LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - chi si occupa del centro storico
GIUSEPPE GUIDA
LUNED, 12 MAGGIO 2008 la repubblica - Napoli


Il documento-denuncia, redatto dallIstituto Nazionale di Architettura e da diverse associazioni civiche napoletane, sullo stato di degrado in cui relegato un centro storico come quello di Napoli, senza politiche attive, programmi e progetti validi di trasformazione e conservazione, tuttaltro che una boutade da intellettuali salottieri, ma un invito preoccupato e consapevole cui fornire una risposta non ambigua e in tempi brevi.

Nella sede dellUnesco a Parigi, per, pi che allarmati si saranno meravigliati: chi ottiene il difficile inserimento nellelenco del Patrimonio Mondiale dellUmanit non ne abbandona il destino al caso, ma ne fa vanto e motivo di interesse prioritario, volano di sviluppo e di turismo, dispone azioni scaltre per ottenere finanziamenti e chiede tempi rapidi per spenderli con progetti sensati.


Il centro storico di Napoli stato rimosso dallagenda politica, come ha scritto Pasquale Belfiore su queste colonne, e alle sostanziali questioni urbanistiche si sono sostituite quelle pi comode e oleografiche: reportage ripetitivi su presepi e pastori, finti artigiani, finta buona cucina tipica, finti arredi urbani in finta pietra vesuviana, finte finestre in legno, finte aree pedonalizzate, finti programmi di recupero, spesso troppo epidermici a fronte dei consistenti finanziamenti messi in campo.
Questi scenari di cartapesta, che, chiss perch, convincono lassessore Laudadio, probabilmente preoccuperanno il presidente dellUnesco, ma certamente stanno spaventando i cittadini, quelli che le questioni irrisolte le saggiano ogni giorno, perdendo fiducia nelle istituzioni e guardando di traverso quei pochi, puntuali progetti che vengono comunque portati avanti.
E cos, tanto per dirne una, i lavori per la nuova stazione della metropolitana nella piazza di Santa Maria degli Angeli, una trasformazione che sta avvenendo in pieno centro storico, hanno lasciato nello sconcerto cittadini, intellettuali e tecnici, uniti, questa volta, dal comune sentire di chi si vede espropriato di un bene pubblico e ai quali non importa che si realizzer uninfrastruttura fondamentale e nemmeno che lattuale piazza in realt un ricettacolo di cacche di cani, poco frequentata e poco apprezzata dagli stessi abitanti. Essi, forse, non credono pi che un centro storico sia in grado di rinnovarsi o non credono che chi delegato a mettervi le mani sia in grado di rinnovarlo. E cos non si discute del progetto dellarchitetto Siola, di come e se migliorarlo, ma di otto pini che, inevitabilmente, dovevano essere tagliati. Il ben pi complesso problema del rapporto che la nuova stazione avr con lintorno, con la viabilit, con eventuali aree pedonali e con i servizi collaterali che potrebbero nascere nellarea, viene demandato ad altri, al caso, al mercato.
Da vice-presidente della sezione campana dellIstituto Nazionale di Architettura, posso dire a Guido Donatone, il quale su questo giornale ha invitato lIstituto a un confronto sui tanti progetti che stanno interessando il centro storico (a cominciare proprio dalle stazioni della metropolitana), che per le prossime settimane stato gi fissato un incontro pubblico che metter allo stesso tavolo intellettuali e politici, tecnici e cittadini, innovatori e conservatori. Sar unoccasione per mediare tra posizioni inevitabilmente diverse, con lobiettivo di suggerire, almeno per la parte che ci compete, a quale citt lavorare in un futuro non troppo lontano e senza la paura di rompere fragili incantesimi o riconoscimenti che questa citt non capisce e, forse, non merita.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news