LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monumenti in vendita?
Allarme per Un decreto legge in discussione al senato

Francesco Erbani
La Repubblica 29/05/2002

Come un capofamiglia con l'acqua alla gola, lo Stato potrebbe andare al Monte di Piet a impegnare i suoi pezzi migliori. Scuole, caserme e ospedali, ma anche musei, palazzi storici e siti archeologici. L' allarme viene lanciato da tutte le principali associazioni ambientaliste (Wwf, Legambiente, Italia Nostra, Fai, Comitato per la bellezza, Greenpeace e altre ancora). Contestazioni arrivano dalla Corte dei Conti. Molto critica l' Associazione dei Comuni. Si mobilita l' Assotecnici (che riunisce i funzionari delle Sovrintendenze). Alcuni sovrintendenti manifestano preoccupazione. L' Ulivo e Rifondazione annunciano battaglia. Monumenti in vendita? Gli occhi sono puntati sul decreto legge che porta il nome del ministro per l' Economia Giulio Tremonti (n. 63 del 2002) e che da ieri ha iniziato il cammino per essere convertito in legge al Senato, dopo l' approvazione un paio di settimane fa alla Camera. E' un testo molto complesso, riguarda la riduzione del deficit pubblico. Ma l' attenzione si fissa su due articoli, il 7 e l' 8. Il primo prevede l' istituzione di una societ, la Patrimonio S.p.A., che ha il mandato di gestire, valorizzare e alienare l' intero patrimonio dello Stato. Fra le possibili destinazioni dei beni dello Stato anche la Infrastrutture S.p.A. (ne parla l' articolo 8), che a sua volta potrebbe venderli per finanziare opere pubbliche.
E' un gioco a incastro, denunciano le associazioni ambientaliste, in cui, per ipotesi, una residenza reale di propriet dello Stato potrebbe essere venduta su iniziativa del ministero dell' Economia o per contribuire a ridurre il deficit oppure per tirar su un viadotto. Il ministro per i Beni Culturali Giuliano Urbani giudica infondato ogni allarme: Le nostre competenze non sono affatto modificate: nel decreto legge sono state inserite norme che subordinano il trasferimento dei beni di particolare valore storico e artistico all' intesa con il ministero. Ma le precisazioni del ministro non tranquillizzano Pietro Giovanni Guzzo, sovrintendente di Pompei ed Ercolano: Mi preoccupa che si possa misurare il valore di un bene culturale solo perch monetizzabile. E' una visione completamente opposta a quella che abbiamo nutrito finora, e che caratterizza molta parte della civilt moderna. I Greci non avevano dubbi sul fatto che l' Acropoli dovesse restare pubblica e solo dopo le guerre del Peloponneso e la peste fusero l' oro della statua di Atena e lo vendettero. Mi domando: siamo anche noi ridotti in queste condizioni di bancarotta?. Urbani insiste: nessuno vuol vendere il Colosseo. E' l' auspicio di tutti, replicano le associazioni: Ma perch le norme non contengono limiti alla cessione dei beni? Perch non si specificano categorie di beni assolutamente invendibili?. Il matrimonio fra pubblico e privato stato celebrato anni fa, con la legge Ronchey. Ha partorito altre leggi e altri regolamenti. In molti casi funziona bene. Male in altri. Ma una cosa gestire l' acc oglienza, i servizi, i parcheggi o i bookshop, aggiunge Guzzo, altra garantire la tutela. Quindi l' opposizione non ai privati, ma all' uso che un privato farebbe di un' area archeologica, per esempio, mirando al massimo profitto e non al binomio tutela pi valorizzazione.
Giovanna Melandri, ex ministro dei Beni Culturali, se la prende con il suo successore: Urbani accetta che le politiche culturali tornino a quel ruolo ancillare che avevano in passato, quando a dirigere il ministero mandavano i socialdemocratici. Durante i governi di centrosinistra ci fu pi di un attrito fra Beni Culturali e Tesoro, ma siamo sempre arrivati a soluzioni accettabili. Qui comanda Tremonti. Il patrimonio artistico e paesaggistico viene considerato uno strumento per fare cassa, non un fine . Ieri davanti al Senato si svolto un sitin organizzato dai Verdi e da altre associazioni ambientaliste. La maggioranza ha fretta di approvare il decreto, pena la sua decadenza. Ma perch non si scelta la strada del disegno di legge? Che fretta c' era? E poi: non si potevano almeno stralciare i due articoli che riguardano la Patrimonio S.p.A.?, replicano le opposizioni, alle quali si sono aggiunti esponenti del Polo come Teodoro Bontempo. I problemi spuntano e si moltiplicano. I vantaggi economici sono tutt' altro che certi, come ha denunciato la Corte dei Conti, spiega Gaetano Benedetto, vicepresidente del Wwf. E' insensato mettere a rischio il nostro patrimonio senza avere la sicurezza di raggiungere l' obiettivo. Il vento soffia, ma qualcuno corre ancora pi veloce. Il Consorzio di Bonifica del Basso Volturno ha messo in vendita il Casino reale di Carditello, a pochi passi da Caserta. Si tratta di un edifico tardo settecentesco, realizzato dallo stesso architetto di San Leucio. Qui Ferdinando IV di Borbone custodiva le razze pregiate di cavalli. La residenza, un gioiello, molto malandata e ospita un Museo della civilt contadina. Ma che ne sarebbe se finisse in mano ai privati? si domanda inquieto Francesco Canestrini di Italia Nostra. La Regione Campania si dichiara disponibile ad acquistarla: ma cosa succeder se passa il decreto Tremonti?



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news