LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA -Nel 1870 furono rubati dal museo archeologico reperti per 18 mila lire ma il furto rimase senza castigo
MARIO GENCO
MARTED, 01 APRILE 2008 la repubblica - Palermo



Il custode penetr di notte coinvolgendo nel piano due guardie ma il processo condann solo i ricettatori



--------------------------------------------------------------------------------

Fu forse la prima ferita inflitta al patrimonio artistico siciliano dallunit dItalia: nella notte fra Natale e Santo Stefano del 1870, da una stanza del Real Museo - oggi Archeologico Salinas - sparirono calici, pissidi, cesellate, aspersori e anelli, doro e dargento; cammei e pietre preziose; monete antiche. I carabinieri ne stimarono il valore: 18.647 lire, equivalenti a 74.554 euro e qualche spicciolo. Il quotidiano LAmico del Popolo concordava sul valore intrinseco, ma stimava il valore relativo - oggetti dinteresse storico e artistico - in circa 30.000 lire cio 119.946 euro. In poche parole, un bel colpo.
Scalpore sui quotidiani palermitani. Costernazione al ministero dellIstruzione Pubblica, che chiedeva conto e ragione al professor Gaetano Daita, presidente della Commissione di Antichit e Belle arti. Il ministro, non potendo pi far altro, stabil che solo il direttore, da quel giorno in poi, avrebbe custodito tutte le chiavi del museo.
I ladri, infatti, non avevano fatto altro che aprire con le chiavi la porta principale del museo, e la stanza degli armadi con il tesoro. Il rapporto della polizia precisava che gli oggetti preziosi e il monetario erano ben custoditi in un locale con porte ben solide e chiuse con forte serratura e un grosso catenaccio a lettere, il di cui congegno talmente formato da non potersi aprire se non da colui il quale conosce il segreto della lettera assegnatavi. La parola segreta, per modo di dire, era: monete.
Per polizia e carabinieri, ovviamente, la mano che aveva aperto era interna e anche abbastanza maldestra. Per sviare tanto facile ipotesi investigativa, gli autori del furto avevano avuto la pensata di aprire una breccia sul pavimento di un ufficio, un altro cera gi nel controsoffitto della stanza del tesoro. Il buco della prima stanza era stato aperto di recente; il secondo, di molto antecedente, era cos stretto che nemmeno un bambino avrebbe potuto passarci; dovunque cera polvere senza tracce dimpronta.
Il primo ad essere sospettato e fermato fu il guardiano, Giovanni Paderna, insieme con una mezza dozzina di persone; ma lunico a rimanere in carcere fu lui: era il solo a conoscere il segreto della parola.
Le indagini si conclusero a marzo, con larresto dei due fratelli Antonino e Sebastiano Ciotti - il primo bersagliere municipale, cio guardia daziaria, e laltro guardia di P. S. - cugini di Paderna.
La questura ricostru cos la vicenda. Ideatore del furto era stato il guardiano, sospettato di aver gi rubato per conto suo, un po alla volta, alcune pietre preziose dagli oggetti sacri. Temendo di essere scoperto aveva pensato di rubare tutto quanto. Ci aveva messo poco a convincere Antonino Ciotti.
La notte di Natale, Paderna and a cercare il cugino Antonino e lo trov a casa del fratello Sebastiano; cerano anche altre tre guardie di questura, con famiglia: si sollazzavano a desco. Cera poco da sollazzarsi, disse Paderna, e chiese al cugino di andar via con lui. Dopo un paio dore tornarono. Dovevano nascondere la refurtiva a casa Ciotti, che chiese la chiave alla moglie Ninetta. La donna non voleva dargliela lasciandosi prendere da volgare gelosia e sospettando che il marito volesse in propria casa darsi piacere con unaltra donna. Alla fine gliela diede. Ma nei giorni seguenti continu a chiedere spiegazioni, quello non ne pot pi e le confess di avere nascosto in casa una cassetta piena doro e pietre preziose. Le raccomand il segreto, che la moglie non seppe mantenere e ne parl alla suocera, scongiurando che non dicesse nulla allaltro figlio