LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIGURIA - TERRITORIO: Aeroporto, il piano di sviluppo cancella il trasferimento in mare
DONATELLA ALFONSO
04 APRILE 2008, LA REPUBBLICA - LIGURIA

dettagli del progetto esaminato: quasi due milioni di passeggeri nel 2027


Previsioni di crescita improntate alla massima prudenza



VEDIAMOCI tra ventanni, provano a dire dalle parti del Colombo: staremo un po pi comodi. Volando sicuramente pi alto, per, con una previsione tendenziale del 72% di passeggeri in pi (1.949.274 rispetto ai 1.128.399 del 2007) che arriveranno e partiranno in volo nella Genova del 2027. Resta sullo sfondo una domanda vera: che Genova sar, per motivare questo movimento? Di sicuro, nel progetto preliminare di adeguamento dellaerostazione gi esaminato dal cda della Aeroporto di Genova Spa, non si parla di un trasferimento a mare dello scalo, nellisola vagheggiata da Renzo Piano. Anche se mai ci fosse, lo spostamento a mare sarebbe non prima del 2023: dovremmo restare fermi fino a quel momento? Noi dobbiamo andare avanti con lo sviluppo, seguire i traffici. Ed avere uno scalo adeguato, sotto tutti i profili visto che attendiamo il rinnovo, proprio per le prossime settimane, del rinnovo delle concessione sino al 2027 spiega Marco Arato, presidente della Spa. Con la certezza della concessione e i progetti pronti, si potr cominciare a investire 11 mln da qui al 2011 in totale autofinanziamento, per avere la nuova aerostazione (4 mln di euro) ed altri lavori di miglioria.
Numeri di uno sviluppo possibile quanto necessario, visto che gi oggi, pur con le piste tuttaltro che sovraffollate, nellaerostazione si sta decisamente stretti, almeno nelle ore di punta. A maggior ragione, se si punta ad un recupero di nuove rotte, altre compagnie, specialmente low cost, e ad una Genova futura peraltro ancora molto da definire, si deve pensare ad un adeguamento. Che permetta di recuperare spazi sia sul piano delle partenze che quello degli arrivi; spostando, rimodellando, aggiungendo banchi del check-in, varchi di accesso ai gate, caroselli di riconsegna dei bagagli, commerci e servizi, ed eliminando i troppi vuoti finora dimenticati, si trovano 4765 mq in pi, che fanno passare il totale degli spazi a 16.110 mq dagli 11.345 attuali. Si fa quello che si pu, in pratica. Laerostazione realizzata negli anni Ottanta, il porto del cielo inaugurato da Bettino Craxi con le Frecce Tricolori a sfrecciare in alto, che andava a sostituire limbarazzante insieme di prefabbricati che aveva sino ad allora costituito il passaggio obbligato dei primi ventanni del Colombo, infatti una struttura che non permette di allargarsi oltre la metratura esistente, ma solo di ridisegnare tutti gli spazi.
Una nuova accoglienza per nuovi traffici, sperando che dalla citt arrivino segnali pi forti. Per quanto riguarda il breve medio termine riteniamo che con lintroduzione graduale di alcune rotte operate da vettori low cost e limplementazione di collegamenti diretti verso il sud Italia si potr registrare un tasso di incremento pi alto - si legge nella presentazione del progetto illustrata dal presidente Arato a consiglieri e sindaci - A lungo termine prevediamo invece uno sviluppo analogo a quello attuale in quanto i previsti progetti di implementazione urbanistica non saranno ancora realizzati. Tuttavia, stata considerata, nel piano di sviluppo dei passeggeri, la crescita economica del territorio genovese a seguito della riqualificazione del waterfront, della realizzazione del nuovo istituto italiano della tecnologia e ancora della rilocazione delle ex aree Ilva. Nel progetto si parla anche delle attivit cargo in crescita molto limitata (2,3% allanno) che tenga s conto delle nuove attivit, ma coerente con gli attuali presupposti del traffico merci e con i piani di sviluppo del territorio, i quali non prevedono la creazione di nuove aree di logistica nel medio termine, come ancora incerta la realizzazione del terzo valico appenninico. Ragioniamo con le certezze che abbiamo, insomma, dicono i tecnici dellAeroporto Spa; e voliamo tra il 2007 e il 2011 su un incremento medio del 4% lanno, con il consolidamento dei voli verso gli hub, il sud Italia, i charter dallest Europa e la ripresa dellattivit crocieristica a Genova. Tra il 2012 e il 2019 si pensa ad una crescita media del 3%, con lampliamento del network di linea, i charter e larrivo di nuovi low cost; si scende prudenzialmente ad un 2% in pi allanno tra il 2020 e il 2027 sia per ragioni di prudenza in quanto prevediamo ancora in limitato sviluppo del settore economico della regione, sia per far fronte ad eventuali recessioni del mercato, ma tenendo conto dei lavori relativi allampliamento dellaerostazione e al miglioramento dei servizi di accoglienza.








news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news