LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Siena Ambiente, arrivano le linee guida
Sonia Maggi
Corriere di Siena 20/03/2008

SIENA - Tempi duri sul fronte ambientale e paesaggistico, il "dopo Monticchiello" ha prodotto effetti ben pi pi nocivi di quelli delle palazzine edificate nel sito Unesco capaci di smuovere perfino il ministro Rutelli. Ci riferiamo alle case-vacanza di Casole d'Elsa finite nel mirino della procura con dozzine di avvisi di garanzia, alla minaccia che incombe sulla rocca di Elci a Radicondoli. Ed molto pi di una voce l'inchiesta aperta dal magistrato su una lottizzazione nel bosco a Monticiano, vicino a Iesa. Ferite di cemento armato nei luoghi pi rinomati della campagna senese, senza che la Soprintendenza ai beni ambientali e architettonici abbia mosso un dito, imposto un vincolo, avanzato una obiezione, In tanti si domandano il perch di questa latitanza dell' ente emanazione dello stato, chiamato a tutelare e sorvegliare le nostre ricchezze.
"L'interrogativo pu essere legittimo, - risponde il soprintendente ai beni architettonici e ambientali delle province di Siena e Grosse-to, architetto Giovanni Bulian tanto legittimo quanto semplice e sintetica la risposta: non esistono vincoli paesaggistici al momento, se non quelli sul patrimonio boschivo che appartiene allo stato. Pertanto in caso di scempio o di abuso solo la procura ha i mezzi per intervenire". Certo, a cose fatte. Ma Sa prevenzione?
"Il vincolo paesaggistico, laddove esiste, non impedisce la costruzione a meno che non si crei un vincolo indiretto, in un'area con determinate vocazioni. Ma questo va fatto a monte, a priori, a livello di programmazione, prima ancora che i Comuni giungano alla redazione dei loro piani strutturali e occorre una sinergia fra enti: fra Regione, Provincia, Comuni e Ministero".
Monticchiello si poteva evitare?
"Quella lottizzazione prende le mosse da lontano. Risale a diversi anni fa, quando in Comune si pens che c'era bisogno di creare case per le giovani coppie, Insomma, dietro a quella progettazione esistevano motivazioni di natura socio-demografica. Poi passato del tempo e oggi non pi come una volta, le evoluzioni sono rapide, mutevoli. I vecchi sfrumenti non sono pi adeguati. Per quanto riguarda il coinvolgimento della Soprintendenza a noi fu chiesto solo il parere per le opere di urbanizzazione primaria e all'epoca demmo parere favorevole alla costruzione della viabilit. Solo successivamente abbiamo visionato i singoli progetti delle palazzine, discutibili certo, ma l'urbanizzazione era gi stata concessa". Un errore legato alle lungaggini burocratiche? "Oggi le trasformazioni sono veloci, i rischi sono aumentati e quindi trascinare un progetto negli anni sbagliato. Servono continue revisioni e gli sfrumenti per poter bloccare in tempo. Comunque, dopo il caso Monticchiello siamo arrivati ad ammettere che serve una co-pianificazione, che viene attivata a livello sperimentale in Toscana, fra i vari soggetti: Regione, Soprintendenza, Comuni e Provincia per la redazione del Pit".
Cosa il Pit?
"Piano integrato territoriale, ovvero un grande disegno che lancia le linee generali a cui la Soprintendenza fornisce suggerimenti e imposizioni importanti, insomma osservazioni e vincoli determinanti. Un esempio: non si possono edificare case sui crinali, o in certe zone a margine della citt verso la campagna. A Siena purtroppo, da questo punto di vista, esistono molte criticit. Aree con edificazioni urbane che non sono in linea con il paesaggio. Insomma, occorrono indicazioni per non ripetere errori e tutelare davvero la qualit. Si fratta di linee guida, noi le chiamiamo cos, utili ad approfondimenti di indirizzo per chi opera nel territorio. Le presenteremo a fine aprile in occasione di un convegno a villa Brandi". Ma non esiste una prassi per cui i Comuni devono sottoporre al parere della Soprintendenza i nuovi progetti? "Il Comune dovrebbe sempre chiedere il nostro parere, sarebbe opportuno e efficace se noi potessimo agire in fretta. Ma la nostra carenza di personale non ci permette di rendere agevole e proficua questa collaborazione. Per questo abbiamo chiesto di allargare il numero degli ispettori onora-ri, da uno a sei. in questo modo si potrebbero avere controlli pi capillari".
Una sorta di vigili urbani del territorio? "Beh, pi omeno". La Soprintendenza dunque potrebbe svolgere opera di controllo ma non pu per mancanza di strumenti? "Purtroppo. Potremmo anche avviare una sorta di collaborazione con i carabinieri ma non possediamo la strumentazione adeguata per poterlo fare. Esistono i Gis, i controlli satellitari dei territorio ma noi non possediamo le attrezzature adeguate, avremmo bisogno di una strumentazione pi moderna".
Dunque, fatto il pasticcio la soprintendenza non pu rimediare. Ma prendiamo il caso di Elci a Radicondoli: l esiste una minaccia che ha sei mesi di tempo per scoppiare. Cosa pu fare il soprintendente? "il pasticcio stato fatto molti anni fa. Se noi imponiamo dei vincoli adesso rischiamo di attivare il meccanismo dei ricorsi al Tar ed una strada che si manifesta poco adatta. L'unica soluzione quella di interessare la Soprintendenza ai beni archeologici per eventuali ricerche intorno alla rocca e solo questo ente pu imporre, caso mai, vincoli incisivi".
Dal primo maggio comunque cambia qualcosa? "Dai primo maggio i Comuni dovranno inviare i progetti alla Soprintendenza attraverso la Regione Toscana. I nostri uffici verranno ingolfati ma si attua finalmente una sorta di confrollo preventivo, inoltre dovr essere seguita una procedura a monte che, se ben programmata, potr evitare errori clamorosi come quelli gi capitati. Prima il Pit, poi il Ptc, piano territoriale di coordinamento redatto dalle Province e solo successivamente i piani strutturali con i Comuni obbligati a seguire le nostre 'linee guida' che verranno accompagnate dai 'buoni esempi' e da un protocollo della qualit architettonica".



news

21-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

Archivio news