LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - Tuvixeddu, adesso si indaga per abuso dufficio
Mauro Lissia
La Nuova Sardegna 03/04/2008

CAGLIARI. Partita da due esposti del gruppo Cualbu, linchiesta giudiziaria sul caso Tuvixeddu ha compiuto un deciso passo in avanti: acquisiti nel giro di pochi giorni i documenti negli uffici degli assessorati regionali, il sostituto procuratore Daniele Caria ha iscritto un fascicolo contro ignoti con laccusa di abuso dufficio. Lipotesi di reato legata alle decisioni dellamministrazione Soru sul futuro dei colli punici e al progetto alternativo, che ha sollevato i sospetti del Tar e indotto limprenditore privato a rivolgersi alla magistratura ordinaria. I fatti sono noti: bloccati i lavori in corso con nuovi vincoli per notevole interesse pubblico - poi bocciati dal Tar, ora allesame del Consiglio di Stato - era stato lo stesso governatore ad annunciare al Festarch dellanno scorso il nuovo progetto per le aree puniche, che nelle intenzioni della Regione sarebbero state sottratte con una procedura di esproprio alla Iniziative Coimpresa. Il piano alternativo, affidato al celebre architetto francese Gilles Clement ed elaborato interamente su planimetrie e immagini aeree, stato illustrato nei dettagli, suscitando interesse e anche qualche perplessit. Ma quando sono partite le prime interrogazioni in consiglio regionale sullorigine dellincarico calata una cortina di mistero. Soru ha chiarito pubblicamente che il costo della progettazione, pari a 150 mila euro, sarebbe stato coperto dalla fondazione Banco di Sardegna. Ma nellesposto depositato in Procura il legale di Coimpresa, Agostinangelo Marras, ha fatto riferimento allassenza di atti pubblici che confermino le dichiarazioni di Soru. Atti richiesti ufficialmente da Coimpresa - secondo lavvocato Marras - ma rimasti stranamente coperti. Secondo il legale lincarico sarebbe dovuto passare attraverso una selezione a evidenza pubblica, mentre in questa vicenda gli aspetti pubblici sembrerebbero davvero limitati. Al punto che gli stessi giudici del Tar, nella sentenza con cui hanno bocciato i nuovi vincoli imposti dalla Regione sui colli, hanno espresso con chiarezza il sospetto che lintera operazione-Tuvixeddu nascondesse lintento di aprire la strada a un progetto alternativo. Ora la Procura ha accertato che Clement ha incassato almeno cinquantamila euro, in attesa del saldo. Ma resta il punto interrogativo sulla provenienza del denaro. Chi ha pagato? E quanto doveva essere versato esattamente nelle tasche del progettista francese? Qui si inserisce il secondo passaggio dellinchiesta, che ora si spostata tutta sullesame dei documenti: indagando per comportamento antisindacale sul caso dei dirigenti nominati dalla giunta Soru il pm Emanuele Secci ha rilevato una curiosa sequenzialit di tempi tra il finanziamento accordato dal Banco di Sardegna per il progetto Clement e la nomina - datata 12 settembre 2007, due mesi dopo il Festarch - a direttore generale della direzione generale nellassessorato alla pubblica istruzione e beni culturali di Anna Maria Sanna, qualificata come dirigente scolastico. A parte i criteri seguiti per la nomina e per la creazione di una figura dirigenziale fino a quel momento inedita - la Procura sta cercando di verificarli, cos come i titoli e il curriculum presentato dalla professionista - non poteva sfuggire il fatto che la Sanna sposata con il presidente della fondazione Banco di Sardegna, Antonello Arru. Quindi se a pagare stato listituto bancario, si sarebbe trattato di un trasferimento di soldi in famiglia. Su questo punto le due inchieste hanno cos finito per incrociarsi. Ed ormai probabilissimo che i fascicoli, di qui a breve, vengano unificati. Ma non finita: nellesposto Coimpresa ha contestato ogni passaggio che ha portato alla nomina della commissione regionale destinata a valutare limposizione dei nuovi vincoli su Tuvixeddu. Partendo dal giudizio del Tar - mancano i criteri, non risultano i curricula dei quattro componenti esterni e serviva una legge regionale per istituire la commissione - il gruppo privato ha denunciato la presenza nellorganismo tecnico di Maria Antonietta Mongiu, che ha partecipato alla decisione sui vincoli e ha poi approvato in giunta, come assessore ai beni culturali, la proposta di imporli. Per questo doppio ruolo - sul quale hanno espresso perplessit anche i giudici del Tar - la Procura far le sue valutazioni sul piano penale, nonostante sia escluso - non esiste alcun indizio, neppure minimo - che lautorevole studiosa di archeologia possa aver subordinato le sue scelte tecniche su Tuvixeddu al successivo incarico di amministratrice. La commissione ha lavorato in autonomia, gli errori - che qualche volta si scontrano con il codice penale - potrebbero essere stati commessi altrove.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news