LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Contro il decreto Urbani si mobilitano registi, ex direttori delle mostre veneziane, politici
Gabriella Gallozzi
l'Unit, 05-DIC-2003


ROMA Bloccare il decreto Urbani sulla Biennale di Venezia.
E la parola d'ordine lanciata ieri a Ruma dal convegno annuale dell'associamone Gulliver trasformato, vista l'emergenza acuita dalla legge Gasparri, in una mobilitazione nazionale in difesa dell'autonomia dell'ente, messa a rischio dal decreto di riforma che prosegue a ritmi record nel suo iter palamentare.
Sotto il titolo, Fare cinema, produrre cinema, leggere cinema, la giornata di lavori si trasformata in un grido d'allarme collettivo contro la stretta del governo nei confronti dei settori cultura e informazione.
Di cui lo scippo della Biennale rappresenta l'ultimo tassello. E contro il quale il mondo del cinema e della cultura pronto a mobilitarsi con una serie di manifestazioni a catena. Prossimo appuntamento il 12 dicembre a Venezia per un'assemblea generale indetta dalla Cgil e dal consiglio comunale.
Il giorno dopo, 13 dicembre, appuntamento a Roma in Campidoglio - ore 17 - per un'assemblea aperta alla quale hanno gi aderito tanti degli ex direttori dei vari settori della Biennale: Carolyn Carlson, Luca Ronconi, Achille Bonito Oliva, felice Laudadio - che ha lanciato l'iniziativa -Alberto Barbera, Giorgio Barberio Corsetti; ancora il 20 gennaio si terranno Gli stati generali del cinema sotto le insegne delle associazioni Gulliver e Articolo 21 e della Cgil a cui hanno aderito Passino, Bertinotti e Ruttili. Mentre sono gi in preparazione le giornate del cinema italiano che, se il decreto non sar bloccato, prenderanno il posto della Biennale come avvenne nel 73.

Da registrare che ieri, alla commissione cultura del Senato che deve esprimere un parere sul decreto, perfino il relatore di maggioranza d forza Italia Favaro ha avanzato critiche e osservazioni di modifica del decreto sulla Biennale - fanno sapere Marcello Basso e Maria Chiara Acciarini, dei Ds - suggerendo al governo la possibilit di sopprimere la Con-
sulta. Si apre uno spiraglio?

Ieri la sala del Residence Ripetta era affollatissima. I grandi nomi del nostro cinema da Scola a Lizzani, da Pontecorvo a Monicelli, da Rosi a Giraldi; i parlamentari dell'opposizione da Vincenzo Vita e Beppe Giulietti a Titti De Simone; i rappresentanti delle associazioni: quella dei produttori indipendenti (Api), quella degli autori (Anac), dei sindacati critici e cronisti cinematografici (Sncci e Sngci). Da mesi - dice Citto Maselli - questo governo si concentrato sulla cultura: la legge Gasparri, il decreto delegato per la cinematografia nazionale, la riforma di Cinecitt holding con l'estensione e al tempo stesso la concen-trazione dei poteri. Infine quest'ultimo e francamente inaspettato progetto di riforma della Biennale.

Un decreto, prosegue Maselli, che prevede pericolose modificazioni statutarie, soprattutto il suo inserimento in una compagine di altre istituzioni, enti ed organizzazioni - tutte dirette da presidenti e consiglieri di nomina governativa - esplicitamente autorizzate a intervenire nei suoi indirizzi. La cosiddetta Consulta che terr insieme Cinecitt holding, Scuola Nazionale di cinema, Triennale, Quadriennale ed liti. Ma tra gli articoli pi allarmanti del decreto c' poi, aggiunge Maselli, quello che conferisce comunque al ministro "il potere di adottare atti di indirizzo". A suo insindacabile giudizio il ministro e dunque il governo, ha il potere di imporre le linee di indirizzo di quello che era 1'Ente autonomo. Di fronte all'allarme del mondo del cinema sono arrivate le rassicurazioni del sottosegretario ai Beni culturali Nicola Bono. Pronto a garantire la possibilit da parte del governo di rivedere il testo del decreto, anche sulla questione, scottante, della Consulta. Vale la pena ricordare per, che proprio il sottosegretario di Urbani, mentre era impegnato nell'audizione in commissione cultura, aveva evitato di fare parola alcuna su quanto stesse accadendo in quelle stesse ore: il decreto, infatti, era appena stato approvato dal Consiglio dei ministri nel totale silenzio.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news