LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - lady Fede attacca: l`ente di Bassolino vale due miliardi
ENRICO PAOLI e GIANLUCA ROSELLI
Libero 30/03/2008

A Napoli non c` solo la monnezza, ci sono anche i beni culturali e i grandi siti archeologici. La prima costa, i secondi rendono. Soprattutto a chi li gestisce, a partire dal governatore della Campania, Antonio Bassolino. Il perch presto detto.
Con un provvedimento del febbraio scorso, il ministero dei Beni culturali ha accorpato le soprintendenze ai beni archeologici
di Napoli e Pompei, creando una super-soprintendenza. Al di l del fatto che l`operazione stata compiuta quando il ministro Francesco Rutelli avrebbe dovuto occuparsi solo della gestione ordinaria, ci che desta pi di una preoccupazione il risvolto economico della vicenda. Il nuovo ente gestir, spiega Diana De Feo, candidata al Senato in Campania per il PdL, circa 2 miliardi di euro di finanziamenti, buona parte dei quali arrivano dalla Comunit europea. Bassolino, ovviamente, vuole averne il controllo totale ed per questo che le due soprintendenze sono
state accorpate. Il bello che a guidare l`ufficio unico sar Piero Guzzo, che sta per andare in pensione, ovvero colui che
riuscito a non spendere i soldi che giaccio - no nelle casse della sua direzione.
Ma questo non un fatto isolato. Il governo di Romano Prodi, dopo la caduta, in carica per l`ordinaria amministrazione.
Dovrebbe, quindi, limitarsi alla gestione degli affari correnti. In realt in diversi ministeri s sta procedendo a nomine per
piazzare uomini del centrosinistra nei punti chiave. Come, per l`appunto, ai Beni culturali, Dove Rutelli, che a breve dovr
levare le tende, sta procedendo alla nomina di ben 216 dirigenti di secondo livello.
Ovvero presidenti di soprintendenze, di istituti culturali, di archivi e biblioteche. Tutti posti con stipendi mai al di sotto dei 4 mila euro mensili. Senza contare che un soprintendente ai beni culturali, a livello locale, gestisce molto potere, perch a lui spettano le decisioni fondamentali della politica culturale (e dei fondi ad essa elargiti) di una citt odi un`intera provincia.
Il ministro ancora in carica si sta dando da fare per piazzare isuoluomni, persone legate al Pd, alla Margherita o ai sindacati, prima di passare la mano al suo successo re.
E il malcontento sale, anche perch le nomine, che verranno formalizzate entro il 31 marzo, raramente tengono conto degli
obbiettivi o delle reali capacit professionali.
Insomma, una grande infornata per piazzare in posti sicuri i soliti amici.
Il dicastero, del resto, ha gi subto una grande riorganizzazione voluta dallo stesso Rutelli, che ha accorpato alcune soprintendenze e ne ha create di nuove, con spostamenti interni che spesso non sono stati graditi. E ora questo grande giro di nomine pre-elettorale. Quello di Rutelli un comportamento scorretto, afferma il segretario della ConfsalUnsa, Giuseppe Urbino, visto che alla vigilia del suo
abbandono non si comprende la folle corsa a dover piazzare
a tutti i costi i propri uomini nei posti chiave. Non mai accaduto, continua il sindacalista, che senza alcun principio di trasparenza e alcun criterio si possa procedere a nominare
un cos alto numero di dirigenti di seconda fascia di cui molti senza specifiche competenze e capacit professionali.
L`intera operazione dovr comunque passare al vaglio della Corte dei conti. Ed proprio alla magistratura contabile che i
sindacati si appellano affinch vigili sulla legittimit di queste operazioni.
Un vizio, quello delle nomine a fine mandato, che nel corso degli anni ha riguardato un po` tutti gli schieramenti politici, da destra a sinistra. Ma il caso di Rutelli rischia di essere uno dei pi eclatanti. L`ex-ministro Urbani ha governato cinque
anni e le nomine le ha spalmate su un arco temporale ampio, conclude Urbino, mentre, con la caduta di Prodi, Rutelli
ha dato il via a una corsa contro il tempo.
E naturalmente rimandare le nomine al prossimo esecutivo non gli proprio passato per la mente.



news

13-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news