LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Borghi abbandonati. Lidentit che resiste. Castelmonardo legami di terra
Francesca Viscone
Il Quotidiano della Calabria 10 febbraio 2008

Oggi ancora Morgana, la fata normanna, vi custodisce un tesoro. Protetto da una vasca di raccolta dellacqua, nessuno lo ha mai visto, ma tutti sanno dov. a Morganu, contrada di Castelmonardo, il paese che invece da oltre due secoli non esiste pi. Sopravvissuto ai terremoti del 1638 e del 1659 fu poi inghiottito dalla terra lentamente, a poco a poco cancellato dallo sciame sismico del 1783.
Rimasero solo la collina a tre alture, con i ruderi delle chiese, le fontane, frammenti di palazzi e della rocca, grotte, cocci dargilla. E grosse mura, sparse qua e l. La parete pi imponente, sospesa in uno strapiombo, quella della chiesa di San Giacomo. Grotte ipogee, porte e finestre dalle strane forme, pertugi sotterranei: mille occhi inquieti scrutano il visitatore e vegliano sulla collina dove riposano gli antenati. E poi ancora, oggi ancora, storie, racconti, leggende di spiriti e di briganti. Un cammello di legno coperto da un panno leggero balla al ritmo di tamburi saraceni. Una danza per San Francesco di Paola, oggi, oggi ancora, spaventa i bambini mentre una volta terrorizzava i grandi a cui annunciava larrivo dei turchi.
In quel terribile 1783 i morti a Castelmonardo non furono tanti, giusto una sessantina. I danni, incalcolabili. Se solo si potesse quantificare lentit dellApocalisse. La popolazione si spost nel Piano della Gorna, un sito salubre e ricco di acque, dove fu fondata Filadelfia. Labbandono del borgo medioevale tuttavia non fu totale. I contadini presero in affitto e coltivarono i terreni dei signori. Per poi acquistarli, nel secondo dopoguerra.
Castelmonardo considerata unarea di primaria importanza per larcheologia medioevale calabrese. un sito amato, ma nello stesso tempo anche molto conteso. anche un po il simbolo della rivalit e dei pregiudizi (ma anche delle intense amicizie) che hanno da sempre caratterizzato i rapporti tra gli abitanti di Filadelfia paese e quelli delle sue quarantaquattro contrade. La collina appartiene a privati. I piccoli proprietari hanno un legame profondo con quei luoghi, che hanno coltivato e curato da sempre, impedendo che subissero le conseguenze di un totale e disastroso abbandono. Gli equivoci con gli abitanti del paese nuovo per non sono mai mancati, al punto che negli anni passati e anche recentemente i contadini hanno subto denunce e diffide, accusati e additati come possibili vandali, interessati solo al mantenimento delle loro piccole propriet, a discapito della conservazione dei ruderi. Accuse che respingono con grande passione. Negli ultimi tempi le querele e le liti non sono mancate nemmeno tra i cittadini. E tuttavia, gli abitanti della citt e i campagnoli sembra che condividano gli stessi sogni: Vorremmo trasformare Castelmonardo in un giardino, dice Rosario Fruci, ragioniere in pensione. Vorremmo che fosse accessibile a tutti, che si creassero le strutture di accoglienza per il turista e il viandante.
Dirupi, Targani, Friechi, Guanci, Chiusi... Questi i nomi delle contrade che circondano il colle a tre gobbe. Vecchi e bambini si considerano gli eredi morali degli antichi abitanti. Sono loro le terre, soprattutto perch le hanno coltivate e curate, perch conoscono i luoghi e i nomi dei luoghi, perch sanno le storie che i padri e i padri dei padri hanno tramandato per quattro generazioni. Sul borgo antico, sul terremoto, sui signori, sul diavolo e lacqua santa, sui tesori nascosti dai fuggiaschi e mai trovati. C una piccola comunit ai piedi di Castelmonardo che ha costruito identit e differenza su una memoria collettiva intensa e sofferta.
La memoria del terremoto, scrive Vito Teti ne Il senso dei luoghi, non viene dimenticata in quasi nessuno dei paesi dove provoc le pi grandi distruzioni e numerosi morti. Le feste religiose che ancora oggi si svolgono con gran partecipazione di popolo nei piccoli e nei grandi centri sono legate a eventi catastrofici. Non si pu ripensare una generica identit delle popolazioni, prescindendo la negativo che ne ha segnato la storia nella lunga durata.
