LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE: intervista all'archeologa torinese Donatella Ronchetta
MARINA PAGLIERI
MERCOLED, 26 MARZO 2008 LA REPUBBLICA - Torino

LIndiana Jones in gonnella "Io, tra i tesori di Hierapolis"
----------------------------------------------------------

Dal 1965 scavo tra le rovine di Hierapolis, in Asia Minore, alla ricerca dei segreti dellantica citt frigia. Una volta era pi avventuroso, oggi pi facile e abbiamo anche lacqua calda e cuochi che cucinano per noi. Cos larcheologa torinese Donatella Ronchetta, definita una Indiana Jones in gonnella, racconta la missione del Politecnico in Turchia. Una ricerca che compie 50 anni e viene documentata in una mostra al Valentino.

Da Torino allAsia Minore: larcheologa Donatella Ronchetta racconta oltre quarantanni di scavi e di scoperte nella citt ellenistico-romana

Abbiamo una grande tradizione di studiosi e ricercatori, molte grandi spedizioni sono nate qui in Piemonte

Dal 1965 partita tutti gli anni per Hierapolis di Frigia, il pi importante centro di ricerca archeologica italiana in Turchia. Ha saltato solo quelli in cui sono nati i suoi tre figli. I collaboratori la definiscono scherzando una Indiana Jones in gonnella, lei stessa ammette che in quella citt ellenistico-romana dellAsia Minore, tra la necropoli, il teatro e la cattedrale, si muove ormai come a casa sua. Lei Donatella Ronchetta, docente di Storia dellArchitettura antica al Politecnico di Torino e tra gli organizzatori della mostra per il cinquantenario della missione italiana a Hierapolis, che si inaugura domani nella Sala delle Colonne del Castello del Valentino. Mostra che intende mettere in luce il ruolo egemone svolto sin dai primi scavi proprio dalluniversit in cui insegna.
Professoressa Ronchetta, come iniziata lavventura?
Per me a met degli anni Sessanta, ma gi dal 1957 operava a Hierapolis Paolo Verzone, docente del Politecnico di Torino con la passione per lepoca paleobizantina e lAlto Medio Evo. Fu chiamato a insegnare a Istanbul, viaggi a lungo e si imbatt nel sito di Hierapolis, in una zona dalle straordinarie bellezze naturali che conosceva dalle fonti storiche. Trov in particolare un edificio costruito sul luogo del martirio di San Filippo e ottenne dal governo turco la concessione per aprire gli scavi. Verzone nella relazione iniziale parla di "un sito ora deserto": a cinquantanni di distanza i visitatori sono un milione e mezzo allanno.
Fu Verzone a chiamarla?
S, seguii Verzone subito dopo la laurea in archeologia, anche se in realt io ero allieva del professor Giorgio Gullini, il fondatore del Centro Scavi torinese. Ho lavorato nel sito di Hierapolis in vari cantieri, ma soprattutto nella necropoli, la pi vasta dellAsia Minore, anche se a causa dei frequenti sismi sono poche le tombe rimaste intatte. Mi sono dedicata soprattutto allanalisi stratigrafica che mira a individuare le sepolture pi antiche, in genere quelle a cumulo, precedenti allera cristiana quando, dal IV secolo, si seppelliscono i morti vicino ai luoghi di culto, come quel Marthyrion di San Filippo individuato proprio da Verzone.
Continua a scavare?
Al momento siamo impegnati nella necropoli vicino alla Porta onoraria della citt. Porta di cui si ricostruita con esattezza la storia, poich riporta una dedica allimperatore Domiziano fatta dallallora proconsole romano dAsia Giulio Sesto Frontino, nell84 dopo Cristo. Tra i miei impegni, la prossima estate, c poi quello di individuare come era strutturato lattico che sovrastava quella porta, di cui abbiamo ricostruito gli elementi, senza capirne il funzionamento. una ricerca, questa, finanziata dalla Fiat turca, Fiat Tofas, che ha in progetto di allestire questa mostra torinese a Bursa, nella sua sede espositiva allinterno di un hammam.
Come la vita dellarcheologo sul campo?
Adesso pi facile di un tempo, a parte il gran caldo. Abbiamo una casa, ognuno dispone di una camera, ogni due camere c un bagno, usufruiamo di acqua calda grazie ai pannelli solari. Poi ci sono i cuochi, che hanno imparato persino a cucinare allitaliana, ma anche i piatti turchi non sono male. Oltre a noi del Politecnico, ci sono i rappresentanti di altre universit italiane e straniere e di centri studi, dalla Norvegia alla Germania. Certo ci anima la passione e la consapevolezza che il lavoro da fare ancora molto.
Dallegittologo Schiaparelli al Centro Scavi per il Medio oriente di Gullini, fino alla centralit del Politecnico negli scavi in Asia Minore. Si pu parlare di una scuola archeologica torinese?
Penso proprio di s, e mi riferisco in particolare a Gullini, molto attivo nellex Mesopotamia, che fu il primo in Italia ad applicare le moderne tecnologie alla ricerca archeologica. Ora la sua lezione prosegue, una sua allieva sta operando in Iran, in un sito a sud di Teheran. Prima cerano stati i personaggi che hanno promosso grandi spedizioni sulla scia di quelle napoleoniche, come Antonio Marro, Ernesto Schiaparelli. Schiaparelli fu anche un grande studioso; prima di lui, nel 700, cera stato Vitaliano Donati, che in Egitto prese e port via i reperti, senza approfondirne la storia.

