LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze - Opificio, solo briciole
La Nazione, 07 maggio 2008

Tempi duri per l'Opificio delle Pietre Dure. Maltrattato e deprezzato dal Ministero dei Beni Culturali, ora si trova a fare i conti con finanziamenti irrisori, a fronte delle ingenti spese che ogni anno deve sostenere, dal momento che uno degli istituti pi importanti, a livello mondiale, nel campo del restauro delle opere d'arte e di ricerca scientifica e possiede una Scuola di Alta Formazione ufficiale dello Stato.
Per il 2008 il Ministero ci ha assegnato, per il funzionamento dell'istituto, solo 98mla euro di fondi, una cifra ridicola, se si pensa che l'Istituto Superiore per la conservazione e il restauro di Roma ha avuto oltre un milione di euro. Cos ha tuonato il neo soprintendente dell'Opificio delle Pietre Dure, Bruno Santi, ieri mattina, in occasione della presentazione del restauro della Croce Santa, di cui si parla in un altro articolo del nostro quotidiano.
Noi dipendiamo dal Segretariato Generale, proprio come l'Istituto superiore di Roma e siamo entrambi due istituti autonomi di pari grado. Allora perch fra noi e loro c' questa disparit di trattamento? Come mai a noi sono toccati solo un decimo dei loro finanziamenti? Forse mettendoci in crisi dal punto di vista economico vogliono farci diventare una filiale dell'Istituto Superiore di Roma - ha ipotizzato Santi. In ogni caso sono quesiti a cui difficile trovare una risposta comprensibile, soprattutto se si entra nei dettagli delle cifre.
Per il settore dell'oreficeria ci sono toccati 15 mila euro, - ha spiegato il direttore del settore di restauro delle Oreficerie dell'Opificio, Clarice Innocenti Ci hanno tagliato della met dei fondi se si pensa che l'anno scorso abbiamo ricevuto 35mila euro.
I 98mila euro stanziati per il funzionamento dovrebbero invece coprire le spese ordinarie dell'istituto, esclusi i restauri, dalle bollette di acqua, luce, gas a tutte le spese di gestione dell'Opificio. Alcuni giorni fa abbiamo mandato una lettera al Ministero - ha proseguito Santi - per far presente che, per mandare avanti l'istituto un anno, abbiamo bisogno di almeno 600mila euro, che sono sempre molti meno di quelli che sono toccati a Roma. La situazione imbarazzante perch siamo costretti anche a 'tassare' i nostri dipendenti: ci sono dei nostri interni che hanno un credito di 1000 euro verso l'istituto perch abbiamo delle missioni obbligatorie da svolgere fuori Firenze, che hanno dei cost a cui non riusciamo a sopperire.
Santi si anche soffermato sulla gestione del Ministero dei Beni Culturali in questi ultimi 7 anni: dal 2001 a oggi si sono alternati 3 diversi ministri, sia di destra che di sinistra, ma nessuno ha fatto qualcosa per migliorare la situazione, anzi le cose sono peggiorate. Io posso permettermi di dire queste cose perch mi mancano solo 8 mesi alla pensione - ci ha scherzato su il Soprintendente -. Per veramente una vergogna che ci riservino questo trattamento. Ora attendiamo risposte da Roma alla nostra lettera.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news