LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - lady Fede attacca: l`ente di Bassolino vale due miliardi
ENRICO PAOLI e GIANLUCA ROSELLI
Libero 30/03/2008

A Napoli non c` solo la monnezza, ci sono anche i beni culturali e i grandi siti archeologici. La prima costa, i secondi rendono. Soprattutto a chi li gestisce, a partire dal governatore della Campania, Antonio Bassolino. Il perch presto detto.
Con un provvedimento del febbraio scorso, il ministero dei Beni culturali ha accorpato le soprintendenze ai beni archeologici
di Napoli e Pompei, creando una super-soprintendenza. Al di l del fatto che l`operazione stata compiuta quando il ministro Francesco Rutelli avrebbe dovuto occuparsi solo della gestione ordinaria, ci che desta pi di una preoccupazione il risvolto economico della vicenda. Il nuovo ente gestir, spiega Diana De Feo, candidata al Senato in Campania per il PdL, circa 2 miliardi di euro di finanziamenti, buona parte dei quali arrivano dalla Comunit europea. Bassolino, ovviamente, vuole averne il controllo totale ed per questo che le due soprintendenze sono
state accorpate. Il bello che a guidare l`ufficio unico sar Piero Guzzo, che sta per andare in pensione, ovvero colui che
riuscito a non spendere i soldi che giaccio - no nelle casse della sua direzione.
Ma questo non un fatto isolato. Il governo di Romano Prodi, dopo la caduta, in carica per l`ordinaria amministrazione.
Dovrebbe, quindi, limitarsi alla gestione degli affari correnti. In realt in diversi ministeri s sta procedendo a nomine per
piazzare uomini del centrosinistra nei punti chiave. Come, per l`appunto, ai Beni culturali, Dove Rutelli, che a breve dovr
levare le tende, sta procedendo alla nomina di ben 216 dirigenti di secondo livello.
Ovvero presidenti di soprintendenze, di istituti culturali, di archivi e biblioteche. Tutti posti con stipendi mai al di sotto dei 4 mila euro mensili. Senza contare che un soprintendente ai beni culturali, a livello locale, gestisce molto potere, perch a lui spettano le decisioni fondamentali della politica culturale (e dei fondi ad essa elargiti) di una citt odi un`intera provincia.
Il ministro ancora in carica si sta dando da fare per piazzare isuoluomni, persone legate al Pd, alla Margherita o ai sindacati, prima di passare la mano al suo successo re.
E il malcontento sale, anche perch le nomine, che verranno formalizzate entro il 31 marzo, raramente tengono conto degli
obbiettivi o delle reali capacit professionali.
Insomma, una grande infornata per piazzare in posti sicuri i soliti amici.
Il dicastero, del resto, ha gi subto una grande riorganizzazione voluta dallo stesso Rutelli, che ha accorpato alcune soprintendenze e ne ha create di nuove, con spostamenti interni che spesso non sono stati graditi. E ora questo grande giro di nomine pre-elettorale. Quello di Rutelli un comportamento scorretto, afferma il segretario della ConfsalUnsa, Giuseppe Urbino, visto che alla vigilia del suo
abbandono non si comprende la folle corsa a dover piazzare
a tutti i costi i propri uomini nei posti chiave. Non mai accaduto, continua il sindacalista, che senza alcun principio di trasparenza e alcun criterio si possa procedere a nominare
un cos alto numero di dirigenti di seconda fascia di cui molti senza specifiche competenze e capacit professionali.
L`intera operazione dovr comunque passare al vaglio della Corte dei conti. Ed proprio alla magistratura contabile che i
sindacati si appellano affinch vigili sulla legittimit di queste operazioni.
Un vizio, quello delle nomine a fine mandato, che nel corso degli anni ha riguardato un po` tutti gli schieramenti politici, da destra a sinistra. Ma il caso di Rutelli rischia di essere uno dei pi eclatanti. L`ex-ministro Urbani ha governato cinque
anni e le nomine le ha spalmate su un arco temporale ampio, conclude Urbino, mentre, con la caduta di Prodi, Rutelli
ha dato il via a una corsa contro il tempo.
E naturalmente rimandare le nomine al prossimo esecutivo non gli proprio passato per la mente.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news