LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pompei - Gli Scavi? Devono produrre soldi o senza numero chiuso
CARLO FRANCO
Corriere del Mezzogiorno, 18 marzo 2008

Al solo nominarlo fa venire l'orticaria: da sempre, infatti, il numero chiuso una delle formule pi temute dalla burocrazia che amministra i beni culturali. Perch abbassa il numero dei visitatori e, di conseguenza, disturba il manovratore in quanto fa affluire meno denaro cash e obbliga a pensare a una gestione pi intraprendente del monumento. Per recuperare in eventi quello che si perde in biglietti. Che appunto il cuore della proposta formulata dall'assessore Claudio Velardi nell'intervista concessa al Corriere del Mezzogiorno: numero chiuso per attirare investimenti e scuotere gli amministratori che si ostinano a tenere il mercartio, cio la competizione, fuori dal Bene culturale; ma anche pi qualit e meno quantit devastante; pi eventi e pi iniziative capaci di produrre reddito. In sostanza muoviamoci di pi e allineamoci ai grandi monumenti del mondo il Moma, il Prado, il Louvre che non si fanno scrupolo di lanciarsi in iniziative che, appunto, procurano l'orticaria.
La sortita in campo nemico, comere prevedibile, ha spaccato l'opinione pubblica: da una parte i conservatoli ai quali sta bene che Pompei vivacchi tra una crisi e un'altra facendo affidamento sull'incasso del ticket (20 milioni di euro l'anno che l'amministratore dell'Azienda di Soggiorno sogna di raddoppiare) dall'altra i critici che non si rassegnano a una gestione senza smalto e pretendono il massimo da una delle testimonianze pi alte della cultura antica. Seguiamo la cronaca. Vincenzo Piscopo, amministratore dell'Azienda di Soggiorno e Turismo locale, commentando il Velardi-pensiero, ha detto fuori dai denti che il numero chiuso sarebbe una iattura e che, anzi, vero il contrario: bisogna studiare ogni espediente per far venire quanta pi gente sul sito. Salvo poi entrare in conflitto con se stesso perch subito dopo ha riconosciuto che se passasse questa linea bisognerebbe aumentare la vigilanza all'interno degli scavi che, evidentemente, fanno fatica a sopportare un assalto indiscriminato di visitatori. E come se non bastassero i rilievi tecnici, il responsabile dell'Azienda ha messo in mora l'assessore sul terreno istituzionale ricordandogli, nel caso lo avesse dimenticato, che la competenza a decidere sul numero chiuso del Ministero, non della Regione. Come dire, non uscire fuori dal seminato.
La risposta di Velardi tranchant: un errore imperdonabile ritenere che il numero chiuso riduce i visitatori e, quindi, l'incasso. Chiamiamolo numero programmato e il senso della proposta suona cos: il numero dei visitatori viene spalmato lungo tutto l'anno, il prezzo del biglietto si adegua e, naturalmente, si offrono servizi migliori, e si innesca, grazie anche agli sponsor, una strategia di marketing che rende pi attraente il sito. E, quindi, richiama pi pubblico. Su questa stessa linea si attesta Massimo Lo Cicero, economista di frontiera, che prodigo di consensi per la qualit delle proposte: musica per le mie orecchie ascoltare che sono stati presi contatti con Google e con i gestori di grandi Fondi di investimento disposti a entrare a Pompei e a organizzare iniziative culturali e spettacolari compatibili con la nobilt del sito: proprio di questo che Pompei ha bisogno e spero solo che Velardi riesca a fare almeno in parte le cose che ho appreso dal giornale. La questione semplice: il bene culturale non pu essere tenuto in naftalina, deve essere utilizzato al meglio e i custodi, dall'assessore ai vigilanti, devono solo preoccuparsi di scongiurare il degrado. Non molto tempo fa, racconta Lo Cicero, sono stato ospite di un albergo a cinque stelle, che occupa un'ala di un bellissimo castello nel quale ci sono anche, e nessuno mostra scandalo, un museo delle carrozze e un altro di icone antichissime. L'albergo gestito dal pubblico ed ospita anche i corsi della Resvow School of Economics che la Bocconi della Polonia. Il messaggio chiaro: e se non lo fosse, aggiunge Lo Cicero, dico anche che i beni culturali devono attirare interesse e produrre soldi: privilegiare un supermercato al posto del progetto della Pompei virtuale con tanto di albergo e di centri culturali da la misura dell'inerzia dominante.
Oggi, comunque, ne sapremo di pi perch l'assessore incontra in Regione il sovrintendente Guzzo che un archeologo famoso ma aperto al nuovo: ci attendiamo novit sostanziali.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news