LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bondi e le urgenze del settore
Antonio Autieri
BoxOffice 15/5/2008

Con la formazione del nuovo governo Berlusconi, il ministero dei Beni Culturali ha in Sandro Bondi il suo nuovo titolare. Dopo il biennio politicamente forte (con un ministro che era anche leader di partito e soprattutto vicepresidente del Consiglio), e da pi parti giudicato positivo, di Francesco Rutelli, il mondo del cinema si trova quindi a cambiare interlocutore. Bondi, che ha lasciato la carica di coordinatore di Forza Italia, comunque politico di primo piano; non si tratta certo di una nomina debole, come ai tempi della Prima Repubblica quando i Beni Culturali erano il fanalino di coda nei desideri dei politici che andavano al governo. Certo, l'eredit di Rutelli, ma anche di un altro recente ministro come Giuliano Urbani (che connot in maniera netta il proprio mandato), sono paragoni impegnativi per Bondi. Che lo sa bene, come dimostrano le dichiarazioni di apprezzamento per il lavoro di Rutelli.
L'impressione che, rispetto al predecessore (o a Veltroni, che si occup della materia una decina d'anni fa), Bondi presenzier meno a festival, manifestazioni, convegni. Soprattutto, perch conosce meno il mondo del cinema. Ma questo potrebbe non essere un problema, anzi: inutile fingere di essere quel che non si . E da un ministro ci attendiamo che contribuisca a risolvere i problemi, o permetta agli uomini del suo staff o agli enti che ne dipendono di lavorare bene: se poi partecipa o meno direttamente agli eventi secondario. Da questo punto di vista, ci sembra fondamentale la nomina di Salvo Nastasi (che si fatto apprezzare come direttore generale dello spettacolo dal vivo) a capo di gabinetto: la sua competenza e le sue relazioni con una parte del mondo con cui dovr interloquire sono un ottimo punto di partenza. Cos come la continuit rappresentata, per il nostro mercato, da Gaetano Blandini alla direzione generale cinema, che negli anni ha saputo raccogliere consensi unanimi attorno a s.
Altro aspetto fondamentale di metodo, sar il dialogo con il settore in tutte le sue componenti: dalle associazioni di categorie che rappresentano l'industria e l'esercizio al mondo della creativit (registi, attori), che pure inizialmente guarder con diffidenza - per motivi di "colore" politico - il nuovo ministro. Che per ci sembra abbia le qualit per poter impostare un confronto aperto e sostanziale.
Entrando nelle questioni che interessano il settore, sar fondamentale verifi-care la messa in atto - dopo l'approvazione dell'Unione Europea - delle norme di incentivo fiscale (il credito d'imposta, voluto da Rutelli, e il tax shelter introdotto grazie anche a Gabriella Carlucci e Willer Bordon, entrambe molto apprezzate dai produttori): soprattutto, auspicabile che siano solo il primo passo e che questo strumento sia rafforzato da adeguata disponibilit finanziaria Dal governo e dal ministero il settore - che, per fortuna, negli ultimi anni ha imparato a presentarsi ai tavoli istituzionali finalmente compatto - si aspetta una forte collaborazione sul fronte delle strategie che riguardano il cinema italiano all'estero: un tema, seguito da Box Office negli ultimi numeri, che per anni stato completamento disatteso dalle istituzioni. Servono, lo ribadiamo, strategie nuove e organiche e mezzi importanti: lo stesso settore che ha indicato le modalit, ed davvero largo il consenso all'auspicata societ mista, a capitale pubblico e privato; che sia una Filmitalia rafforzata o una societ nuova di zecca (ma senza disperdere professionalit ed esperienze). E se sono importanti altri due aspetti come la riduzione dell'Iva sul biglietto al 4% (che il cinema chiede, come da anni l'home video, per equiparazione ad altri prodotti di cultura come i libri) e un'uniformit delle norme regionali sull'apertura di nuovi multiplex (oggi regioni vicine possono avere regolamenti molto diversi tra loro: un'assurdit che crea confusione e incertezza sulle scelte degli imprenditori), un tema davvero decisivo sar quello della lotta alla pirateria. Un fenomeno devastante per il cinema e l'audiovisivo dal punto di vista dei danni economici e dell'allontanamento di fasce sempre pi larghe di pubblico "conquistate" dal consumo illegale. Le leggi, pur con qualche indebolimento, furono rafforzate con il ministro Urbani, ma sono sempre mancati i mezzi a chi combatte la pirateria (forze dell'ordine, magistrati, associazioni e istituzioni di categoria come la Fapav). una questione di sopravvivenza: se davvero si crede nel cinema non si pu continuare a sottovalutare questa guerra.



news

18-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news