LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA -Ben venga la nuova architettura Ma in periferia, non in centro
Sandro Roggio
La Nuova Sardegna 24/04/2008

Il caso emerso con forza: il dibattito sul progetto di ampliamento del Man di Nuoro pure andato, grazie i suoi sostenitori, nelle pagine pubblicitarie dei giornali. Mossa irrituale, ma in linea con le contese di sempre nei processi decisionali sulle citt. Si propone una importante modifica di una vecchia casa, come ce ne sono tante nei vecchi centri sardi, severa impronta, sobrio retaggio di unedilizia senza fronzoli. Si sa della scarsa propensione a accogliere le novit in Sardegna, pure quando il venticello della modernit arrivava alimentato dai cataloghi delle arti nuove, liberty, jugend, sezession, ecc. Questo il frutto del povero, introverso modo di farsi la casa da queste parti. E questarchitettura ci rappresenta, spiega al pari di altre espressioni chi siamo. La domanda sollevata - se nelle vecchie piazze si possano apportare correzione innovatrici - non nuova, torna ogni tanto e non pi un confronto allavanguardia. Gli architetti hanno gi dibattuto se e come rinnovare le fisionomia dei vecchi centri, se attualizzarne parti con linguaggi e materiali moderni, oppure se rinunciare alle sfide del confronto vecchio-nuovo e lasciare le cose pi o meno come sono. Se c una novit importante nel dibattito contemporaneo riguarda la conservazione dei centri storici: idea acquisita e ormai nelle disposizioni di legge. Il dibattito, tardivamente suscitato e indirizzato a giudicare una sola opzione, non rende giustizia al tema: forse meritava pi attenzione una cos importante piazza, con un cos grande potere evocativo (con questo scenario si incontrato Nivola). Invece stata considerata alla stregua di una piazza carina ma senza esagerare, la cui fisionomia pu soccombere di fronte ad esigenze funzionali e non solo. Non stata neanche presa in considerazione unaltra possibilit, che si confrontasse cio la proposta di un restauro delledificio per ampliare il museo senza lannullamento di quella parte della compagine che, indipendentemente dalla qualit dellintervento, viene comunque a mancare. Larchitettura contemporanea non ha bisogno di conferme estetiche ma casomai etiche, quando dimentica che una delle peculiarit, esclusive, della formazione dellarchitetto quella del restauro. Nel caso in questione, in assenza di un vero confronto tra punti di vista, il discorso diventa accademico e tanto vale ricordare che i palinsesti superstiti sono preziosi anche quando non stanno nei manuali di storia dellarte. La propensione a mantenerli, per cure costanti, cosa buona. La loro sorte dipende solo da quanto si compreso del loro potenziale generatore di nuove relazioni con la contemporaneit: questa piazza non ha, ed un caso fortunato, nessun bisogno di essere rifatta, e il Man gi in grado di attrarre lattenzione internazionale; e allora perch turbarlo questo equilibrio in atto fra contemporaneit e antiche suggestioni? Senza tirare in ballo lidentit e roba simile, credo che strade e piazze storiche siano testi conclusi (non contesti). Testi collettivi, anche se sommatoria di codici estetici individuali; e pure a Luther Blisset, aperto ai sabotaggi, non farebbe piacere se premurosi posteri riscrivessero un po di pagine, magari le pi noiose, di un racconto scritto a pi mani. Altra cosa sono le incompiutezze, le mutilazioni, i vuoti nei vecchi incasati. Da colmare con progetti argomentati - molto convincenti e molto condivisi - passati attraverso il raffronto di proposte alternative, dei concorsi di progettazione, come si fa ormai dappertutto. Ma in questo caso non cos. La casa Deriu ha solo il torto di non avere fascino, per quella faccia un po cos, il suo tono dimesso: porta piccola e ovvie finestre. Troppo poco, di sicuro, per stare al passo del bilbaoismo.Un caso di sottovalutazione di ci di cui si dispone e conseguente decisione un po sopra le righe di risolvere tutto in casa? Con le migliori intenzioni, naturalmente. Curioso che nel dibattito a sostegno delle soluzioni innovatrici si esibisca lelenco lungo dei misfatti che ci assalgono guardandoci attorno (il rimorso veniva dopo, adesso ci precede, scriveva Flaiano). Il finto rustico che avanza insieme agli stili delledilizia per villeggianti e al blob di allumini anodizzati, sono incubi che non giustificano la sostituzione di vecchie case con nuova buona architettura. Che non ha nulla da temere: credo che non solo possa ma debba esercitarsi nei paesaggi delle periferie, assai bisognosi di apporti da parte degli architetti pi bravi, come sono senza dubbio gli autori del progetto del nuovo Man. * architetto



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news