LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali: una politica pi aggressiva
LArena, Il giornale di Verona, 29/07/2002

Dopo il varo delle grandi riforme, ora urgente lapprovazione dei regolamenti attuativi per realizzare gli obiettivi indicati.

Il Cantiere dei beni culturali in fermento. Anche se Vittorio Sgarbi sceso dalla cabina di rega ed alla ricerca di un nuovo ruolo da ricoprire. Le questioni principali sembrano queste. Alienazione possibile dei beni culturali: se, quali, a quali condizioni, con quali garanzie. La polemica non si ancora chiusa. C una pausa in Parlamento, visti anche i rilievi fatti dallUnione Europea, sulla costituzione del Patrimonio Spa. Mentre il gruppo parlamentare dei Ds ha presentato alcune proposte di legge. Una delle quali stata indicata come unalternativa alla scelta del Governo proprio in materia di alienazione e valorizzazione dei beni culturali. Insomma ci che non si riusciti a fare durante lultimo governo di centro-sinistra, per i soliti veti incrociati, si propone che si faccia adesso con un governo di colore opposto. Su questa delicatissima materia assistiamo a quella che Adorno chiamava lapologia dellesistente. In cui cio tutti i soggetti devono rimanere entro confini e ruoli immutati e definiti: lo Stato, gli enti locali, i privati, le associazioni ambientaliste. Una ferma difesa dello statu quo. Mentre bisognerebbe esplorare la ricerca di nuove soluzioni visto che tutti, o quasi, manifestano insoddisfazione per la situazione attuale. La sfida tra gli opposti schieramenti dovrebbe avvenire su proposte che siano in grado di meglio tutelare e valorizzare i beni culturali senza la presunzione di avere la ricetta magica, con onest intellettuale e senza accusare chi non condivide le proprie opinioni di malefatte ai danni dei valori intangibili della nazione. Solo cos possiamo ridisegnare i ruoli dello Stato e del mercato in modo efficace e senza pregiudizi, nel rispetto delle rispettive funzioni e delle diverse caratteristiche. Ma se questo il primo lotto del Cantiere subito dopo ve ne un altro altrettanto rilevante. Riguarda le diverse forme di gestione del patrimonio culturale e le relazioni che ne conseguono nei rapporti fra lo Stato ed il complesso sistema delle autonomie locali, soprattutto alla luce della riforma costituzionale. Qui si sono fatti passi avanti ma alcuni nodi non sono stati ancora sciolti. Le leggi, i regolamenti, di cui disponiamo, consentono di avviare una moderna politica della gestione dei musei e dei complessi monumentali e archeologici. Infatti un museo pu essere gestito attraverso una Fondazione promossa da soggetti pubblici, privati e no-profit ovvero attraverso una societ di capitali oppure affidando ai privati solo la gestione dei cosiddetti servizi aggiuntivi (bar, libreria, ecc.) o ancora trasferire la gestione a Regioni, Province e Comuni. Detta cos non resterebbe che esprimere soddisfazione per ci che gli ultimi governi hanno saputo predisporre e, qualche volta, realizzare. In realt le cose non stanno proprio cos. Intanto perch manca ancora il Regolamento dellart. 33 dellultima legge finanziaria che consente un maggiore ricorso alla gestione privatistica dei beni culturali. Ma soprattutto manca una rega evidente e chiara. Mi spiego. Se vero, come vero, che disponiamo di tutti questi strumenti innovativi allora bisogna che, attraverso una sapiente concentrazione con Regioni, Province e Comuni, il Ministero dei beni culturali individui, almeno per i musei, i palazzi e le aree archeologiche pi importanti, quale modello di gestione si intande perseguire. Lasciando alle Sovrintendenze regionali ed ai rappresentanti degli enti locali il compito di concertare le soluzioni pi adeguate per il resto del patrimonio. Oppure valutare le proposte che vengono dal basso. Oggi non esiste un piano e meno che mai un quadro di certezze. N per i soggetti privati e no-profit n per le istituzioni locali. Il luogo della concertazione fra Stato, Regioni, Province e Comuni (la cosiddetta Commissione paritetica) risulta incapace di sbloccare una situazione di sostanziale paralisi, determinata da norme complesse e procedure troppo farraginose. Insomma serve un colpo dala, una rega autorevole. Anche per raccogliere qualche campanello dallarme che ci viene da una significativa diminuzione di visitatori dei nostri musei, da una certa stanchezza del pubblico rispetto alle mostre, da una contrazione dei flussi turistici internazionali. In altri termini comincia ad essere sempre pi evidente che non abbiamo una politica per la domanda, concentrati come siamo solo sul versante dellofferta culturale. Senza questo processo diventa difficile porre mano ad una rivisitazione della riforma del Ministero, dopo la recente approvazione della delega al Governo da parte del Parlamento. Il Ministero, il suo apparato centrale, sembrano ancora troppo ripiegati su se stessi mentre dovrebbero aprirsi, con metodi e procedure nuove, al sistema della autonomie locali, ai soggetti economici e no-profit. Serve una politica innanzitutto; se possibile pi aggressiva rispetto a nodi da troppo tempo irrisolti. C il tempo per farla, ma guai ad aspettare troppo. E c un Ministro che ha le capacit per proporla. Ma cosa si aspetta?

http://www.larena.it/storico/20020729/cultura/D.htm


news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news