LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura come l'Ici: abolirla o ritoccarla?
Marcello Veneziani
Libero 19/4/2008

Promemoria al centrodestra
La destra non rinunci a editoria e cultura
Silvio mostri coraggio e scelga intelligenze libere ed eccentriche

Ma come si muover il nuovo governo Berlusconi nel tormentato mondo della cultura? Magari vi fa ridere che qualcuno si ponga questa domanda bizantina. Ma come, con le urgenze di un Paese nei guai, il fisco e la mala amministrazione, la salute e le pensioni, le famiglie che non arrivano a fine mese e le aziende pure, fai una domanda su quel fantasma molesto. Ma vi giro una domanda che mi stata rivolta da un gruppo di intellettuali, attori e politici di sinistra dopo un convegno nei quali interpretavo, come spesso mi succede, il ruolo di mosca bianca o pecora nera. Gi, che sbadati: alla cultura, che succede? Il primo impulso anche se sono terrone e intellettuale quello di rispondere alla leghista: verr abolita insieme all'Ici. Se lultima rivoluzione culturale, quella di Mao, cost qualche decina di milioni di morti alla Cina e distrasse una civilt e una cultura, allora ben venga l'ignoranza. Poi mi ricompongo e aggiungo un'osservazione che ha il pregio di farmi passare per un liberale liberista: no, il governo Berlusconi non toccher la cultura, non entrer nel suo giardino proibito, lo lascer a se stesso, non adotter n restrizioni n provvidenze. Tutti liberi. E questa potrebbe essere una scelta. Piuttosto che tentare un'impossibile riconquista, o semplicemente una politica d'intervento culturale senza averne uomini, mezzi e consenso di base, meglio mollare l'osso e fare come ha fatto Berlusconi con le sue stesse imprese culturali, tv, case editrici, case cinematografiche. Il gruppo di sinistri della sera rideva al pensiero della Lega che ha annunciato l'intenzione di farsi una sua casa cinematografica per produrre film padani. Ho sentito a quel punto l'impulso di difendere i leghisti per il loro ingenuo ardore, dicendo: ma guardate, tentano di fare quel che per mezzo secolo, dai tempi di Togliatti a dopo il 68, avete fatto voi, l'egemonia culturale. Un tempo pensavo anch'io che si dovesse tentare un'impresa di questo tipo, che fu definita gramscismo di destra. Perch non possono tentare un gramscismo padano? Perch mancano i talenti, facile rispondere. S, ma vorrei aggiungere: perch entri in un circuito ideologico mafioso e non hai la possibilit d fare nulla, sei boicottato, ridicolizzato, intimidito, appena ti muovi. Allora, meglio desistere? Il problema non di lana caprina, non riguarda gli intellettuali, ma la mentalit di un paese. Dire cultura vuoi dire occuparsi di cose importanti: vuol dire cinema e televisione, teatro, libri e arte, ovvero territori in cui si forma l'immaginario collettivo, la mentalit di un paese, i modelli di riferimento; vuol dire comunicazione, editoria, pubblica istruzione, ovvero universit e scuola, la grande assente in tutta la campagna elettorale. E nel caso italiano vuoi dire anche la cosa pi importante che abbiamo in Italia, quella che ci rende superpotenza mondiale, ovvero beni artistici e culturali, centri storici, tesori di civilt e testimonianze storiche e religiose. Pensate che sia trascurabile tutto questo, o non ritenete piuttosto che sia centrale per un Paese e per un governo? Io propendo nettamente per la seconda ipotesi, ma scottato da precedenti esperienze, viste o vissute, mi trattengo. E allora il ventaglio delle soluzioni di tre tipi: comincio dalla pi eretica ed estrosa, che a sinistra guardano con qualche compiacimento: fare alla sinistra la famosa concessione cavalleresca di cui si narra e inventarsi un ministro culturale di sinistra nel governo di centrodestra. Nei giorni scorsi si parlava di Eco, quello per intenderci che, bench coetaneo di Berlusconi, auspicava la morte del medesimo e dei politici anziani. Mi pare un'idea tra il geniale e il masochistico, un cristiano porgere l'altra guancia unito a una perversa astuzia. Ma Eco a parte, pu essere un'idea. La seconda ipotesi mantenere il basso profilo, non tentare nessuna conquista culturale ma tenersi bassi, con zelanti seguaci del capo che mirano solo a tenere buona la canaglia culturale, un po' frenando e un po' concedendo. E qui riferisco il parere dei suddetti nunzi episcopali della sinistra che inorridivano al pensiero di Bondi e di Bonaiuti ai ministeri mentre gradivano un mediatore felpato e mondano come Letta. S, l'idea di Letta non male.
La terza ipotesi quella di tentare invece la carta di una cultura-pubblica istruzione-rai affidata a intelligenze libere e un po' eccentriche con fama destrorsa: il solito Vittorio Sgarbi, il neocardinale Giuliano Ferrara, o che so un tradizionalista cattoislamico come Franco Cardini, un eccentrico non classificabile come Philippe Daverio, o per restare nell'ambito istituzionale, un Marcello Pera. E Barbareschi, Buttafuoco, Zecchi... 0 meglio un gruppo misto di creativi e di organizzatori, coordinato da un anfibio politico. Per tentare una realistica operazione: non sostituire un'egemonia all'altra, sempre odiosa e comunque non praticabile. Ma per allargare l'orizzonte plurale, mescolare generi e culture, e conquistare il consenso tramite l'operosit pi che l'ideologia, facendo cose grandi e belle pi che di partito e di setta. Per ci vuole un Gran Progetto. Su molte cose credo alla pratica di governo pi che alle programmazioni; ma sulla cultura no, la grande capacit di agire dev'essere preceduta da un disegno, da un'idea. Ma qui mi prende l'ictus dello scrivere, Berlusconi fa gi troppe cose e su troppi gravi temi impegnato per doversi occupare pure di questo, come Tremonti... Allora chi? Boh, fate finta di niente, abbiamo scherzato. Vi ho solo letto il copione di una puntata d'Incantesimo.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news