LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ciampi: quei beni sono di tutti
Micaela Bongi
Il Manifesto 16/06/2002

SALVA-DEFICIT Il Quirinale promulga il decreto ma scrive a Berlusconi, chiedendo che sia rispettato il patrimonio culturale e ambientale garantito dalla Costituzione. L'opposizione plaude, Tremonti e Urbani minimizzano. Sgarbi: "Avevo ragione io".
"Abbiamo vinto, la cultura esiste". Il sottosegretario senza deleghe Vittorio Sgarbi entra cantando vittoria nel posto sbagliato, il convegno fiorentino dedicato al manifesto della cultura stilato da Forza Italia. "Urbani si dovrebbe dimettere, Ciampi ha dato ragione a me", insiste Sgarbi. Perch il presidente della repubblica ieri ha promulgato il decreto "salva-deficit" approvato gioved scorso al senato. Ma, allo stesso tempo, ha preso carta e penna per mettere in guardia il governo rispetto alla svendita del patrimonio storico, artistico e paesaggistico dello stato, che il decreto in questione profila. Figurarsi, "se mi accusano di voler vendere il Colosseso mi offendo... queste paure sono fuori luogo perch chi le agita dimostra di non conoscere la Costituzione e le sue leggi", insisteva ancora ieri il ministro dei beni culturali, per nulla turbato. Cos come si mostra tranquillo il ministro dell'economia Giulio Tremonti, che anzi riferisce degli "stretti contatti" tra gli uffici del suo dicastero e il Colle. Ma con la sua lettera il capo dello stato chiede a Silvio Berlusconi che non sia il governo a dimenticare i principi costituzionali "che riguardano la tutela dei beni pubblici e, in primo luogo, di quelli culturali e ambientali, che costituiscono identit e patrimonio di tutto il paese". Quanto alla legge che istituisce la Patrimonio Spa e la Infrastrutture Spa, Ciampi chiede che l'ordine del giorno firmato dal forzista Carlo Vizzini e approvato in extremis gioved , che impegna il governo "a assicurare particolari garanzie per la gestione di tutti i beni di interesse culturale e ambientale, nonch il pieno coinvolgimento del ministero dei beni culturali e ambientali nelle relative procedure", non sia solo la classica foglia di fico, ma sia tradotto in" disposizioni operative".

La gestione della patrimonio Spa, scrive Ciampi, dovr essere sottoposta al vaglio della Corte dei conti. Mentre il Cipe (comitato interministeriale per la programmazione economica) dovr fornire le direttive di massima sugli indirizzi strategici della societ, assicurando che la valorizzazione del patrimonio "sia coerente non solo con i principi di economicit e redditivit, ma anche con il rigoroso rispetto dei valori che attengono alle finalit proprie dei beni pubblici". Nelle norme applicative del decreto, sostiene ancora il Quirinale, bisogner specificare che alla Infrastrutture spa potranno essere trasferiti, per l'emissione di titoli, solo "beni alienabili", escludendo automaticamente tutti i beni pubblici.

Una discreta "titata d'orecchie" a Berlusconi, commenta il senatore socialista Ottaviano Del Turco. Mentre Vizzini coglie l'occasione per "rivelare" che il suo emendamento tradotto in ordine del giorno era stato concordato direttamente con Silvio Berlusconi. Del resto il governo lo aveva accolto, perch un ordine del giorno non si nega a nessuno. Se i ministri fanno mostra di non sentirsi minimamente sotto il tiro del Colle ("una lettera ad abundatiam, commenta ancora Urbani), l'opposizione plaude al presidente, destinatario di "un sincero ringraziamento" da parte dell'ex ministra diessina Giovanna Melandri, secondo la quale la richiesta di correggere la norma "suona come una sconfessione cocente per Tremonti e Urbani". Apprezzamento anche da parte di Ermete Realacci, della Margherita e di Legambiente, del Pdc, con Marco Rizzo, e di Gavino Angius, capogruppo della Quercia al senato. Secondo quest'ultimo, la lettera del capo dello stato "impone al governo di rendere operativo l'ordine del giorno di Vizzini" e, chiedendo di rendere noti i bilanci della Patrimonio spa, "impedisce il gioco delle tre carte che voleva nascondere sotto il tappeto i debiti dello stato". Ma quella di Ciampi, seppure "autorevole", resta una raccomandazione. Dunque il decreto "salva-deficit" non ancora "crollato su se stesso". "I richiami del capo dello stato - commenta Gaetano Benedetto, del Wwf - non costituiscono legge e pertanto i beni demaniali potranno essere trasferiti senza concertazione alcuna dei soggetti preposti alla tutela e senza il coinvolgimento delle regioni e degli enti locali competenti". Il Wwf quindi auspica che il richiamo del Colle possa portare al all'inserimento dei principi contenuti nell'ordine del giornio di Vizzini nel primo provvedimento utile che sar discusso alla camera



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news