LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

G8, la carica dei cinque stelle
LUCIO SALISLA
L'Unione sarda 19-03-2008

Il summit potrebbe far nascere hotel di lusso Il G8 potrebbe favorire la nascita di alberghi di lusso a La Maddalena, dove non esiste una struttura ricettiva adeguata. Undici progetti, giudicati "ammissibili", attendono l'ok definitivo della Regione.

MADDALENA - Hanno mobilitato perfino Valeria Marini e Ramona Badescu. Cosa non si fa per ottenere una concessione edilizia. A La Maddalena gi scattata la corsa alla costruzione degli alberghi di lusso. E l'imprenditore Davide Cincotti (packaging industriale) si mosso per tempo. Dopo l'acquisto, dalla Itas di Sergio Rossetti, del vecchio hotel Cala Lunga, con annesso approdo a Porto Massimo, la sua societ, Sviluppo vacanze spa, ha predisposto un progetto di rilancio da venti milioni di euro. E lo ha presentato, nel luglio scorso, nella sua villa a Porto Rotondo, con una mega festa. Ospiti d'onore, Valeriona, Paolo Berlusconi e vipperia assortita. Al posto della vecchia struttura, vuole realizzare il Luxori yacting Porto Massimo. La Regione lo ha giudicato "ammissibile" purch vengano ridotte le volumetrie.Ma non c' solo Cincotti in lista d'attesa. Altri 10 progetti, per un totale di 210 mila metri cubi, aspettano il via libera regionale. Se verranno approvati tutti, i posti letto di La Maddalena passeranno dagli attuali 1230 (606 nel villaggio Valtur) a 2227.Parlare di corsa al cemento eccessivo, ma indubbiamente la smilitarizzazione dell'Isola e soprattutto l'imminente G8 hanno provocato un fiorire di nuovi progetti, mentre altri, in sonno da parecchi anni, sono tornati d'attualit. Il sindaco Angelo Comiti (ma non solo lui) considera il vertice mondiale una grande occasione per dotare, finalmente, La Maddalena di una ricettivit di buon livello. E confida nella risposta delle istituzioni: Dalla Regione mi aspetto che consenta agli imprenditori privati di riqualificare le strutture alberghiere. Per raggiungere l'obiettivo, sono previsti investimenti significativi, come, tra gli altri, i 35 milioni del club Mediterane e quelli del gruppo Ligresti.Inizialmente, erano 35 le proposte di intervento, ridotte poi a 22 dal Consiglio comunale, mentre solo 11 sono state considerate ammissibili dalla Regione. Stiamo lavorando perch abbiano la concessione edilizia pi presto possibile. Gli ultimi ostacoli riguardano l'inquadramento nel Piano urbanistico comunale e la compatibilit col Piano paesaggistico regionale.Ma non c' il rischio di compromettere l'ambiente? La Sardegna ha un Piano paesaggistico fra i pi avanzati d'Italia. Il nostro territorio quasi completamente vergine e cos vogliamo mantenerlo. la risorsa pi importante, insieme alla citt e alla nostra cultura. Questo non un finto luogo di vacanze come tanti altri. Vogliamo solo rivitalizzarlo e disponiamo delle risorse necessarie:10 milioni di euro. Ma vediamo quali sono i progetti "ammissibili" che attendono l'ok definitivo della Regione.

CLUB MEDITERRANE Dovrebbe diventare un albergo a cinque stelle, con un aumento della volumetria del 28 per cento. Le vecchie capanne di tipo polinesiano saranno demolite per fare posto a 300 unit rivestite in legno e pietra locale. La Regione chiede una riduzione dei metri cubi.

TOURING VACANZE SRL Prevista la realizzazione di un albergo a quattro stelle superiore, tipo villaggio, in localit Punta Cannone, con 185 camere e 20 villette (in tutto 478 posti letto) e un incremento della volumetria di 5500 metri cubi. Che la Regione propone di ridurre.

VILLAGGIO SEIS SPA Si tratta del borgo abitato dalle famiglie di stanza nella base Usa sgomberata di recente, oggi di propriet dell'Immobiliare Lombarda di Salvatore Ligresti. Attualmente composto da 135 villette. Il progetto prevede la trasformazione in un villaggio a finalit turistica e residenziale. Previsti due complessi da 24 mila metri quadri: uno a cinque stelle, verso Cala Inferno con 240 - 260 posti letto; l'altro a quattro stelle, verso Cala Maiore, con 300 - 320 posti letto. Pi i servizi. Cubatura totale di 113.500 m.c.: il 57,7 per cento destinati alla ricettivit; il 31,7 alle residenze e il 17,6 ai servizi. La Regione chiede che l'intervento venga rimodulato prevedendo la riqualificazione dell'insediamento e un ampliamento in misura non superiore al 25 per cento dell'esistente.

NIDO D'AQUILA Ampliamento del vecchio albergo, dagli attuali 80 a 118 posti letto. Previsto un aumento della volumetria di 1326 metri cubi. La Regione chiede una relazione paesaggistica che valuti la possibilit di adottare un piano stralcio.

VIA PRINCIPE AMEDEO La societ Mabi srl di Angelo Massimetti vuole rendere pi moderno e funzionale un vecchio hotel urbano a tre stelle. Previste 31 camere e 63 posti letto, piscina per idromassaggio, roof garden e solarium. Si chiede una deroga per 1288 metri cubi. La Regione vuole che l'incremento di cubatura non superi il 25 per cento previsto dal Puc.

CALA VELAMARINA Costruzione di un hotel di lusso a Santo Stefano in una zona gi interessata da cave di granito. Con 122 camere e 200 posti letto. Riconversione di un approdo turistico con 90 posti barca. Volumetria di 33 mila metri cubi. La Regione vuole una relazione paesaggistica per il corretto inserimento dei volumi nei vuoti resi dall'attivit di cava, la concentrazione dell'intervento in un unico volume e la riqualificazione ambientale della seconda area degradata.

ISOLA DI SANTA MARIA Prevista la riqualificazione di un fabbricato a scopo turistico. La Regione lo consente ma senza aumento dei volumi.

VIA P. AMEDEO, VIA DUILIO L'imprenditrice Teresa Lotti intende realizzare un albergo di qualit medio alta. Previste 127 camere con circa 250 posti letto. 34.500 i metri cubi. La Regione chiede di accertare se ancora presente il rischio idrogeologico e l'adeguamento del progetto al Puc.

BORGO A CALA FRANCESE La societ Segis srl intende ristrutturare, nell'ex borgo minerario di Cala Francese un edificio da adibire a servizi e punto di ristoro per gli equipaggi delle imbarcazioni che attraccheranno nella banchina. Non previsto aumento di volumi. La Regione raccomanda che siano salvaguardate le caratteristiche architettoniche e storiche dei fabbricati.

ACQUARIO La Ingermare srl intende realizzare un acquario marino in zona Vaticano, gi sede di un deposito di cavi sottomarini della Telecom. La Regione chiede uno studio su tutto il fronte mare che preveda le direttrici dello sviluppo futuro.(3-Fine)



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news