LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Un assessore ai Decumani "Insieme contro la crisi"
PATRIZIA CAPUA
MERCOLED, 19 MARZO 2008 la Repubblica- Napoli





Ma i commercianti: qui non viene nessuno



"I mass media esasperano tutto, diciamo al mondo che la citt merita di essere vista"
Sopralluogo nel complesso di San Domenico, che ospiter il museo della musica

Davanti alla chiesa in piazzetta Nilo cartoni ammonticchiati. Claudio Velardi schiva il fotografo di Repubblica, per favore, la foto proprio qui, no. A passeggio per il Decumano inferiore con lassessore al Turismo della Regione. Tra le 10.30 e le 11. Nuova giornata della sua road map, espressione che trova molto calzante, per riabilitare Napoli agli occhi del mondo. Nel pomeriggio andr al porto. Una riunione col presidente Francesco Nerli. Arrivano sette navi. Voglio proporre ai crocieristi dei percorsi su Napoli. Un tour in sicurezza. Al momento non c offerta del genere, se sbarcano vanno di filato nelle isole oppure a Pompei e Sorrento. E bisogner fare la programmazione per le prossime stagioni.
Una scolaresca raccolta davanti alla Statua del Nilo. Sono gli studenti della Scuola media "Giovanni Falcone" di Volla. Ragazzi, lassessore al Turismo, volete dirgli qualcosa? Eh no, questo un colpo basso, reagisce Velardi, ma si tranquillizza quasi subito. Una ragazzina dice: Napoli bellissima e se i turisti scappano perch non la vedono da vicino. Non gli pare vero: Visto? Ho ragione io, i giornali fanno un mare di forzature, esasperano ogni cosa. Facciamo il gioco di chi ci vuole male, come la profezia che si autoavvera.
Nel Decumano solo scolaresche, manco lombra di un turista. Velardi eccepisce: Ma chi volete che ci sia alle 10 del mattino?. E Venezia, allora, costretta a mandarli via? Proviamo a dire al mondo che Napoli merita di essere vista. Assesso, nella zona non passano. Bruno Alcidi scuote la testa, il proprietario del bar Nilo: Noi cerchiamo di dire che la spazzatura non colpa nostra. Siamo al Decumano inferiore, una strada romana, dovrebbe essere il fiore allocchiello. Guardate che degrado, qui non hanno speso un soldo. Velardi prosegue verso San Gregorio Armeno. Pasquale Loffredo commerciante di presepi, agita e pollice e indice, la crisi grave, turisti pochi e non spendono. Velardi invoca: Trattiamo bene questa povera citt.
Il viaggio del neo-assessore nel centro storico comincia alle 9.30. atteso nel complesso di San Domenico Maggiore, dove aperto il cantiere di restauro per trasformare parte dello storico edificio in museo della musica. Questo posto fantastico, dice a Luciano Scala, nuovo direttore regionale della Sovrintendenza. Realizzare qui il museo della musica mi sembra una cosa molto giusta, se riusciamo a concepirlo come luogo interattivo. Questa area del centro storico il luogo della musica, con il conservatorio di San Pietro a Maiella vicino, pu diventare un polo di riferimento.
Nel 2002, lassociazione Polis Musea esegue il primo intervento, con larchitetto Orsola Foglia, direttore dei lavori incaricata dal sovrintendente Enrico Guglielmo, consulenti larchitetto Giuseppe Longobardi e lingegnere Michele Candela. Restauro di 1200 metri di superficie che ospiteranno le varie sezioni del museo della musica, da quella primitiva alla moderna passando per la napoletana. Ida Maietta cura il settore storico-artistico e Tommaso Russo il responsabile del procedimento.
La visita comincia dal sagrato della chiesa che verr restaurato, il Chiostro delle Statue intorno a cui si sviluppa parte del convento destinata al museo. Ha subto gi due trasformazioni, nel 500 e poi nel 700. I tecnici spiegano che questo in tempi pi recenti stato sfruttato come set cinematografico per il film "Il camorrista", ispirato al boss della nuova camorra Raffaele Cutolo.
La piccola pattuglia risale il seicentesco scalone monumentale e raggiunge il primo livello, il corridoio ad anello dove fino al 1990 sono stati ospitati gli uffici giudiziari, le aule della Corte dAssise dAppello e le camere di sicurezza per i detenuti. Litinerario comprende lex biblioteca dei domenicani, lex sala del Capitolo, decorata di stucchi a rilievo e dallaffresco "Mistero del Calvario" di Michele Regola, il grande refettorio con i due affreschi di fondo, l"Ultima cena" dipinta da Andrea Vaccaro e il Crocifisso che parla a San Tommaso dipinta da Antonio Rossi nel 1727.
Larchitetto Foglia spiega che nel 1616 per ragioni di spazio, la Facolt teologica con tutti i Regi Studi si trasferirono dal convento di San Domenico a Fuori la porta di Costantinopoli. Nel 1652 vi fu lampliamento del numero delle celle e il raddoppio dei chiostri, come espressione della grandezza dellOrdine, ma anche del priore, Fra Tommaso Ruffo di Bagnara, il quale nel 1670 impiega nei lavori somme rilevanti e rif il grande Refettorio, la Sala del Capitolo, il chiostro superiore, il dormitorio di San Tommaso e il noviziato. I lavori furono conclusi nel 1685 con lelevazione di un altro piano. Nel 1800 torna la Facolt teologica che lascia la sede definitivamente nel 1734. Qui Velardi si sofferma a discutere della destinazione duso di questo incomparabile pezzo del patrimonio architettonico di Napoli. Ne ascolta la storia, quasi si scusa: Un posto di rara bellezza, ma non sono mai stato qui, confesso: non lo conoscevo.



news

19-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 19 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news