LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIOMBINO. Sviluppo e bonifiche, pronti alla svolta decisiva
Giorgio Pasquinucci
MERCOLED, 21 MAGGIO 2008 IL TIRRENO - Grosseto


Si apre il confronto sulle scelte urbanistiche per larea portuale e industriale


La Lucchini propone il mini-mill per coils al parco rottami

In gergo la chiamano Utoe 9. In concreto sar la definizione dellassetto urbanistico dellarea pi rilevante per lo sviluppo economico della citt, dal piano regolatore portuale a quello della nautica da diporto e della cantieristica, dalle bonifiche ai nuovi assetti dellindustria, dalla nuova viabilit con la 398 e il nuovo assetto rete ferroviaria a servizio delle banchine.

Lo studio preliminare terminato e luned prossimo, al Circondario, ci sar il primo incontro con tutti gli assessori e consiglieri comunali della Val di Cornia, i sindacati e le associazioni ambientali e di categoria, le principali aziende, la Regione e la Provincia.

Che cosa c davvero in gioco? Lo abbiamo chiesto al sindaco di Piombino e presidente del Circondario Gianni Amselmi.

Laccordo per il trasferimento dei fanghi di Bagnoli - spiega Anselmi - ha prodotto unaccelerazione della progettazione urbanistica e della progettazione di opere strategiche. Tra poche settimane avremo in mano il progetto preliminare della Sat per la 398, lAutorit portuale ha gi inviato il progetto per i nuovi banchinamento al ministero dei Lavori pubblici e avviato lelaborazione del Prg portuale, di cui laccordo per Bagnoli prevede lapprovazione entro lestate. Dal canto nostro dovevamo definire la pianificazione dellUtoe 9 e il piano della nautica, anche sulla base dellaccordo sulle bonifiche e la reindustrializzazione che stiamo trattando con i ministeri dellAmbiente e dello Sviluppo economico. Abbiamo deciso di non procedere a settori ma di tenere tutto allinterno di un unico accordo di pianificazione urbanistica.

Quando contate di concludere questo lavoro?
Secondo laccordo per Bagnoli, il Prg del porto doveva essere pronto entro giugno, andremo probabilmente oltre questa scadenza, ma solo di qualche settimana. Entro lestate intendiamo portare in Consiglio ladozione di tutta la pianificazione dellarea. I tecnici del Comune e quelli dellAutorit portuale hanno lavorato molto in questi mesi, confrontandosi che i vari livelli istituzionali, le aziende e il progettista della Sat La Camera per la 398. Le proposte sono definite e da luned iniziamo un confronto che proseguir interessando le forze politiche e tutti i Comuni del Circondario. Il quadro pronto, insomma, ma bene precisare che niente gi stato ancora deciso.


Nellambito di questa parte della pianificazione dovrete risolvere anche il problema della collocazione dei nuovi impianti programmati dalla Lucchini, in particolare il mini-mill per i coils, che a quanto pare i tecnici dellazienda vorrebbero costruire nel parco rottami, contiguo allarea di Citt Futura che deve essere recuperata. Che ne pensa di questo?


Realizzare il mini-mill al parco rottami dal punto di vista urbanistico sarebbe una discontinuit rispetto al progetto dallargamento di Citt Futura. Lazienda sostiene per che il nuovo impianto, che sar in colata continua, deve essere vicino allacciaieria per motivi tecnici. Forse potrebbe essere addirittura demolita lintera palazzina della direzione per fargli posto. Credo che sia nostro dovere valutare con seriet il progetto. Siamo infatti difronte ad un investimento considerevole che punta sulla qualit e sulla diversificazione produttiva della Lucchini, in pi aderisce anche alle istanze che da tempo vengono dalla citt. Si parla di un incremento occupazionale di 200 unit, tra laltro, e non si pu risolvere il problema con quattro chiacchiere.

