LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA. CEMENTO: Stop alla residenza nelle fabbriche dismesse
30 marzo 2008, IL TIRRENO - LUCCA

Via libera invece ad attivit e centri socio-culturali

Intorno alla citt stanno sorgendo ovunque piccoli quartieri satellite, che spesso si ricavano da aree industriali dismesse. Le fabbriche abbandonate, censite dallAssindustriali e oggetto di convegni, sono un centinaio.
pensabile che tutte possano accogliere altre abitazioni, negozi e uffici che andrebbero ad aggiungersi a quelli dei colossi previsti dai piani norma non solo a S. Anna, ma pi ancora tra la stazione e Pulia?
Non c altro modo di recuperare gli scheletri fatiscenti dei capannoni fatiscenti, ricavandone ad esempio impianti sportivi, spazi culturali e per lo spettacolo, ambienti per attivit socio-sanitarie di cui la citt difetta?
Per il sindaco, Mauro Favilla, occorre in qualche modo limitare i danni al territorio che rischia di portare il nuovo regolamento urbanistico, che di fatto lascia possibilit di realizzare di tutto negli stabilimenti abbandonati.
Mi preoccupa pi laspetto della residenza che quello del terziario - spiega Favilla -. Mi pare sinceramente che lesigenza di nuove abitazioni sia superata, mentre vedo spazio per la realizzazione uffici e attivit.
Tante aziende e strutture di servizio si sono trasferite o hanno aperto nella zona di Guamo, quando pi opportunamente sarebbero potute rimanere a due passi dalle Mura. E credo anche che nelle industrie dismesse ci possa essere spazio per centri socio sanitari e assistenziali, per laboratori artistici e culturali, per impianti sportivi. Servono insomma attivit che creino occasioni di lavoro, pi che nuova residenza.
sulla base di questa convinzione che potrebbe quindi essere proposta una variante al regolamento urbanistico che limiti, se non addirittura cancelli, la possibilit di costruire nuovi appartamenti nei capannoni abbandonati a due passi dalle Mura. Anche perch si temono le conseguenze si una eccessiva presenza di offerta sul mercato della casa, che gi si avvertono.
In ogni caso tenteremo di riequilibrare la presenza di attivit e residenza tra le zone ad est e ad ovest della citt - aggiunge il sindaco -. Oggi si lavora fuori Porta Elisa, verso la Piana, e si dorme a S. Anna. Una situazione che crea tra laltro evidenti problemi di mobilit.
M.I.

Preoccupa soprattutto la zona sud-est
Edificabilit quasi esaurita





LUCCA. Gli uffici comunali stanno verificando quanto si realmente costruito dallentrata in vigore del nuovo regolamento urbanistico. Cosa accadr se si verificher che sono stati superati i limiti previsti? Il sindaco attende di conoscere i dati con precisione, ma non crede che, al momento, siano state superate le volumetrie consentite nelle singole unit territoriali (quartieri) del Comune.
Il sindaco attende di conoscere i dati con precisione, ma non crede che siano state superate le volumetrie consentite nelle singole unit territoriali (quartieri) del Comune.
Ho qualche timore per la parte sud est della citt, verso S. Concordio e Pulia - dice Mauro Favilla - ma non ritengo che si sia gi costruito tutto il costruibile. La norma provvidenziale che ci consente di sospendere ledificabilit nel parco est (S. Pietro a Vico-Tempagnano-Antraccoli) ci permette di respirare. Se per la verifica individuasse quartieri in cui si sforato si porrebbero problemi seri. In questo caso, ammette il sindaco, avremmo due possibilit: o provvedere a un riequilibrio considerando unit territoriali diverse, o annullare le previsioni di nuove costruzioni laddove si superato il tetto. Ma non possiamo trascurare il fatto che il nuovo regolamento urbanistico ha creato grandi aspettative e costituito diritti. C tanta gente che paga lIci su terreni diventati edificabili: come si fa a dirgli ora che non ci si pu pi costruire? Dopo aver ascoltato tecnici ed esperti, credo che lunica soluzione sarebbe sospendere il diritto alledificabilit, ma al tempo stesso rinunciare anche allIci.
M.I.








news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news