LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il restauro della facciata della chiesa di Santa Maria Novella
MARCELLO MOTTOLA
Agenzia Radicale, 05-04-2008

Venerd 4 aprile 2008 presso il Sacrato della Basilica di Santa Maria Novella a Firenze, si tenuta la conferenza stampa d'inaugurazione della facciata di Santa Maria Novella. Al dibattito, istituito in occasione del completamento dei lavori di restauro, sono intervenuti l'assessore alla cultura di Firenze, gli architetti Giuseppe Cini, dirigente del Servizio Belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio, e Maria Bonelli, responsabile del progetto. I relatori hanno fornito un compendio sulle attivit svolte dall'inizio dei lavori ad oggi. Tali lavori di restauro sono durati due anni e sono stati finanziati e progettati dal Comune di Firenze tramite il Servizio Belle Arti e la Fabbrica di Palazzo Vecchio.

Il complesso di Santa Maria Novella uno delle pi importanti chiese di Firenze; infatti esso ospita alcune fra le pi apprezzabili opere della storia artistica fiorentina, quali ad esempio i grandi cicli di affreschi di Paolo Uccello, del Ghirlandaio e di Filippo Lippi ed in particolare i capolavori di artisti della statura di Giotto e di Masaccio. Se la basilica Santa Croce si presentava quale un centro antico di cultura francescana e la chiesa di Santo Spirito era sede dell'ordine agostiniano, la chiesa di Santa Maria Novella era per Firenze il punto di riferimento per un altro importante ordine mendicante, quello dei domenicani.


Sull'omonima piazza sorge e si eleva la facciata marmorea della chiesa Santa Maria Novella, una delle opere pi importanti del Rinascimento fiorentino.

Nella prima met del XIV secolo il prospetto principale della chiesa di Santa Maria Novella presentava una parete verticale allo stato grezzo. L'obiettivo di ultimare l'edificio in facciata non era del tutto scontato, basti pensare che la realizzazione della facciate delle chiese di Santa Croce e Santa Maria in Fiore furono eseguite solo nell'Ottocento e che la chiesa di S. Lorenzo giunta sino a noi priva di facciata.


I lavori per l'assetto definitivo della facciata, su progetto di Leon Battista Alberti, e su committenza della famiglia Rucellai, furono iniziati intorno alla met del XV secolo e furono conclusi tra il 1470 e il 1478. L'Alberti concep il suo prospetto ispirandosi agli elementi del romanico fiorentino e, integrando le strutture gotiche precedenti, gener una sottile rete di rapporti modulari ed attraverso calcoli matematici stabil le proporzioni tra i vari elementi. L'Alberti cre il portale centrale classicheggiante, tutto il registro superiore e le zone angolari.


L'ordine della facciata corrisponde nella forma, ma non nelle dimensioni generali, alla sezione del corpo basilicale: l'ideazione voluta dall'Alberti fu concepita al fine di sopperire a questo difetto estetico; la facciata si presenta cos pi larga e pi alta del corpo basilicale delle navate. Per mascherare alcune contraddizioni della struttura, cre un'alta fascia con la serie di forme quadrangolari. Per congiungere la navata maggiore con quelle laterali, considerevolmente pi basse, l'Alberti concep le due volute capovolte, che nascondono gli spioventi del tetto delle navate. Il grande rosone centrale, realizzato nella seconda met del Trecento, risulta perfettamente inserito nel disegno della costruzione rinascimentale. Il risultato fu un capolavoro dell'arte rinascimentale.


Per quanto riguarda la facciata di Leon Battista Alberti, da sottolineare che gli ultimi interventi di restauro risalgono al 1984 e al 1999, quest'ultimo effettuato in occasione del giubileo.

I lavori partiti nel maggio nel 2006 e terminati in anticipo rispetto ai tempi previsti, sono stati realizzati su progetto del servizio Belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio e Chiese ed eseguiti dall'Associazione temporanea d'impresa Consorzio l'Officina, Pietro dalla Nave e F.lli Desogus Marmi. Inoltre nel corso dei lavori sono stati risistemati sulla facciata la copia dello stemma Rucellai (l'elegante fregio araldico marmoreo della vela con sartie al vento, simbolo della famiglia patrizia di Firenze) ed il Quadrante della meridiana, quest'ultima rimessa in funzione dall'Istituto geografico militare di Firenze.


La possibilit di compiere un restauro esteso a tutta la facciata ha offerto l'opportunit di pianificare in modo organico e complessivo il piano degli interventi da eseguire. La condizione di entrare pienamente a contatto con tutto il monumento ha permesso, ad esempio, agli operatori si svolgere un rilevamento di tutte le sue parti, consentendo un rilievo dell'intera facciata in scala 1:1.

Le difficolt delle tematiche conservative da affrontare con il restauro sono state ben evidenti sin dalle prime fasi progettuali e lo stato di conservazione della facciata della chiesa risulta essere strettamente connesso alla natura dei materiali costitutivi, alle caratteristiche ambientali in cui il monumento inserito ed alle sue vicende conservative.


Le principali cause di degrado vanno attribuire a fattori antropici. Difatti gli interventi conservativi del secolo scorso, nati da una prassi d'urgenza e senza un progetto unitario definitivo, sono stati eseguiti con materiali non compatibili con quelli esistenti, innescando cos particolari fenomeni di deterioramento dell'apparato decorativo. Maria Bonelli, architetto e direttore dei lavori della facciata della chiesa, in un incontro tecnico presso il Salone dell'Arte e del Restauro di Ferrara, tenutosi mercoled 2 aprile 2008, ha sottolineato come "tali interventi hanno rilevato in breve tempo la loro dannosit.


Un fitta presenza di stuccature in cemento, fissativi e ravvivanti organici fortemente alterati e inoltre abrasioni causate da drastiche puliture con spazzole metalliche e sostanze acide, ancora grappe e ancoraggi metallici affogati in tale materiale si vanno a sommare alle cause di degrado naturale". "Inoltre -sottolinea Bonelli- le alterazioni presenti sui marmi sono da attribuire alla forte esposizione della facciata a sud, che causa un forte irraggiamento solare con conseguenti sbalzi termici e che provoca l'alterazione dei materiali costitutivi. A tale fenomeno concorre anche l'azione del vento e delle piogge che hanno prodotto un progressivo deterioramento dei materiali, causandone l'abrasione dei marmi e la perdita parziale di materiale".


Gli interventi di restauro, eseguiti e curati sotto la direzione di Maria Rita Ciardi, sono avvenuti in varie fasi: una prima fase di prepulitura al fine di asportare depositi superficiali e di preconsolidare parti di materiale disgregato, che sono state coese per mezzo di appositi materiali. Una seconda fase di pulitura vera e propria che ha visto il susseguirsi di lavaggi con acqua demineralizzata ed atomizzata a bassissima pressione, mentre in alcune zone delle facciata sono state fatte spugnature di carbonato d'ammonio, il tutto senza compromettere il livello cromatico e facendo risaltare le tassellature in marmo bianco di Carrara e marmo verde di Prato.


Nelle zone molto annerite stato utilizzato il laser, che ha permesso la rimozione dei depositi e delle croste nere senza intaccare il substrato e senza alterare le caratteristiche chimico-fisiche del materiale.




http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=com_content&task=view&id=4166&Itemid=40


news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news