MEZZO SECOLO IN MISSIONE TRA I TESORI DELLA FRIGIA

In mostra al Valentino le attivit del Politecnico nel sito turco


Hierapolis di Frigia. Le attivit del Politecnico di Torino nella Missione Archeologica Italiana. il titolo della mostra che si inaugura domani nel Salone dOnore del Castello del Valentino, alla presenza del rettore Francesco Profumo. Inserita nel programma di celebrazioni in occasione del cinquantenario dellattivit di scavi torinese in Asia Minore, organizzata dal Politecnico, II Facolt di Architettura, e dalla Missione Italiana a Hierapolis e promossa tra gli altri da Paralleli Istituto Euro Mediteraneo, con il patrocinio dellUnesco (Hierapolis-Pamukkale stato inserito nell88 nella lista dei luoghi Patrimonio dellUmanit), dei governi italiano e turco, della Regione Piemonte e del Comune di Torino, oltre che dellOrdine provinciale degli Architetti.
Nel percorso espositivo sono documentate le attivit recenti del Politecnico nei settori del rilievo metrico, della storia dellarchitettura e della tutela e valorizzazione, fino agli interventi di restauro e musealizzazione. I resti archeologici e architettonici dellantica citt, fondata in epoca ellenistica e sviluppatasi in epoca romana come uno dei pi prosperi centri della provincia dAsia, costituiscono loggetto principale dellattivit di ricerca della Missione. In particolare tra i grandi cantieri di scavo e ricerca si sono realizzati - e si documentano ora in mostra, tra pannelli e fotografie - studi delledificio del teatro nelle diverse fasi di trasformazione, delle decorazioni della cattedrale, dei processi di occupazione delle aree funerarie, della struttura di coronamento della Porta onoraria di accesso alla citt. Si sono anche organizzati percorsi di visita, con riferimento alla ricostruzione dei disastrosi terremoti che hanno segnato larea nei secoli. Ogni anno partecipano alla missione, ora diretta dal professor Francesco dAndria dellUniversit di Lecce (ma il Politecnico torinese continua a svolgere un ruolo preponderante) 120 persone tra docenti, ricercatori, studenti, professionisti (luned-venerd 9-19, sabato 9-13, fino al 4 aprile).
(ma.pa.)



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news