LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Civis, il centro deve attendere un anno
Adriana Comaschi
LUnit Bologna 19/4/2008

Tarda il progetto per strada Maggiore mentre il soprintendente chiede pi pietra e meno asfalto Zamboni: Il calendario va rivisto. L'Altrainformazione: Faremo ricorso alla Corte Europea
Il soprintendente assicura un parere in tempi rapidi ma il progetto esecutivo tarda. L'ultima novit che se si opter per l'asfalto in centro questo non sar rosso


Slitta al prossimo anno il cantiere del Civis in Strada Maggiore. L'assessore alla Mobilit Maurizio Zamboni non lo dice chiaramente ma la conclusione inevitabile.
Il calendario dei lavori va sicuramente rivisto, annuncia infatti ieri Zamboni dopo l'intervento del Sovrintendente regionale Luciano Marchetti in Comune. Le date parlano da sole. Il progetto esecutivo del nuovo mezzo elettrico dovrebbe arrivare in Comune dai progettisti di Coop Sette il 15 maggio, quindi essere girato alla Sovrintendenza per il via libera. L'apertura del cantiere prevista in teoria per il 15 giugno. Ieri allora Marchetti davanti a consiglieri e cittadini ha promesso la massima collaborazione nell'esame del progetto quando gli verr sottoposto (la legge gli concede 4 mesi per emettere un "verdetto"). Ma non ha dato tempi precisi, n ha dato per scontato un esito positivo. Troppe allora le incertezze, se si pensa che anche il Comune non ha ancora visto il progetto completo e dunque non ci mette le mani sul fuoco. Da qui la presa d'atto di Zamboni: salvo sorprese dell'ultim'ora (come un progetto che soddisfi d'un colpo le richieste della Sovrintendenza) il calendario dei cantieri va rivisto. A cominciare evidentemente dal primo. Inutile infatti avviare lavori che richiedono almeno tre mesi di tempo (il consorzio affidatario ne aveva previsti addirittura sei), se in Strada Maggiore come in S. Vitale e S.Felice si fanno solo d'estate, questo non si discute come ricorda Zamboni. Anche solo un mese di ritardo insomma impedirebbe di riaprire al traffico a settembre. Zamboni non spiega cosa cambier nel dettaglio, lo vedremo quando avremo il progetto. N commenta l'intervento di Marchetti. Eppure il Sovrintendente qualche assist al Comune lo piazza: ai grillini obietta che no, non c' un problema di peso, quello che conta sono gli assi e il Civis ne ha pi di un normale filobus quindi lo "scarica" meglio. Marchetti assicura poi ai comitati che non c' bisogno di una nuova valutazione di impatto ambientale, perch non sono intervenute novit in centro. L'Altrainformazione non si convince, noi presenteremo comunque ricorso alla Corte europea ai primi di maggio assicura Delisa Merli.
Marchetti per fa anche capire che preferirebbe di gran lunga salvare la pavimentazione in pietra del centro. Secondo i progettisti del Civis per la guida ottica serve l'asfalto, lui replica che le soluzioni si trovano e porta l'esempio di Roma, dove via Nazionale stata rifatta con l'asfalto al centro per sopportare il passaggio di mezzi e il porfido ai lati e sui marciapiedi. Asfalto che comunque non sar rosso, quella stata una scelta provvisoria. Esattamente quello che prevede il progetto del Civis per Strada Maggiore e S.Vitale, notano in Comune: le due vie misurano 7 metri, di questi solo la met sarebbero d'asfalto. Impensabile invece una variante all'appalto che tolga la guida ottica, come pure ipotizzato dal Sovrintendente, pena la perdita dei 110 milioni di fondi statali. I comitati non si stupiscono del rinvio, ma non si tranquillizzano: Non c' solo Strada Maggiore - ragiona Montaguti, vice del comitato Reno -: corre voce che luned apranoli cantiere in via Mazzini, faremo nuove iniziative per fermarlo.



news

23-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news