LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna - Cantieri: cadono i vincoli rigidi per superare il caos nell'edilizia
Il Sardegna, 06 maggio 2008

Regione e Comune insieme per sbloccare l'attivit edilizia "congelata" dai vincoli imposti dal Piano paesaggistico. Il primo round del confronto (il termine tecnico "copianificazione") si giocato ieri attorno al tavolo dell'assessorato regionale all'Urbanistica. Dove il padrone di casa Gian Valerio San-na e il suo omologo di via Roma, Gianni Campus, si sono trovati d'accordo su un punto. I vincoli attorno ai beni tutelati dal Ppr -paesaggistici o identitari, a questo punto poco importa - devono essere modulati caso per caso. Ovvero, se il Piano in vigore dal settembre 2006 elenca tutte le tipologie di opere (storielle, paesaggistiche o espressione del patrimonio sardo) che devono rimanere (temporaneamente) libere dal cemento nella fascia dei cento metri, ieri Cani-pus e Sanna hanno proposto al Soprintendente ai Beni archeologici Fausto Martino una "ri-perimetrazione" dei vincoli caso per caso, bene per bene. Significa che se prima nessun cantiere poteva essere aperto nella fascia di rispetto attorno a qualsiasi opera con vincolo, adesso per qualsiasi opera - palazzo storico o convento che fosse - ci sar un confronto, e poi una fascia di rispetto specifica. Che potr essere ridimensionata, ma anche annullata.
Ieri Campus e Sanna hanno proposto al soprintendente le "rivisitazioni" sul primo gruppo di beni trattati, sei o sette tra edifci da salvaguardare. Esemplificativo il caso di Villa Devoto, non il palazzo della Regione ma quella in viale Marconi. Il ministero dei Beni culturali l'ha appena tutelata con decreto. Ma che senso avrebbe imporre il divieto di costruire nel raggio di cento metri, se affianco sorgono gi palazzi alti diversi piani? In attesa dell'adeguamento dei Piani urbanistici comunali, stiamo attraversando una fase transizione, come i vincoli imposti dal Ppr attorno a determinati beni "paesaggistici" o "identitari" sono temporanei, ossia decadono nel momento in cui i Comuni "adeguano" i loro strumenti urbanistici, con vincoli pi specifici. Nell'incontro di ieri stato affrontata anche la spinosa que-
stione dei cantieri che potrebbero sorgere su zone potenzialmente "sensibili" dal punto di vista archeologico. In pratica, se durante i lavori per la realizzazione di un palazzo, dovessero emergere i resti di un tempio romano o testimonianze di Santa Igia, il costruttore deve comuni-
care il ritrovamento alla Soprintendenza, che a quel punto avvia la definizione del vincolo. Di certo, il bene emerso non sarebbe tutelato nella fascia dei cento metri, ma con una gradazione specifica stabilita di concerto tra il responsabile della tutela del patrimonio culturale, Regione e Comune. Cos non avvenuto per Tuvixeddu, dove sono state realizzate enormi fioriere proprio sopra l'area dei nuovi ritrovamenti.
previsto dal Piano, ha spiegato Sanna. la dimostrazione del fatto che con il Ppr la Regione non voleva affatto bloccare l'edilizia, ma al contrario operare una tutela pi specifica. Il punto adesso un altro. Sotto il profilo politico-interpretativo, la Regione ha svelato le sue carte, spiegando che i beni vincolati non sono tutti quelli elencati dal Piano per categorie, ma solo quelli indicati nelle cartografie. Specializzazione delle opere vincolate. Quindi, non tutti i palazzi storici realizzati prima degli anni '50, ma solo alcuni, quelli pubblici e con determinate caratteristiche indicate negli allegati al Ppr. La tutela (ergo, il divieto di aprire cantieri nella fascia di rispetto) si applica solo a questi. Almeno stando alle circolari interpretative. Il problema che la magistratura penale, fino ad ora, ha rigettato quest' interpre-tazione restrittiva, fatta propria da diversi avvocati nelle istanze di dissequestro di cantieri. Cantieri autorizzati dal Comune di Cagliari, che ora - ovviamente - ha smesso quasi completamente di rilasciare concessioni, a causa della confusione "interpretativa". Cosa far adesso l'ufficio tecnico? Ovvio che non possa chiedere al dirigente di avviare rilasciare concessioni quando la magistratura da nn'interpretazione del genere, ha puntualizzato Campus, di umore ricettivo, ma titubante. Non si pu certo pretendere che i tecnici commettano violazioni. Sotto il profilo delle parole, mi trovo perfettamente concorde con quanto detto dall'assessore Sanna. Ma di fatti ne vedo pochi, nel senso che la copianificazione potrebbe richiedere procedure garantiste che la legge impone, come i passaggi in Giunta e poi in Consiglio comunale, che rischiano di rendere tutto molto farraginoso. Insomma, si ben lungi dalla soluzione del caos sui cantieri. Luned prossimo, il secondo di una lunga serie di incontri.



news

16-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 giugno 2019

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

Archivio news