La conoscenza delle rovine e il ricordo del terremoto parte della biografia di ognuno, anche a Castelmonardo. Ma non deve stupire se gli uomini e le donne raccontano sostanzialmente cose diverse e hanno anche un modo diverso di ricordare. Gli uomini si concentrano con ogni sforzo sulla localizzazione: ci che conta sapere cosa si trovava e dove. E conoscono ogni toponimo, che spiegano con insistenza e garbo. Tommaso Masdea, 93 anni, fino a due anni fa andava ancora ogni giorno a lavorare la terra. Ricorda che ci sono centinaia di grotte e che ognuna di loro ha un nome particolare. La grotta di Bruvera, dove zio Antonino metteva il grano, le grotte de Chjurini, dal nome dei proprietari. La grotta Dondon, dove cera tanta acqua. Da bambini andavano l a giocare, perch davanti alle grotte il terreno era pianeggiante. Gli animali avevano ombra e acqua da bere in abbondanza. Suo figlio Rosario spiega che il nome Dondon unonomatopea: una goccia dacqua cadeva a intermittenza producendo uneco che faceva proprio cos: don don Dentro la grotta dal soffitto a forma di capanna e interamente ricoperto di muschio, c anche un antico capitello ionico, con sopra una voluta. Qualcuno sostiene che potrebbe essere stato un antico ninfeo, altri hanno sentito parlare di unutilizzazione della grotta per lallevamento delle anguille.
Tutti ricordano bene come hanno acquistato i terreni e quanti sacrifici hanno fatto per pagarli. I vecchi proprietari erano i Giganti, i Colonnelli, don Ciccillo e don Saverio Serrao. Il Colonnello aveva un asino e veniva tutti i giorni. Poi divent vecchio, disse che non sarebbe pi tornato a coltivare i suoi ceci e vendette lultimo pezzettino di Castelmonardo. Tommaso Masdea rammenta quando suo padre e suo zio divisero i terreni di famiglia. Venne un perito da Piano del Bosco. Il padre si mise da una parte e lo zio dallaltra. Tirarono i limiti. Venti passi a te e venti a me. Oppure dieci cannate a me e dieci a te. Lui, invece, compr i terreni subito dopo il matrimonio. I parenti e gli amici gli prestarono i soldi e per restituirli and a lavorare come manovale a Roma.
Rosario Masdea, tenente della Guardia di Finanza a Viterbo, spiega che i vecchi coloni dovettero acquistare i terreni pi fertili insieme a quelli che non avrebbero mai potuto coltivare perch impervi, pietrosi, senzacqua o situati lungo burroni. Ma erano queste le condizioni imposte dai vecchi padroni: prendere il buono e il cattivo, oppure lasciare. Suo padre Giuseppe accett. I vecchi raccontano di un tunnel lunghissimo che avrebbe attraversato il borgo sotto terra e che sarebbe stato scavato dai briganti. Temuti e rispettati, questi, per una qualche ragione oscura avrebbero voluto far saltare in aria lintero paese. Ma il terremoto glielo imped. Altri sanno di stalattiti e stalagmiti, ma nessuno disposto a rivelare dove siano le grotte pi belle.
Le donne sanno le storie, le leggende, i sogni. E si smarriscono in un tempo mitico in cui gli anni e i secoli si confondono, dove oggi potrebbe essere ieri, e ieri loggi. Vittoria Bartucca ha 85 anni. nata in montagna, a Palermi, ma vive a Targani da quando si sposata, 63 anni fa. La fonte dei suoi racconti sono i suoceri. Che avevano a loro volta ricordi lontani. Tanti hanno creduto che fosse possibile trovare tesori a Castelmonardo: Ma i terremotati fecero in tempo a portare via le loro cose. Per questo nessuno, scavando, riusc mai a trovare niente. Qualcuno racconta di aver trovato unanfora piena di denari, ma erano fradici. Unaltra volta hanno trovato solo una fossa in cui avevano sotterrato una giara. La fossa si vedeva chiaramente, ma la giara era scomparsa. Il prezzo di una ricchezza facile poteva essere anche troppo alto, sembra dire nonna Vittoria. Come in tanti antichi racconti della letteratura europea cera di mezzo il male, bisognava cedere lanima al diavolo. A volte i soldi cerano ancora, ma erano legati. Non potevi andare l a prenderli, perch cera una dicitura. Se sognavi il posto dove erano nascosti, andavi l e gli dicevi Ges mio aiutami, non trovavi proprio niente. Dovevi dire: Diavolo aiutami. E i soldi allora venivano fuori. Il diavolo ti poteva pure prendere a calci, se si arrabbiava davvero.
