LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Stop degli alleati alle deleghe di Lombardo
EMANUELE LAURIA
GIOVED, 29 MAGGIO 2008 LA REPUBBLICA - Palermo

Ilarda al Lavoro, poltrone leggere per Fi che ferma tutto. Pdl in pezzi: slitta lArs


Non c accordo sul governo della Regione e su quello dellAssemblea, non c intesa neppure allinterno del Pdl che non riesce a formare un gruppo unico allArs. Il centrodestra che ha fatto il vuoto alle elezioni di aprile, e che dispone di 61 deputati su 90 a Sala dErcole, simpantana nella corsa alle poltrone. Ieri Raffaele Lombardo ha comunicato ai vertici siciliani del Popolo della libert il suo orientamento per lattribuzione delle deleghe. Con numerose sorprese, tuttaltro che gradite dagli alleati: alla componente forzista, oltre che lAgricoltura per il "tecnico" La Via, il presidente vorrebbe dare il Bilancio (dove andrebbe Giambattista Bufardeci), la Presidenza e la Famiglia (per Michele Cimino e Francesco Scoma). Con unaltra evoluzione dellultima ora, Lombardo ha deciso di mandare il magistrato Giovanni Ilarda al Lavoro, che come la Sanit (affidata a Massimo Russo) un ramo damministrazione interessato da inchieste giudiziarie. Lelenco degli incarichi prevederebbe anche lassegnazione di Beni culturali e Industria agli Udc Antonello Antinoro e Pippo Gianni, Turismo e Cooperazione a Luigi Gentile e Carmelo Incardona, esponenti di An. Il governatore terrebbe per lMpa il graditissimo Territorio (dove si sederebbe il fedele Giuseppe Sorbello) e i Lavori pubblici per Roberto Di Mauro.
Proposta che i big del Pdl hanno rimandato al mittente: troppo leggere le deleghe per i forzisti, che chiedono almeno i Beni culturali, mentre il coordinatore regionale di An Giuseppe Scalia non vuole rinunciare al Lavoro, dove invierebbe Gentile, deputato a lui vicino. La divergenza di vedute sulla giunta ha accresciuto la tensione in una maggioranza che risente del grande gelo fra Lombardo e Salvatore Cuffaro (non si sono pi parlati da quando il governatore ha escluso dalla lista degli assessori Nino Dina) e che ieri implosa allArs. Subendo il secondo passaggio a vuoto nel giro di sei giorni, dopo quello che aveva fatto slittare lascesa di Francesco Cascio alla Torre pisana. A saltare, stavolta, stato il voto per lufficio di presidenza, in mancanza di unintesa fra il Pdl, che per il ruolo di vicario di Cascio sponsorizza il deputato di An Santi Formica (estromesso dalla giunta), e lUdc che spinge un altro messinese, Giovanni Ardizzone. Laula, dopo un paio di rinvii, ha approvato a maggioranza una richiesta di slittamento dei lavori al 5 giugno, presentata dal capogruppo dellMpa Lino Leanza. Decisione che, sul piano formale, ha lasciato qualche dubbio nellopposizione: Cascio ha spiegato di avere avallato questa procedura anche per definire la formazione di tutti i gruppi parlamentari. Ma si preso subito le prime critiche di Antonello Cracolici, capogruppo del Pd: Il rinvio dellArs segna un precedente grave e inficia pesantemente il prestigio di questa presidenza, che non doveva in alcun caso permettere che beghe interne alla maggioranza prevalessero sulle regole parlamentari. Cracolici sottolinea che governo e parlamento sono in totale impasse, mentre la Sicilia aspetta risposte.
I suoi nomi per lufficio di presidenza il Pd li ha designati ieri, al termine di una riunione di gruppo: i trapanesi Camillo Oddo e Baldo Gucciardi sono stati indicati rispettivamente come vicepresidente e deputato questore, Gaspare Vitrano designato per il posto di deputato segretario. Fuori due "big" come Calogero Speziale e Giovanni Barbagallo, che peraltro potrebbe lasciare il posto di vice capogruppo a Francesco Rinaldi. Barbagallo non lha presa benissimo ma glissa elegantemente: C stata unindicazione del capogruppo, che si era consultato con i vertici di partito. I criteri di scelta? Onestamente non li conosco. Ma va bene cos.
Clima ben diverso da quello che si respirato nella riunione dei 34 deputati di Forza Italia e An. Dopo tre ore di dibattito, il Pdl non riuscito a eleggere un capogruppo. Per votare il forzista Innocenzo Leontini, gli esponenti di An vogliono garanzie sulla vicepresidenza dellArs per Formica. Assicurazione che, a causa del veto dellUdc, nessuno in grado di dare. Situazione di stallo che finisce per rafforzare la posizione di chi, allinterno del nuovo soggetto politico berlusconiano, preferisce mantenere due gruppi separati allArs per una questione di convenienza: questa soluzione comporterebbe un posto in pi in consiglio di presidenza per il Pdl e, ovviamente, due ulteriori poltrone, di capogruppo e di vice, dove sistemare gli scontenti. Ma la divisione in due gruppi parlamentari non sarebbe vista di buon occhio a Roma, sullasse fra Palazzo Grazioli e via della Scrofa. Sullo sfondo c anche la partita per il posto di coordinatore di Forza Italia, lasciato libero da Angelino Alfano, e in prospettiva per la guida del Pdl. Gianfranco Miccich punta sul fedelissimo Mario Ferrara ma convergerebbe sul nome di Bufardeci, come proposta di mediazione con laltra ala del partito che invece fa il tifo per Dore Misuraca. E ieri il neosottosegretario alla Presidenza ha sparato ad alzo zero sui colleghi: La paradossale situazione politica siciliana non ha precedenti. La responsabilit di tutto ci non che dellimprovvisata e maldestra gestione della coalizione e a monte dei singoli partiti. A questo punto Lombardo, per evitare il caos totale, prenda in mano la situazione contattando le singole componenti politiche e cercando di stabilire con equilibrio e un certo spirito di sacrificio quella necessaria condivisione fra tutti.
Davanti a queste fibrillazioni, ai leader della ex Cdl non resta che prendere tempo. Lombardo aveva convocato per ieri un vertice di maggioranza, rinviato a questa sera su richiesta degli alleati. A questo punto, come spiega il capogruppo dellMpa Leanza, salta anche lassegnazione delle deleghe agli assessori da parte di Lombardo, prevista per stamattina: Sar posticipata di qualche giorno.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news