LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VARESE - Cappelle votive, nato il comitato Salviamo la Madonnina
Elena Casero
www.artevarese.com 20-03-2008

Non ha un particolare pregio dal punto di vista artistico, ma per chi legato alle tradizioni ha un valore storico e affettivo importante. Ora in pericolo e tra i cittadini nasce un comitato per salvare la cappelletta dalle ruspe Castellanza: La cappella della Madonnina



La cappella della Madonnina Tra le robinie, un pezzo di storia - Alle origini del problema sta un progetto per la costruzione dei nuovi palazzi popolari che sostituiranno i palazzoni di via San Giulio, ormai obsoleti. I nuovi edifici sorgeranno a ridosso di una delle cinque cappelle votive disseminate in citt: la Madonnina, cos chiamata affettuosamente dai cittadini di Castegnate, un simbolo, un ultimo baluardo di fede e tradizione immerso in boschetto di robinie, ormai falciato per far posto alle ruspe che tra breve compariranno per iniziare i lavori. Il timore degli abitanti che la cappella votiva rimanga sommersa tra colate di cemento o che, peggio, venga spostata. Per tutelarla e per protestare contro la cementificazione dell'area nato un comitato: "Salviamo l'area della Madonnina". Le cappelle votive in citt - Fin qui la cronaca. Osservando le cappelle votive disseminate per la citt ci si accorge del profondo sentimento di fede e di devozione dei castellanzesi che si richiamano a fatti storici durante i quali i santi giocarono un ruolo chiave. La Madonnina, per esempio, in realt la Cappella dell'Addolorata ed ebbe origine nella seconda met del XIX secolo. Si narra che in quel tempo la figlia del Barone Costanzo Cantoni, durante un percorso a cavallo sul sentiero boscoso verso Nizzolina, fu disarcionata dal suo destriero che s'impenn bruscamente; la giovane pur cadendo rovinosamente rimase illesa. L'aver invocato al vergine Addolorata durante l'incidente convinse la ragazza ad attribuire a lei la sua salvezza miracolosa e come ringraziamento fece costruire un'icona che conteneva il quadro della Madonna, la Vergine Addolorata sistemandola su un albero nel luogo dell'incidente. Con il tempo la devozione alla Madonnina port alla costruzione di una cappelletta con un piccolo altare sopra il quale si trova tuttora il dipinto originale. La cappella dell'Immacolata La cappella dell'Immacolata La Santa che salv dalla peste - Dalla Madonnina a una Santa che ancora oggi riscuote la devozione dei cittadini sin dal Seicento. La cappella di Santa Liberata, infatti, fu costruita nel 1630 per implorare la Santa affinch liberasse la popolazione dal flagello della peste che in quel tempo mieteva vittime. Fu la famiglia Porta-Prandoni a donare il terreno e si accoll gli oneri della costruzione. La cappella fu quindi affrescata dal pittore e canonico Biagio Bellotti che raffigur la santa attorniata da altre sante e sovrastate dalla Vergine con il Bambino. Attualmente Santa Liberata rappresentata con un mosaico che la mostra monaca benedettina illuminata da un raggio e con un giglio che indica la sua verginit. Il bozzetto di Sante Pizzol e il mosaico di Daniele Boreatti realizzato nel 1950 su commissione di don Antonio Clerici. Ogni 18 gennaio la cappella viene aperta ala popolazione per una funzione religiosa. La cappella dimenticata - E' un po' nascosta al confine, tra Castellanza e Olgiate Olona ma molto antica: la cappella di San Gervaso e Protaso fu menzionata dallo scrittore storico Goffredo da Bussero asserendo che nel XIII secolo era dedicata solo a San Protaso. Successivamente fu menzionata da San Carlo Borromeo durante una sua visita pastorale in Olgiate Olona il 18 febbraio 1682 e descritta come oratorio campestre di San Gervaso e Protaso. Nel 1597 la cappella fu in odore di demolizione non essendoci allora fondi per restaurarla ma sopravvisse. Nei secoli venne quasi dimenticata finch all'inizio del XX secolo si decise di restaurarla. Oggi viene chiamata anche "tabernacolo", ha una forma quadrata due metri per due e alle pareti sono collocati i quadri dei due santi che sostituiscono le vecchie pitture murali ormai scomparse. Sopra l'altare campeggia un dipinto della Vergine di Caravaggio eseguito da Biagio Bellotti. L'Immacolata - Un'altra storia fra realt e leggenda alla base della costruzione di una cappella in via Roma dedicata all'Immacolata. Si narra che esistesse gi una cappella votiva dedicata per a San Pietro Martire. Nel 1848 per festeggiare la cacciata degli Austriaci il comune decise di restaurarla e di dedicarla al Cristo redentore. Il progetto fu affidato all'ingegner Giuseppe Brivio, ma i l La cappella del Crocefisso La cappella del Crocefisso avori furono sospesi nel 1849. La tradizione popolare narra che nel 1900 un toro pericoloso fugg in paese seminando il panico, fu invocata la vergine immacolata e l'animale venne ritrovato accasciato e mansueto davanti alla cappella. Si riprese nel 1950 con le decorazioni eseguite dal pittore Nerbini Furer e una pala dedicata all'Immacolata. Si susseguono i restauri: nel 1969 venne tolto il cancello sostituito con una vetrata e una porta in ferro battuto, rifatto l'altare e sopra la nicchia collocata una M sormontata da una croce; nel 1997 restaurati gli affreschi e nel '98 l'aggiunta della lunetta con l'occhio divino sulla vetrata. La cappella si presenta attualmente come edificio a pianta quadrata con lesene in stile ionico. Oltre alla statua dell'Immacolata ci sono due quadri che rappresentano Sant'Anna con la Vergine Bambina e San Giulio. Il Crocefisso e lo sfregio - Il viaggio tra le cappelle votive castellanzesi si chiude in via Cantoni davanti alla cappella del Crocefisso. Il dipinto che lo raffigura un tempo era collocato all'esterno su un muro poco distante. I proprietari di allora i conti Fagnani vendettero i loro possedimenti ai conti Arese che nel 1886 rimossero il dipinto e lo collocarono nella cappellina. Furono decorate le pareti interne laterali e la volta, eretto un altare lineare sormontato dal dipinto del Crocefisso con ai lati la Vergine e l'apostolo Giovanni. Nel 1921 il dipinto venne sfregiato da alcuni malviventi penetrati nella cappella di notte per rubare le offerte. Nel '72 venne cos restaurato, quindi nel 1991.



news

16-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news