Vittoria sicura che tutto quello che i suoi uomini, il marito e i suoi cinque fratelli, trovarono nel terreno zappando fu una semplice lanternina: un pezzo di vetro davanti e un manico dietro. E ride, pensando alla gente antica che andava in giro con quei cosi. Gli uomini zappavano, e trovavano solo ossa grandi, come di cavalli, pezzi di piatti rotti e cocci. Nessuno ha mai visto tesori, ma tutti sognavano e immaginavano che i vecchi abitanti in fuga avessero nascosto le cose pi preziose sottoterra, in qualche nascondiglio segreto. Eppure, da un po di tempo, i cercatori doro sono ricomparsi. Alcuni scavano, convinti che le viscere di una terra da sempre povera nascondano opere darte simili alla Venere di Milo. Altri scrivono, riconoscendo dentro stalle per maiali antiche chiese basiliane. Da Morgana hanno imparato lantica arte di vedere quel che non c e di non vedere quello che sta sotto gli occhi di tutti.
Esperti e pratici i contadini, hanno memorie di fatti e scarse illusioni. Con poche parole, efficaci, descrivono la tragedia, il terremoto, dipingendola con un sentimento quasi ancestrale di solidariet attraverso le generazioni. Tommaso Masdea racconta che quei poveretti fuggivano e le scosse erano tanto forti che le pietre, cadendo dalle case, li inseguivano persino in salita. E Vittoria ricorda, come fosse avvenuto ieri: U terremuotu minava chjanu chjanu. La gente and via. Restarono le chiese, restarono le case. Nientaltro che ruderi e macerie. Le scosse durarono tre mesi e i fuggiaschi ebbero il tempo di portare via tutto a poco a poco. Anche i portali, le maschere apotropaiche, statue di santi, un ostensorio dargento, tante cose che si trovano ancora oggi a Filadelfia. O fregi e volute, madonnine di creta integrate nelle casette dirute di Friechi e dintorni.
Antonia Caruso vive in una casa ai piedi della collina. Ha sentito parlare dei tanti lumicini che silenziosamente salivano su per il paese distrutto, uno dietro laltro. Erano le anime dei morti, ma la gente non aveva paura. Nonna Vittoria sa di un monaco che voleva scappare, ma si tormentava chiedendosi come facciamo ad andarcene? Allora si aiut la croce in spalla e si diresse verso i Cuoli. Cercava un posto buono per piantarla, ma qui scavarono e trovano lacqua. Si rimise la croce in spalla e si incammin verso il paese nuovo. Qui trov che il posto era buono, e la mise l.
Neanche dopo il terremoto la vita dei contadini fu facile. I luoghi erano impervi e spesso rappresentavano un pericolo per la vita della gente. Un racconto frequente riguarda il triste destino di una donna incinta che un giorno si rec alla fontana a prendere lacqua. Il sentiero era stretto e correva lungo un burrone a strapiombo. Si poteva passare solo una persona per volta. Si incontrarono due donne, una andava e laltra se ne veniva, timpa timpa. La donna incinta cerc di passare, ma precipit e ruzzol a valle seguita da un mucchio di pietre. Anche gli animali ruzzolavano nelle scarpate: i maiali, le asine. I contadini avevano le terre nelle timpe e dovevano andare. Antonia prova ancora pena per lasina carica di pietre che precipit dalla Timpa della monaca. Arriv fino in fondo al burrone e si ferm solo davanti alluscio delle case. La trovarono con i fianchi bucati da una parte allaltra. Le pericolosissime timpe sono entrate nel linguaggio comune della gente di Filadelfia. Quando qualcuno raccontava fandonie, il consiglio pi frequente era Va jettati da timpa do Jardinu.
