LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - Tesoro rubato a San Gaetano la Curia tace e non fa causa
MARIA CRISTINA CARRATU
la Repubblica (Firenze) 18/04/2008

Sculture, candelabri, turiboli, panche, del 600 e del 700. E reliquiari, sculture, paramenti, pianete, tra cui il cosiddetto Parato di San Giovanni, che esiste in soli tre esemplari al mondo. Soprattutto, un crocifisso in bronzo della scuola del Giambologna su un Golgota di madreperla, del valore, solo questo, di almeno 45-50 mila euro. Dove sono finiti i tesori - stimati per oltre 500 mila euro - della chiesa dei Santi Michele e Gaetano in piazza Antinori, gioiello dellarchitettura barocca fiorentina? Oggetto di un clamoroso furto ad opera del custode Giovanni Pistone, che li aveva poi rivenduti ad antiquari, fortunosamente recuperati dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico, da due anni languono sotto sequestro in un deposito di San Salvi. E il loro ritorno alla Chiesa, ovvero alla citt, tuttaltro che scontato. Anzi, ad altissimo rischio. A distanza di quasi dieci anni dallinizio del furto, infatti (avvenuto fra il 99 e il 2003), e a cinque dal loro recupero da parte dei Cc, la Curia non li ha ancora richiesti indietro. Il processo a carico del custode si concluso nel 2006 con una clamorosa archiviazione. Prescritto il reato di incauto acquisto e escluso quello di ricettazione a carico di antiquari e intermediari, che hanno sostenuto di aver acquistato in buona fede i pezzi di San Gaetano, anche Pistone se lera cavata: per il furto senza aggravanti, infatti, di cui secondo il Pm Massimo Bonfiglio il custode era certamente colpevole, si pu procedere solo in presenza di una querela. Che la Curia non ha mai presentato. Se i beni recuperati non sono gi tornati nelle mani degli antiquari solo perch, subito dopo larchiviazione, il Gip ha confermato il sequestro. In attesa di deciderne lassegnazione, magari agli antiquari medesimi.
Insomma: perch la Curia non si muove? Mistero. Tanto pi inspiegabile visto che si costituita parte civile, invece, nella persona dellarcivescovo Ennio Antonelli, in un processo secondario, nato da una costola del primo, per il recupero di una credenzina del XVIII secolo, anche questa di San Gaetano, gi espatriata negli Stati Uniti e irrecuperabile. Certo che parlare di nuovo di San Gaetano significherebbe riaccendere i riflettori su una vicenda vissuta dalla Chiesa fiorentina, dopo lanalogo caso di Palazzo Martelli, con grande imbarazzo. Coinvolti nellinchiesta, oltre a un uomo di fiducia della Curia come lo stesso custode, scelto dallattuale vescovo ausiliare Claudio Maniago (da cui tuttora dipende direttamente San Gaetano, che non ha parroco), al nipote adottivo del defunto cardinale Benelli (mediatore delle compravendite), a un autista della Procura e a un avvocato radiato dallalbo, sono stati esponenti di spicco di piazza San Giovanni: come leconomo della diocesi nonch amministratore pro tempore della chiesa di piazza Antinori monsignor Vinicio Del Perugia (che nel frattempo morto), e il direttore amministrativo dellIstituto sostentamento clero Carlo Sarri. Secondo Pistone sarebbero stati loro ad autorizzarlo a vendere gli oggetti di San Gaetano, una parte del cui ricavato risulta poi effettivamente versata nei conti bancari della Curia. Secondo il Pm, invece, la responsabilit degli esponenti della diocesi sarebbe stata solo quella di aver redatto un elenco dei beni della chiesa cos grossolano e cos poco tassativo da aver consentito a Pistone di vendere, insieme alle opere senza valore (per le quali lo avevano autorizzato) anche quelle di pregio, vincolate dal ministero dei Beni culturali e per cui ci sarebbe voluto il nulla osta della soprintendenza.
La Curia ritiene che lasporto di beni di valori artistico da San Gaetano sia avvenuto in modo illegittimo e a proprio danno e sta valutando le opportune iniziative giudiziarie da intraprendere per rientrarne in possesso lunica, stringata dichiarazione che esce da piazza San Giovanni per bocca del legale Gianluca Gambogi. Che, comunque, sostiene che si tratterebbe ancora di capire che cosa effettivamente di nostra propriet e cosa no. Una cautela che dunque la Curia sembra tuttora preferire allunico passo davvero decisivo per rientrare in possesso dei beni: una immediata causa civile contro gli antiquari. Al contrario, gira voce che, per evitare nuovi clamori, si stia addirittura trattando una silenziosa uscita di scena dei privati. La vicenda, per, potrebbe riaprirsi, a breve, ancora una volta su iniziativa dei Cc del Nucleo tutela, che nei giorni scorsi hanno convocato il nuovo referente di San Gaetano (del tutto estraneo ai fatti), don Roberto Donati. Il quale non ha potuto che confermarlo: quello che stato rubato gi emerso dal confronto fra i beni sotto sequestro a San Salvi e gli inventari della sacrestia di San Gaetano, dellUfficio Arte sacra della diocesi, e della soprintendenza. Non resta, a questo punto, che chiederlo indietro.






news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news