LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MILANO - Berlusconi e l`Expo: quelle torri non si fanno
Maurizio Giannattasio
Corriere della Sera 07/04/2008

MILANO - Inorridisce. Al pensiero di quei grattacieli sbilenchi e storti che sorgeranno con l`arrivo dell`Expo. Silvio Berlusconi, con puntualit meneghina, rilancia la polemica sulla citt del futuro. Nel giorno in cui 200 (500 mila secondo gli organizzatori
del Comitato Grazie Milano Expo 2015) festeggiano il sindaco Letizia Moratti, la vincitrice della battaglia contro Smirne, il Cavaliere-architetto tira un segno rosso sui progetti milanesi. Soprattutto uno, quello della vecchia Fiera con i tre grattacieli di Daniel Libeskind, Zaha Adid e Arata Isozaki. Credo che questi progetti che circolano rientreranno perch io come altri milanesi sono inorridito, non hanno nulla a che fare
con la tradizione, l`architettura, e l`urbanistica milanese. Ce l`ha soprattutto con il grattacielo storto di Libeskind che non svetta come un razzo verso il cielo. Scherzando, ha chiesto se era possibile raddrizzarlo perch comunicava un senso di impotenza. E promette di mettersi a capo della protesta.
Nessuna riposta diretta della Moratti. Ma dal pullman scoperto della Victory Parade che l`ha trasportata in trionfo per corso
Buenos Aires, il sindaco ripete un concetto. L`Expo non sar una colata di cemento. Servir per rendere la citt pi bella e pi verde. Ribadisce che non ci saranno torri, grattacieli, torriglioni o cubi.
Ma un dialogo tra sordi. Perch il progetto di Citylife, firmato dai grandi architetti stranieri, non fa parte del pacchetto Expo. E' una polemica che non esiste - attacca
Formigoni - perch la Fiera non fa parte dei progetti Expo.
- Citylife, firmato dai grandi architetti stranieri, non fa parte
del pacchetto Expo. E una polemica che non esiste - attacca
Formigoni - perch la Fiera non fa parte dei progetti Expo.
E inoltre, le opere realizzate a Milano sono molto belle: il restauro del Pirellone, la nuova sede della Regione, Garibaldi-Repubblica. E comunque la Fiera porta la firma dell`ex giunta di Gabriele Albertini. Lo ricorda maliziosamente il presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati: Sono progetti targati Albertini. Ma Silvio Berlusconi non era consigliere comunale a Milano sia durante il governo Albertini che adesso con la Moratti? Non doveva far altro che presentare una mozione per chiedere la modifica dei progetti quando sono stati approvati. Non credo che avrebbe fatto fatica a convincere la sua maggioranza.

II parere degli architetti

Le critiche di Berlusconi e Celentano ai nuovi grattacieli, approvati dal centrodestra ma non confacentis con l`identit della citt; l`accusa di Piano, che vede l`Expo come opportunit solo per immobiliaristi e affaristi. Due domande per tre progettisti.

MASSIMILIANO FUKSAS

Quella di Renzo guerra preventiva
Sono in atto due guerre di religione: quella dei Torrioni
contro i Piattoni, quella del giustizialismo preventivo che pensa di non fare nulla perch forse qualcuno ruber. Le torri si fanno se la citt ne ha bisogno, servono per non consumare territorio: a Torino il mio grattacielo anzich 2000 mq prenderebbe 7 ettari in orizzontale! Ma non darei peso alle parole di Berlusconi: tra due giorni magari dir il contrario. La valutazione dipende solo dalla qualit di architettura: il Pirellone bellissimo perch rappresenta qualcosa. Quella di Piano guerra preventiva, l`Expo un successo di Milano e dell`Italia: a Torino, con le Olimpiadi, si dimostrato l`importanza di questi eventi; Milano pu conquistare aree estranee allo spazio urbano.

MARIO BOTTA

Non copiamo Dubai per sentirci moderni
Sui tre grattacieli avevo gi detto: il progetto di Piano
era migliore per la ricucitura urbana. In quel progetto c` troppo contrasto tra il tessuto urbano consolidato di Milano e quello aperto che si propone, ma la colpa della citt che ha
ammesso un concorso che chiedeva solo un vago rispetto del 50%o di verde. Ma non vuol dire che vanno bene solo i vecchi Navigli! Non si deve fare il falso `8oo ma essere autenticamente moderni; e ci vuol dire non fare architetture di Dubai nel centro di Milano. L`Expo un`opportunit che supera le contingenze. Il pericolo di un uso speculativo c`, ma mi sembra che la Moratti la stia gestendo bene. Se riflessione critica rispetto ai problemi del mondo, l`Expo resta interessante.

ITALO ROTA

Cenacolo e grattacieli sinergia di libert
L`identit di Milano in continua evoluzione: un tempo cosmopolita, poi rifecondata dagli europei e oggi dagli immigrati. L`Italia ha bisogno di una citt contemporanea per non diventare una Disneyland del passato, e Milano la sola candidata. I tre grattacieli e il Cenacolo insieme sono una sinergia, un`idea di libert. Una volta spezzato il veto del fare
nulla, si potr pensare anche un`architettura contemporanea specifica per Milano. Piano ha combattuto per valori, come l`attenzione per l`ambiente, ora accettati; penso che la Moratti possa combattere altre sfide, come quella di costruire con saggezza: non conosciamo n filosofie n regole dell`Expo,
quindi vedremo. Il fatto che tutti i Paesi insieme contribuiranno sar una garanzia.



news

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news