LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sar Barbareschi il matre penser della destra?
Fabrizio DEsposito
Il Riformista 26/4/2008

■ Buona la terza. Nel senso che Luca Barbareschi, attore di professione, anche se Morando Morandini scrisse di lui che un infelice perch ha sbagliato mestiere, gi nel 2001 e nel 2006 si mise in fila prima nel Polo poi nella Casa delle libert come aspirante condottiero politico-culturale di una controegemonia di destra per spezzare il pensiero unico dominante di sinistra,per usare le parole di un noto intellettuale conservatore che per non vuole farsi pubblicit, almeno in quest'occasione. Anche Barbareschi, in fondo, un intellettuale. Ma istintivo, di pancia. Intellettuale istintivo, quasi un ossimoro. Di qui il ricorso facile alla polemica, spesso condita da insulti e offese, e non senza incappare in qualche contraddizione. Come quando divise il campo in due tra lui e Nanni Moretti: Nanni un moralista, io un un libertario. Eppure quando usc il suo Trasformista, una sorta di contro-Portaborse che collezion magri incassi al botteghino, il Foglio di Giuliano Ferrara lo boll in questo modo: Un film cos moralista che alla fine viene voglia di buttare i resti del popcorn fuori dagli appositi contenitori o di salire sull'autobus senza biglietto. Buona la terza, dicevamo. Perch stavolta Barbareschi riuscito finalmente ad avere l'investitura tanto desiderata. Grazie al Porcellum stato nominato deputato da Gianfranco Fini, che ogni volta che lo incontra si lascia travolgere felicemente dalla fisicit dell'attore con baci, abbracci e pacche sulle spalle, e nell'ordine si gi candidato a fare il ministro dei Beni culturali, il sottosegretario dei Beni culturali, il presidente della commissione Cultura alla Camera. Una bella soddisfazione dopo la solitudine patita nel 2001 e nel 2006 quando si sent abbandonato dalla destra a lui tanto cara e se la prese con tutti: Non mi fanno lavorare. La colpa di Gianni Letta che non vuoi sentirmi nemmeno nominare. Il giannilettismo lo detesto, Berlusconi mi piace quando manda la Confindustria a quel paese. Per consolarsi si mise a contare i milioni di euro, pi di venti, che la Rai gli vers per le fiction girate dalla sua casa di produzione, che si chiama Casanova perch Barbareschi si sente pi vicino a don Giacomo che a don Giovanni. Ed per questo allora, per tornare ai soldi, che adesso da deputato l'attore pensa di affidare la sua Casanova a un blind trust per via del conflitto d'interessi.
Barbareschi di destra ma non ha mai aderito ad An e un tempo aveva come suoneria del telefonino l'inno di Forza Italia. Senza contare il suo passato da socialista convinto, da definizione del craxiano Claudio Martelli. E a proposito dell'esule di Hammamet e del garantismo. Barbareschi dixit: Certe verginelle che inneggiano alle forche mi hanno sempre dato fastidio. E poi, quando l'Italia non comprese il suo Trasformista: Gli italiani si meritano una strana commistione tra Previti e Benigni, a modo loro due persone che prendono per il culo tutti. Benigni non si offese, Previti invece s e lo querel chiedendo un risarcimento di 500mila euro.
Ora, per fortuna, gli italiani si meritano anche lui come rappresentante del popolo sovrano. Dopo un paio di convegni con l'azzurra Gabriella Carlucci, altra aspirante rivoluzionaria della cultura di destra, da sinistra hanno pure cominciato a strizzargli l'occhio, sperando in finanziamenti e aiuti dall'attore che un giorno cit Harold Pinter per un'apologia del merito e della concorrenza: Pinter mi disse:"A noi ci ha salvato la Thatcher quando ci ha tagliato i fondi". Appena uditi i primi proclami di Barbareschi un finiano di rango si lasciato sfuggire una profezia: Questo qui quando tra sei mesi capir che non potr cambiare il mondo comincer a dare i numeri e sar difficilissimo da gestire. Anche per questo, il coordinatore azzurro Sandro Bondi, in procinto di sedersi sulla poltrona di ministro dei Beni culturali, avrebbe fatto sapere discretamente di non gradire Barbareschi come sottosegretario. Memore, Bondi, degli insulti che nella penultima legislatura il sottosegretario Sgarbi rivolse al ministro Urbani.
Ma la vera fissazione dell'attore sono le zoccole. No, non in quel senso. Anche perch, lui stesso, ha recentemente rivelato di essersi liberato grazie alla psicoanalisi della sua sex addiction. Il riferimento, invece, a una storica assemblea dei quadri Rai di An che si tenne in un teatrino parrocchiale a Roma nel dicembre 2005. Barbareschi fu uno dei relatori e riassunse cos l'esperienza della destra di governo: In Rai An ha portato solo zoccole. Adesso, invece, An lo ha portato in Parlamento.




news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news