LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LIVORNO: i vandali ci costano 200mila euro allanno
ALESSANDRO GUARDUCCI
19 MARZO 2008, IL TIRRENO - LIVORNO


Scritte sulle statue, pensiline distrutte, cassonetti bruciati: ecco il bilancio dei danni

In un anno il Comune intervenuto ben 13 volte alla Terrazza Mascagni per ripulire dallo spray il gazebo






Scritte sui muri e sui monumenti, panchine danneggiate, cestini portarifiuti divelti, cassonetti dati alle fiamme, pensiline frantumate alle fermate dei bus. E ancora giochi distrutti nei parchi pubblici, reti divelte, perfino furti di alcune parti degli impianti di irrigazione. Ma lelenco dellebravate dei vandali potrebbe andare avanti ancora a lungo, basti pensare che ogni anno Comune, Atl e Aamps devono pagare complessivamente circa 200.000 euro per rimediare ai danni provocati dai teppisti.
Spese che vanno necessariamente ad incidere sui bilanci dellamnministrazione comunale e delle societ dei servizi. E di conseguenza sulle tasche di tutti i contribuenti livornesi: gi, i danni provocati da gruppi di balordi che non sanno come trascorrere una serata - il caso dei raid allacquarioi Cestoni - alla fine vengono pagati da tutti i cittadini. Senza contare il fatto che questi soldi - 200mila euro non sono bruscolini... - potrebbero essere utilizzati per finalit pi utili.
E invece, lUfficio verde e decoro urbano del Comune lo scorso anno ha dovuto pagare 7.500 euro per sostituire 25 pachine che erano state danneggiate irrimediabilmente (ognuna costa 300 euro); 1.540 euro per sostituire 280 stecche per pachine in legno; 1.760 euro per sostituire 16 cestini portarifiuti nei parchi pubblici (ognuno costato 110 euro); 10.500 euro per sostituire parti o interi giochi che erano stati danneggiati nelle ville aperte al pubbliche. Il conto ammonta a oltre 22.000 euro, ma negli anni passati si era superato anche quota 30.000.
Ancora pi grave il fenomeno delle scritte - di ogni genere - con cui vengono ripetutamente imbratati i monumenti. Primo fra tutti il gazebo della Terrazza Mascagni che lanno scorso ha richiesto ben tredici interventi per cancellare le scritte spray. In totale, nel 2007, gli interventi per la rimozione delle scritte sono costati al Comune oltre 17mila euro. Aggiungendo a queste cifre i costi per altri interventi minori di ripristino dellarredo urbano si arriva facilmente a sfiorare i 50mila euro a carico del Comune.
Ancora peggio va allAtl, che ogni si trova a spendere tra gli 80.000 e i 100.000 euro per sostituire le pensiline che vengono sfondate o danneggiate alle fermate dei bus. In pi ci sono i danni provocati sugli autobus - sono soprattutto i sedili ad essere presi di mira - e le solite scritte da cancellare.
Anche lAamps uno degli obiettivi preferiti dai vandali. Nel 2007 lazienda che gestisce il ciclo dei rifiuto ha infatti dovuto sopportare ben 60 atti vandalici a cassonetti e cestini, che hanno comportato un costo complessivo di oltre 30.000 euro per rimediare ai danni. Entrando nel dettaglio, sono stati danneggiati o divelti 15 cestini (5.000 euro la spesa per la sostituzione) e 45 cassonetti distrutti o dati alle fiamme (25.000 euro). Nellanno in corso, lAamps ha gi subto 26 incendi e 10 danneggiamenti di cassonetti. Danni che ammontano a circa 18mila euro.









news

17-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 agosto 2019

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news