LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

DISMISSIONI: Le dismissioni di Regioni, Province e Comuni possono arrivare a fino 90 miliardi
Isabella Bufacchi
25 MARZO 2008, IL SOLE 24 ORE


Dagli enti le vendite pi pesanti
ROMA
■fise La dismissione di 30-90 miliardi di euro di patrimonio immobiliare pubblico disponibile, spalmata nell'arco di dieci o quindici anni, pu mobilitare nuove risorse per gli enti territoriali tra i 3 e i 9 miliardi all'anno: spetta a Regioni, Comuni e Province infatti la fetta pi grande della torta delle vendite dello Stato perch gli enti territoriali rappresentano l'8o% circa del patrimonio immobiliare pubblico, cio 280 miliardi su 350 di valore di mercato.
Trae questa conclusione la proposta su come estrarre valore dal patrimonio pubblico elaborata da un gruppo di esperti del Centro Studi della Fondazione Magna Carta, coordinati da Salvatore Rebecchini, attuale presidente del fondo per le infrastrutture F2 ed expresidente della Cassa depositi e prestiti. Il focus sul patrimonio dello Stato rientra in una proposta pi ampia su produttivit e sviluppo economico elaborata da Magna Carta, presieduta dal senatore di Forza Italia Gaetano Quagliariello, messa a disposizione per l'elaborazione del programma elettorale del Pdl e per la futura azione di governo.
La premessa del rapporto sul patrimonio pubblico mette in chiaro che il patrimonio in grado di generare reddito, cosiddetto fruttifero, ammonta a 675 miliardi a valore di mercato e ha un rendimento dell'1% mentre il costo di gestione del 2 per cento. Di fronte a tale inefficiente utilizzo delle risorse, i margini potenziali di miglioramento sono considerevoli con due alternative: valorizzare e/o dismettere, si legge nel rapporto. La valorizzazione per aumentare la redditivit viene descritta come un processo lungo, con benefici graduali e gravata dal rischio che i maggiori ricavi vengano destinati a finanziare nuova spesa corrente. Dalla dismissione per contro si ottengono molteplici vantaggi: si cedono asset che rendono l'1% e costano il 2%; i proventi possono essere destinati o vincolati per spese di investimento, nuove infrastrutture, in maniera da trasformare il capitale non strategico in capitale strategico.
Gli strumenti finanziari proposti per la dismissione diretta sono due: il fondo immobiliare ad apporto (per il quale ipotizzato il coinvolgimento di Bei, Cdp e istituti regionali di sviluppo) che si occupa anche della valorizzazione; le cartolariz-zazioni stile Scipi e Scip2 (realizzate con discreto successo) finalizzate alla sola vendita. Nel rapporto di Magna Carta il patrimonio immobiliare degli enti territoriali in valore di mercato ripartito tra Comuni per 227 miliardi, Regioni per 11 e Province per 29. Il patrimonio Asl pari a 25 miliardi mentre l'Edilizia residenziale pubblica (Erp) orbita tra i 50 e i 70 miliardi. Nel caso di cessione degli immobili Erp, per facilitare l'accesso alla casa alla popolazione meno agiata, il rapporto ipotizza di destinare i proventi della dismissione alla costituzione di un fondo per erogare sussidi al canone di locazione, un "buono casa".
I.B.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news