croce era stata portata in Francia lo scorso aprile e offerta a tre milioni di euro contro una stima di 6. I colleghi parigini - spiega lufficiale dei carabinieri - hanno scoperto che sul mercato clandestino delle opere darte cera questo prezioso oggetto che spariva e ricompariva nei modi pi strani. Sono riusciti ad acquisirne la foto, ma, alla verifica, il crocifisso non risultava rubato. Data levidente manifattura italiana, hanno preso contatti con noi e qui ha giocato un ruolo fondamentale la banca dati dei Beni culturali.
Nellarchivio cerano infatti tutti i dettagli relativi al crocifisso rubato tanto tempo prima ed illegalmente esportato. Avuta la certezza della provenienza illecita dellopera, il reparto francese ha dato il via alloperazione, mentre lItalia ha avviato una richiesta di rogatoria internazionale per ottenerne la restituzione.
Non comunissimo che polizie di diversi Paesi dialoghino cos efficacemente fra di loro - conclude lufficiale italiano - ma in questo caso la sinergia stata totale. Loperazione sta anche a dimostrare limportanza della banca dati: il nostro fiore allocchiello, nato nei primi Anni 80, quando informatica negli uffici pubblici non esisteva.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news