LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I talebani di Roma, minaccia per il patrimonio artistico
Massimiliano Tarantino
Il Piccolo, giornale di Trieste, 31/12/2002

Come si possono raccogliere svariati miliardi di euro per ripianare il debito pubblico, varare le riforme economiche ed investire sulla nuova occupazione senza affidarsi a stangate impopolari? Semplice, basta creare una societ per azioni dove far confluire tutto il patrimonio storico artistico dello Stato italiano ed organizzarne la vendita.
Peccato che la manovra, attuata dal Ministro per l'Economia Giulio Tremonti con l'avallo del Ministro per i beni culturali Giuliano Urbani tra l'aprile ed il giugno di quest'anno, sia stata scoperta e denunciata da uno dei maggiori storici dell'arte d'Italia, il professor Salvatore Settis, dal 1994 al 1999 Direttore del Getty Institute di Los Angeles ed oggi Direttore della Scuola Normale Superiore di Pisa.
Con il suo libro, Italia S.p.a. L'assalto al patrimonio culturale, Einaudi 2002, il professor Settis guida una crociata contro la societ Patrimonio S.p.a, che vede al suo fianco un mondo variegato composto da associazioni ambientaliste (Legambiente), uomini di cultura (Cesare Romiti) e comunit internazionale (i direttori dei pi importanti musei americani).
Il primo capitolo del suo libro s'intitola Talebani a Roma, siamo veramente governati da talebani?
Mi sono appropriato di questa locuzione, fatta in origine dalla presidente del Fai, la contessa Giulia Maria Crespi, e ripresa dal quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung, perch, condividendone la natura paradossale, mi sembrava potesse ben rappresentare la situazione che oggi stiamo vivendo nel campo della conservazione dei beni culturali, una situazione ai limiti dell'illegalit. In breve tempo, e senza curarsi dei vincoli posti dalla Costituzione e dal codice civile, si data un'incredibile accelerazione al processo di privatizzazione del nostro patrimonio artistico, si sono poste le basi legislative per una possibile vendita di massa di ci che rappresenta la storia e la cultura del nostro paese.
La legge del contendere la n.112 del giugno 2002, cosa prevede?
La possibilit di cedere la totalit del patrimonio dello Stato a due societ per azioni create per l'occasione, la Patrimonio dello Stato S.p.a. e la Infrastrutture S.p.a. Il patrimonio cedibile include tutti i parchi nazionali, tutte le nostre coste, tutti gli edifici storici di propriet statale, tutti i monumenti, musei, archivi, biblioteche, tutte le propriet demaniali, per un valore complessivo, secondo una dichiarazione del ministro Tremonti, di 2000 miliardi di euro. Se fosse un gioco di scatole cinesi per fini fiscali o per agevolare l'ingresso dei privati nel business museale, sarebbe solo un peggioramento di quanto prodotto dai precedenti governi. Ma non cos. L'art. 7 dice espressamente che la Patrimonio S.p.a. istituita per la valorizzazione, gestione e alienazione del patrimonio dello Stato. Non si era mai arrivati a tanto.
I ministri si difendono giurando che non hanno la minima intenzione di vendere. E lei stesso traccia una linea comune tra le mosse del Centrodestra e quelle dei ministri di Centrosinistra Veltroni e Melandri.
Negli ultimi anni si verificato un profondo mutamento di cultura istituzionale e civile che ha coinvolto ministri di destra e di sinistra e, in particolare, gli ultimi tre (Veltroni, Melandri, Urbani). Il discorso andato radicalizzandosi e Urbani si spinto, insieme a Tremonti, molto pi in l di quanto avessero fatto i suoi predecessori, ma certo questi ultimi hanno spianato la strada. Pu essere benissimo che gli attuali ministri non intendano vendere niente di importante. Ma il punto che la nuova legge lo consente, e perci va cambiata, per evitare che accada fra due, cinque, dieci anni.
Dare spazio ai privati equivale spesso a prendere come modello il sistema americano. Nel suo libro lei mette in evidenza le differenze parlando di colossale fraintendimento.
Il paragone con gli Usa viene fatto a sproposito, parlando di musei, e suggerendo che, dato che i musei americani sono privati ed efficienti, i nostri, per essere efficienti dovrebbero esser privatizzati. Grande stupidaggine: i Musei americani sono in grande maggioranza privati ma in quanto fondati da privati con enormi capitali, che continuano a fruttificare. Non c' negli Usa un solo museo che sia in attivo: tutti sono ampiamente con i conti in rosso, ripianati poi dagli interessi del capitale investito. In Italia, invece, chi parla di dare ai privati la gestione dei musei immagina, suppongo per ignoranza e non per disonest, che i privati possano guadagnarci.
possibile coinvolgere i capitali privati?
Gli operatori privati devono essere chiamati a collaborare alla gestione del nostro patrimonio culturale ma questo non deve essere fatto smantellando la pubblica amministrazione. Ben vengano i capitali privati per migliorare e ampliare le strutture esistenti, per sovvenzionare progetti di restauro o altro, ma si prenda esempio, e questa volta in maniera fedele ed informata, dal sistema americano. Si decida di defiscalizzare gli investimenti privati e di accettare l'aiuto dei mecenati senza che questi abbiano un ruolo nella gestione, o ancora peggio nella propriet, di quanto sovvenzionato. Lo Stato avrebbe a disposizione capitali da investire e i privati sarebbero invogliati a donare per il loro guadagno fiscale. Un circolo virtuoso che chiediamo da troppi anni e che sarebbe ora di innescare finalmente.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news