LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bondi-Bottai secondo Jannuzzi, Trombadori e Guerri
Maurizio Grippa
il Foglio 30/5/2008

Milano. "No, Bottai non l'ho mai conosciuto, per questioni anagrafche, troppo piccolo anche per mettermi la divisa da Balilla, non ci sono mai riusciti", ricama con la consueta ironia Lino Jannuzzi, da qualche giorno negli abiti nuovi di portavoce del ministro dei Beni culturali, "solo nel '38, quando Hitler venne a Napoli, mi misero l'uniforme e mi portarono su via Caracciolo. Ma fu l'unica volta". Niente accostamenti dunque con Giuseppe Bottai, il "fascista critico", il governatore di Roma, il ministro delle Corporazioni nonch dell'Educazione nazionale, iI mussoliniano della prima ora, e anche poi dell'ultima, ma sempre sul filo dell'eresia teoretica, sempre pi a suo agio nel mondo della cultura che in quello delle parate, che pure non disdegnava. Per, per certi versi, il paragone un po' futurista tra Bottai e Sandro Bondi lo si pu fare, Bondi fedelissimo del Capo che per rivendica l'annessione di don Milani; ma ancor pi, secondo Jannuzzi "Bondi il fedelissimo di Berlusconi che per lo interpreta nella sua chiave originaria, quella per cui l'ha seguito: la rottura dei vecchi schemi politici, il liberismo non solo per gli spot in tv ma anche nel mercato delle idee. Lui interpreta quel berlusconismo". E secondo il portavoce amico e compagno d'avventura politica, "Bondi nel nuovo clima che si creato il predestinato a fare ottime cose; in virt della congiuntura favorevole, della sua cultura e della sua attitudine a dialogare, a costruire rapporti",
E Bottai? Ci fosse, un ministro con la caratura di un Bottai. In un ministero a lungo negletto nella storia repubblicana, ridotto alle funzioni taglia-nastri e dividi-prebende, una tempra d'intellettuale, un talento da organizzatore (e non solo di "eventi") servirebbe davvero. Ma bisogna prima ricordarsi del vero Bottai, "Fu il grande protagonista dell'interventismo della cultura nella politica; ma fu anche il grande protagonista dell'interventismo dello stato nella cultura", sintetizza Duccio Trombadori. "Bottai fu l'uomo della stagione futurista, ma anche l'uomo di collegamento tra la cultura e la politica. Protagonista del tentativo di portare le forze della cultura pi giovane, pi aperta, pi vivace, nelle istituzioni. Ma allo stesso tempo, fu anche il protagonista di un grande intervento dello stato nella cultura. Fu Bottai ad attuare la grande risistemazione del patrimonio culturale, con innovazioni, con interventi mirati, con leggi ad hoc. Ha creato l'Istituto centrale del restauro e la Quadriennale d'arte di Roma, ha contribuito alla nascita della Mostra del cinema di Venezia".
Per Trombadori, che pure sottolinea che nella storia d Bottai, come di nessun altro, non si pu dividere "un prima e un dopo, il Bottai della cultura da quello esecutore puntiglioso delle leggi razziali", bisogna per dare soprattutto il giusto apprezzamento al "fascismo liberale" di Bottai. Fu questa sua personale interpretazione del fascismo che "gli permise di sostenere sempre il potere e l'indipendenza della cultura. Bottai rifiut sempre di usare l'arte per 'suonare il piffero della rivoluzione'. Fin dal 1926 del famoso dibattito 'Esiste l'arte fascista?' su Critica fascista, a cui partecip il meglio della cultura italiana". Inoltre, Bottai stato un difensore dell'arte italiana, anche mettendola preventivamente al sicuro dai rischi .predatori della guerra. "Ma ha sempre inteso la cultura italiana in senso universalistico, di modernit". In questo senso, per saltare all'oggi, secondo Trombadori "il bottaismo nobilmente inteso un perfetto insegnamento per un ministro che voglia sostenere un'idea liberale della cultura ".
L'immagine d un ministro organizzatore virtuoso condivisa anche da Giordano Bruno Guerri, studioso e biografo di Giuseppe Bottai, sostenitore della figura di Bottai "fascista critico" (sua la lunga prefazione a "yent'anni e un giorno", i diari di Giuseppe Bottai appena pubblicati dalla Bur). Per Guerri "fu un grande organizzatore della cultura, e mi sembra che gli esordi ministeriali di Bondi, con tutte le cautele necessarie nel caso dei paragoni impossibili, siano indirizzati sulla buona strada". Prosegue Guerri: "Bondi senz'altro una persona pregevole per cultura, e rispettabile per il suo percorso. E' un uomo aperto, sta dimostrando di avere un atteggiamento inclusivo, e non esclusivo, nei confronti di tutti i settori della cultura. E in ci fa bene, perch la cultura non mai di una parte. Del resto, un atteggiamento analogo a quello che Bottai mantenne sempre: non dimentichiamo che fu anche il difensore degli Alicata e dei Vittorini. Li difese proprio in quanto antifascisti". Ma oggi serve, aggiunge Guerri, anche "un'economia della cultura, dalla valorizzazione del patrimonio alle donazioni deducibili. Ricordiamo la famosa legge del 'due per cento' voluta da Bottai per finanziare l'arte anche attraverso la spesa pubblica".



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news