LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VERONA - Goldin svela il giallo del Louvre
Gioved 29 Maggio 2008 L'ARENA




LEVENTO CANCELLATO. Lorganizzatore torna sul clamoroso annullamento. E si toglie qualche sassolino dalle scarpe, parlando anche di Van Gogh, Rodin e Boston
A Brescia il museo ha rinunciato perch il Comune non ha dato garanzie sulle altre mostre. E a Verona il caso pare identico


La mostra del Louvre prevista in Gran Guardia dal 19 settembre al 15 febbraio sarebbe saltata perch la dirigenza del museo francese non avrebbe avuto garanzie sufficienti sul fatto che la rassegna dei suoi 140 quadri fosse la prima di un pacchetto con altre tre che Marco Goldin, direttore di Linea dOmbra, aveva organizzato a Verona per i prossimi anni. Proprio come successo a Brescia per il museo di Santa Giulia, dove Goldin aveva messo in piedi (e gi pubblicizzato con locandina, riprodotta ieri da LArena) dal 27 settembre al primo marzo 2009 la mostra Da Leonardo a Ingres con le opere del Louvre, saltata perch il Louvre non era certo che la propria rassegna sarebbe stata unita ad altre tre, promosse da Goldin con analogo pacchetto con Van Gogh, Rodin e Boston.
COME A BRESCIA. La sovrapposizione fra le due vicende nasce leggendo una nota che ha inviato Goldin al nostro giornale, in cui, dicendo di volersi astenere dal commentare la cancellazione della mostra di Verona, spiega le ragioni per cui anche a Brescia (dove in autunno ce ne sar una su Van Gogh) era saltata la stessa mostra del Louvre. Il tutto riferito al nostro articolo in cui si diceva, fra laltro, che la seconda volta che salta una mostra del Louvre di Linea dombra.
Il progetto Da Leonardo a Ingres, scrive Goldin, si sarebbe dovuto svolgere nel museo di Santa Giulia a Brescia nel prossimo autunno e venne evidenziato in quattro pagine allinterno del quaderno pubblicitario dedicato alla mostra America!, conclusasi poche settimane fa a Brescia. Progetto, in accordo con il Louvre, che era quasi lo stesso di quello previsto per Verona a partire dal prossimo 19 settembre, e a cui venne poi modificato il titolo, in accordo con il museo parigino, in ragione di un ampliamento del compasso storico e critico del progetto.
Goldin poi racconta liter: In una riunione svoltasi a Brescia la mattina del 24 novembre 2007, ho informato i rappresentanti dei musei coinvolti nel progetto espositivo bresciano sui grandi musei del mondo di quanto segue: che la sola mostra sicura di aprirsi era la prima, quella dedicata al Louvre, e che le successive, dedicate ai musei di Boston, al Rodin di Parigi, al Van Gogh di Amsterdam e congiuntamente al Krller-Mller di Otterlo, cio le stesse proposte a Verona dopo il Louvre, non avevano alcuna certezza di svolgersi, dal momento che la citt di Brescia avrebbe eletto nella primavera successiva il nuovo sindaco, il quale avrebbe potuto cancellare il progetto. Questo a parte il Louvre, che sarebbe stato contrattualizzato legittimamente dalla amministrazione uscente.
Poi il passaggio sulla decisione del museo francese: Avuta questa notizia mi stata da tutti i presenti manifestata contrariet, in primis dai conservatori del Louvre che non gradivano dare il via con una loro mostra a un programma che poi avrebbe potuto cessare subito. Ho allora informato i rappresentanti dei musei, in quella stessa riunione, di una proposta che mi era giunta dalla citt di Verona, per avviare un importante progetto espositivo quadriennale e ho chiesto il loro gradimento sulleventuale nuova sede. Determinatosi senza indugio un giudizio positivo da parte loro su Verona, nelle settimane successive sono iniziati i contatti preliminari con i musei coinvolti.
LINCERTEZZA. Il Comune di Verona, nonostante la spedizione di Goldin a Parigi, Boston e Amsterdam (con assessore alla cultura Perbellini al seguito, ma solo a Parigi) per presentare le opere del pacchetto di quattro mostre, sinora aveva dato come certa solo la mostra del Louvre. Gi questa costosa, nove milioni di euro; esporsi quindi per analoghe cifre su altri tre eventi era stato ritenuto al momento improponibile. Seppure per motivi diversi, quindi, pare proprio la stessa circostanza di Brescia.
Goldin quindi dice di avere ovviamente informato immediatamente lallora sindaco di Brescia, Paolo Corsini, il presidente della Fondazione Cab, Alberto Folonari, e il presidente della Fondazione Brescia Musei, Agostino Mantovani, della volont dei cinque musei di non impegnarsi a Brescia in un progetto che avrebbe potuto abortire dopo il primo anno e senza alcuna garanzia di prosecuzione stante lelezione del nuovo sindaco. Con molto rammarico essi hanno preso atto della cosa e per questo sono stato invitato a formalizzare un nuovo progetto di mostra per lautunno 2008 a Santa Giulia. Cosa che ho puntualmente fatto, con la seriet e la professionalit che da oltre dieci anni contraddistingue la storia di Linea dombra e che tutti i musei del mondo, Louvre in testa, ci riconoscono.
Professionalit, conclude Goldin, che emerge anche dalla parte finale del comunicato stampa redatto a Parigi, con la direzione del Louvre la mattina del 22 maggio scorso e inviato ai giornali dalla nostra sede di Treviso.E.G.




news

21-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news