E per la nautica quale sono le proposte?
Abbiamo dato incarico ai tecnici di valutare i pro e i contro di tutte le ipotesi in campo per il porto turistico indicate dallo studio Aminti-Pranzini: Foce del Cornia, Chiusa di Pontedoro, Poggio Batteria. Dobbiamo poi definire larea per la cantieristica, produzioni di scafi e riparazioni, che ha bisogno di capannoni e piazzali. E evidente che sia la Chiusa che Tor del Sale presentano lo stesso problema della vicinanza con insediamenti industriali. I criteri di scelta devono dunque essere altri, come altri, come la presenza delle infrastrutture viarie, la sostenibilit del finanziamento dellinvestimento per il privato, limpatto delle opere. Per il porto turistico i progetti su Poggio Batteria hanno il vantaggio della disponibilit di alti fondali e il facile collegamento con la citt. Per la cantieristica, anche per contatti che personalmente ho avuto con imprenditori di rilievo nel settore, non invece indispensabile un ambiente privo di qualsiasi inquinamento, poich tutta la costruzione degli scafi avviene in capannoni chiusi e solo lassetto nei piazzali. Per la nautica il nostro piano strutturale mette comunque a disposizione 10 ettari. I cantieri Benetti a Livorno ne hanno 5, con due capannoni in cui vengono lavorate quattro barche in serie.

Ma dove pensate di collocare la cantieristica e lapprodo di servizio?

Ci sono anche vincoli tecnici e morfologici da considerare. Ma guardiamo anche la possibilit di acquisire aree industriali non utilizzate dalla Lucchini e per questo confidiamo nella disponibilit dellazienda, anche in riferimento alle aree che propone di utilizzare per il mini-mill. E poi chiederemo alla Lucchini di rimuovere anche la discarica sequestrata dalla Finanza, facendo spazio anche alla cantieristica. Ma l potrebbero stare anche i carbonili, risolvendo lannoso problema. La fabbrica deve comunque contenere gli spazi. Se lindustria civile sar possibile condividere le esigenze di diversificazione delleconomia e la necessit di innescare nuovi motori dello sviluppo.

Ma se dovesse saltare laccordo coi ministeri dellAmbiente e dello Sviluppo economico, visto che il governo cambiato, questo sforzo di pianificazione potrebbe avere la stessa sorte?

Ci misureremo con questo governo. Ma intanto ribadisco che senza laccordo Bagnoli molte cose non si sarebbero mosse. Io non sono certo innamorato dei fanghi, ma voglio risolvere i problemi critici della citt. Se col nuovo governo non si far laccordo sulle bonifiche, la reindustrializzazione e il trattamento dei rifiuti industriali, i fanghi di Bagnoli, per quanto mi riguarda, resteranno dove sono. E se si fanno le infrastrutture comunque, anche senza i fanghi, non saremo certo noi a volerli, ce lo ha chiesto il governo. Il terreno su cui camminiamo in ogni modo oggi pi forte. Nessuno pu non riconoscere che la 398 una priorit per lo sviluppo del porto o limportanza delle bonifiche anche a livello nazionale. Nessuno, a partire dal ministro Matteoli, con il quale abbiamo firmato anche un accordo sulle bonifiche nel 2005 che prevedeva finanziamenti per 45 milioni, pu sottovalutare queste esigenze. E certo il fatto che oggi sia ministro delle Infrastrutture ci pu facilitare. Conosce la zona e i nostri problemi e sa che la 398 significa sviluppo del porto. Anche il ministro dello Sviluppo economico Scaloja aveva rivendicato, in unassemblea della Confindustraia a Livorno, il merito al suo governo per laccordo che insieme a Metteoli aveva firmato per il suo dicastero dallallora ministro Marzano. Ci aspettiamo che il governo di centrodestra mantenga quanto meno gli impegni che per questarea si era preso il precedente esecutivo di centrodestra.



news

19-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news