LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BENI CULTURALI - Restauri, pochi soldi e spesi solo al 40%
Arturo Carlo Quintavalle
Corriere della Sera 11/05/2008

Per il restauro dei Beni architettonici lo Stato riesce a spendere ogni anno solo il 40% dei denari disponibili mentre, per restaurare tavole, tele, affreschi, sculture, oggetti mobili
di ogni genere, riesce a spendere il 6o% delle somme stanziate. Certo, il trend appare positivo, nel 2004 si usavano solo il 4o% degli stanziamenti mentre nel 2007 si giunti appunto al 6o%.
Altro problema quanto lo Stato direttamente mette a disposizione per i restauri: nel 2004 erano 26 milioni di euro, 29 nel 2005, solo 18 nel 2006, 28 nel 2007; certo, a quelle cifre si deve
aggiungere quanto viene dal Lotto, beni i milioni di euro nel 2007, che innalzano la intera cifra a disposizione a oltre 4o milioni di euro, ma resta il fatto che ne sono stati spesi 24 circa mentre i6 sono andati a residuo.
Perch dunque si riesce a spendere per i Beni architettonici meno della met delle cifre stanziate e il 6o% per i Beni storico-artistici?
Risponde Roberto Cecchi, direttore generale del ministero per i Beni culturali: Sono le procedure, le gare d`appalto imposte dalla legislazione europea oltre una certa cifra, a dilatare enormemente i tempi del restauro architettonico, mentre in genere il restauro di un dipinto, di una scultura, di un affresco costa molto meno e permette interventi rapidi. Il soprintendente, il direttore del museo affida l`opera direttamente a un tecnico di fiducia e per questo il restauro si conclude spesso entro l`anno. A volte per i tempi si allungano. Infatti quando inizi un restauro non puoi conoscere tutti i problemi tecnici, come
nel caso della Madonna del Cardellino di Raffaello, per fare un esempio, dieci anni di lavoro all`Opificio delle pietre dure, o come nel caso di opere di grandissimo peso storico per le quali
una lunga ricerca preventiva si impone, e ricordo solo quelle di Cimabue e Giotto da Assisi a Padova.
Un altro problema, anche questo non ancora risolto, quello della conoscenze.
Quanti sono e dove sono i Beni dello Stato, salvo quelli nei musei, difficile saperlo proprio perch la catalogazione di questi Beni ancora oggi molto carente, a oltre un secolo dalla creazione degli istituti di tutela.
Si calcola che, per i Beni architettonici, il catalogo sia giunto solo al 3o%, per cui il 70% resta non tutelato; del resto nessun ente locale o privato ha interesse a una schedatura che limita il
valore venale dell`edificio e impedisce la sua distruzione o delle modifiche sostanziali. Cos si mette a rischio, sottolinea Cecchi, proprio la integrit del patrimonio ma anche la fisionomia dei nostri centri storici. Va peggio per per i cosiddetti beni
mobili. Il catalogo di questi, nonostante decenni di lavoro, resta a 4 milioni di pezzi, mentre la Cei ne ha schedati 2 milioni, ovviamente nelle chiese. Ma quante sono le opere da
schedare, fuori dei musei, nel territorio e nel privato?
Anche dopo le razzie degli antiquari nelle chiese di tutta
Italia negli anni dai '6o ai `70, rese difficili in seguito
grazie all`impegno del Nucleo di tutela dei carabinieri e adesso all`impegno della Chiesa stessa, si calcola che il patrimonio pubblico schedato sia circa un quinto di quello esistente. Insomma un invito indiretto alla distruzione, o alla svendita.
Quanto al patrimonio privato la percentuale dei beni schedati e sotto tutela potrebbe essere inferiore al io per cento, e si parla sempre di dipinti, di arredi significativi, opere da battere nelle
maggiori aste.
Altro problema, il numero dei funzionari e la loro distribuzione sul territorio.
Le soprintendenze in Italia sono 26 ma sono soltanto 300 gli storici dell`arte, con assurde concentrazioni, per esempio a Firenze e a Roma, e quasi nessuno in periferia dove i problemi sono certo maggiori. La caratteristica dell`Italia rispetto a Francia o Germania o altri Paesi dell`occidente la cultura diffusa sul territorio - precisa Cecchi - con la differenza che la nostra civilt nasce, oltre che dalla qualit e quantit dei monumenti, proprio dalla ricchezza del tessuto delle opere considerate un tempo minori e che sono la chiave per capire il sistema.
Per valorizzare il tessuto artistico del nostro Paese si sono creati quattro grandi poli museali che fanno centro su Venezia, Firenze, Roma e Napoli.
Il sistema di Roma comprende 7 musei, 4 quello di Venezia, 6 quello di Napoli, ben 20 quello di Firenze. Si anche realizzato un biglietto cumulativo a poco prezzo per tutti i musei del sistema: si va dai 18 euro di Venezia agli i 1,50 di
Firenze, e questo facilita la ridistribuzione dei visitatori
e depolarizza i musei chiave, Accademia a Venezia, Capodimonte a Napoli, Uffizi e Pitti a Firenze, Borghese e Barberini a Roma. Un altro fatto importante il prossimo raddoppio delle superfici dei maggiori musei, il che vuol dire servizi e crescita del numero delle opere esposte; si sta passando dai 5.400 ai 12.000 mq agli Uffizi, dai 6.ooo ai 12.000 alle Gallerie dell`accademia a Venezia, dai 2.500 ai 4.ooo alla Galleria nazionale dell`Umbria, mentre Palazzo Barberini cresce di 2.700 mq.
Da due generazioni almeno l`Italia, sulla metodologia del restauro e sulle tecniche, ha assunto un peso internazionale che nasce anche dalla fondazione dell`Istituto centrale del restauro a Roma, proposto da Giulio Carlo Argan e da Cesare Brandi il quale lo diriger con passione per molti anni. La sua Teoria del restauro tradotta ovunque, adesso anche in cinese, e specialisti italiani sono chiamati a proporre modelli di intervento per la Grande Muraglia e per la Citt Proibita a Pechino, ma essi operano anche in Egitto e ovunque, in Europa e fuori. E poi esistono competenze assolutamente uniche come quelle che si concentrano nell`Opificio delle pietre dure a Firenze: L`Opificio prosegue la tradizione
artigiana toscana e ha sviluppato conoscenze amplissime, dal legno ai metalli, dalle ceramiche ogni genere di supporto ricorda Antonio Paolucci, gi soprintendente della Toscana e adesso direttore dei Musei vaticani.
Ma allora quali possono essere le proposte urgenti di intervento? Prima di tutto una grande leva di specialisti, reclutati nelle universit, per la catalogazione dei materiali; urge quindi almeno
raddoppiare il personale scientifico dei musei, ce ne sono pi al Metropolitan di New York che in tutta Italia, e vigilare sulla distribuzione sul territorio. Quanto alla spesa non si pu pensare
di investire soltanto 4o milioni di euro in un patrimonio che, da solo, porta in Italia ogni anno 30 milioni di turisti. Infine si dovr spostare l`accento dai grandi restauri al tessuto minore,
indispensabile per salvaguardare l`immagine stessa della nostra cultura.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news