Sebastiano. Quello era pur sempre una guardia, avrebbe raccontato tutto ai superiori per far carriera. Poteva una madre nascondere un tal segreto con un figlio? Anche Sebastiano seppe qualcosa e non and a raccontarla in questura. Anzi, accolse in casa sua Antonino e la moglie: quei due vivevano in una casa senza un letto degno di farci nascere il figlio in arrivo. Durante il trasloco, Sebastiano si accorse di una cassetta sgangherata, che per Antonino voleva portar via a tutti i costi, sinsospett, riusc a frugarci dentro e si accorse del prezioso contenuto. Lo disse al fratello e vennero a contesa, si spregiarono, si minacciarono scambievolmente. Nonostante tutto, continuavano a vivere insieme finch la moglie di Sebastiano, terrorizzata, impose al marito di cacciarli.
Antonino e Ninetta andarono ad abitare nel vicolo Matteo Lo Vecchio nel rione Albergheria, che la bizzarra toponomastica palermitana dedicava a un crudele capo degli sbirri del XVIII secolo.
Per qualche giorno, Antonino riusc a contenere la bramosia del denaro, infine cedette. Incaric un certo Fasone, faccendiere tristissimo a comprargli un finimento doro. Era gi assiduamente controllato dalla polizia, che quando lo vide sfoggiare elegantemente in arnese e vivere in una condizione di agiatezza superiore ai mezzi che ritraeva dallimpiego, cap di essere sulla pista giusta. Il 20 marzo del 71 scattarono perquisizioni simultanee nelle case dei sospettati, fra i quali Sebastiano. Anche lui conosceva il faccendiere, che gli regalava a quando a quando qualche mancia perch lo tollerasse nel gioco del lotto clandestino, volgarmente inteso scalora.
La perquisizione a casa di Antonino Ciotti fu fruttuosa: un delegato di P. S. trov sotto il pavimento alquanti oggetti doro e dargento, fra i materassi trov due pezzi doro massiccio, in una cassetta rinvenne altra porzione doggetti e sequestr tre scalpelli e alcuni brillanti. Port tutto in questura e torn subito ad effettuare una perquisizione pi accurata. In unintercapedine ricavata con raffinata scaltrezza tra larchitrave della porta recuper tutte le monete doro e dargento, i cammei, le corniole ed il rimanente degli arredi sacri fatti in pezzi. Il questore nel suo rapporto rifer che alla verifica finale mancavano poche monete antiche, ma non pot tacere che i pezzi di oreficeria ridotti in frantumi non valgono ora che il prezzo del metallo.
I due fratelli Ciotti, Fasone e Paderna furono processati in Corte dAssise due anni dopo.
La Gazzetta del Popolo, uno dei quattro o cinque quotidiani che uscivano in citt, pubblic ampi resoconti delle udienze: avvenimento eccezionale, a quei tempi i giornali concedevano alla Cronaca locale notizie in pillola.
La sentenza sembrava scontata. Il sopralluogo della Corte al Museo fece intuire che non sarebbe stato cos. Paderna era difeso da due dei pi agguerriti e influenti avvocati del Foro palermitano: Cuccia e Puglia, i quali tentarono con ogni mezzo di mettere in difficolt i giurati. Chiesero, invano, che si riaprissero i buchi trovati nel pavimenti delle stanze; volevano dimostrare che un uomo poteva passare agevolmente attraverso unapertura larga venti centimetri.
Il 19 agosto, dopo appena mezzora di camera di consiglio, la Corte, presieduta dal commendator Guccione, emise la sentenza: Paderna assolto, come anche Fasone; Antonino Ciotti condannato a cinque anni e Sebastiano a sei, tutti e due solo per ricettazione.
La Gazzetta del Popolo comment: Condanna di due ricettatori. Ma lautore?
Il questore Albanese e il prefetto generale Medici furono pi espliciti con il ministro dellInterno, Lanza: Questo verdetto ha prodotto in citt sfavorevole impressione e la stampa fu unanime nel deplorarlo fa ben dubitare della moralit del magistrato.
Le fonti: Archivio di Stato di Palermo, fondo Prefettura/Gab. Busta 33. La Gazzetta del Popolo, LAmico del Popolo, Il Precursore, Giornale di Sicilia, anni 1870 e 1875.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news