Dopo il terremoto tutti gli abitanti di Castelmonardo hanno avuto diritto ad un lotto per costruirsi una casetta nel paese nuovo spiega il figlio di Tommaso Masdea, Rosario. Chi possedeva di pi ha avuto di pi, tutti in proporzione a quanto avevano a Castelmonardo. Per questo ancora oggi vediamo tante casette piccole di diversa metratura. Noi ce labbiamo ancora la casetta, vicino al mulino. La usavamo solo quando venivamo a Filadelfia. La gente lasciava l la cofineda, si cambiava le scarpe, o se le metteva proprio, dato che tanti arrivavano in paese scalzi. Altri le pulivano. Le scarpe erano di legno, un pezzettino di zoccolo combinato. E Vittoria ricorda che per pulire le scarpe si usava inumidire una pezza, passarla nel grasso annerito di una fressura e poi sulle scarpe.
Durante la seconda guerra mondiale i vecchi proprietari di Castelmonardo, residenti a Filadelfia, si rifugiavano nelle grotte. E i contadini, affittuari dei loro terreni, andavano a rifornirli di quel poco che cera: a volte portavano solo acqua.
Il ricordo dei luoghi strettamente legato alle storie di vita della gente. Sono le donne, soprattutto, che raccontano il rapporto tra il loro vissuto e le pietre, le grotte, i sentieri. Carmela Caruso nata nel 1919. Perse la madre a quattordici anni. Per tanto tempo pianse notte e giorno. Si rifugiava tra le rovine e stava l a piangere, chiamando la madre e aspettandosi di vederla, prima o poi, ritornare. La madre torn, racconta a noi increduli. Scoppi un grande incendio. Dormivano, lei e i suoi fratelli. Fu svegliata da qualcuno che buss per tre volte alla porta. Fu cos che riuscirono a salvarsi. Era mia madre ci dice, che venne ad avvertirci, troppo dispiaciuta che i suoi figli morissero bruciati cos. Carmela racconta la sua storia e mentre parla arrivano echi lontani di un paese che non esiste pi. Parla e ride, piange, si emoziona, scherzosamente d ordini alle figlie e quando andiamo via ci vorrebbe riempire di regali.
La memoria collettiva a volte si contrappone alla storia ufficiale. Ma su di essa che si costruisce lidentit dei gruppi. La memoria selettiva, fatta di ricordo, ma anche di oblo. I cercatori doro fanno i conti con la memoria e con loblio. Hanno di buono che non sopportano pi nessuna dimenticanza. E di cattivo che i loro interventi possono avere un impatto imprevedibile nel delicato equilibrio del luogo. Sognano scavi archeologici ma non si accorgono che i ruderi che affiorano stanno gi franando. Minacciano espropri e non si accorgono che senza le economie locali il sito sarebbe andato del tutto in rovina gi cinquantanni fa. Vorrebbero invitare tesisti a venire qui per studiare i ruderi, e non vedono che a Filadelfia non esiste un archivio mentre nella chiusa biblioteca comunale non c pi un solo libro su Castelmonardo. Sognano i fondi, magari strutturali, e non si accorgono che il vero tesoro nellaria, nellacqua, nel cielo, nel silenzio ancestrale. Nel vento a volte dolce, a volte inquietante. Nella vista mozzafiato, fino alla cima dellEtna. Nellolio, nel cibo, nel vino, nel miele che ancora oggi qualcuno produce. Nellospitalit della gente, nel suo buon cuore. Nellacqua della fontana delle Grazie e di quella del Crocifisso. La sacralit dei luoghi impone comportamenti antitetici rispetto alla modernit: conservare, camminare, sostare. Ripristinare. Per esempio, riportare nel borgo di Friechi le macine dei mulini che lastricavano le strade e che qualche fine cercatore doro ha ben pensato di portarsi a casa.
Dal 1971 al 1973 i Gruppi archeologici dItalia, guidati da Diego Maestri, hanno condotto una campagna di ricognizione, studiato i ruderi, effettuato sondaggi. Nel 1974 fu allestita una mostra nei locali del palazzo Serrao de Gregory. Il museo fu successivamente chiuso. Il nobile palazzo stato trasformato nel deposito dellunico supermercato del paese. Il suo portale, forse originario di Castelmonardo, ha subto dei danni. I reperti, databili tra lanno 1000 e il 1800, per anni giacquero dentro scatoloni. Oggi si trovano un po alla rinfusa dentro vetrinette polverose, alla merc di chiunque. Le ricerche del Gai furono interrotte per difficolt economiche, ma anche perch se gli archeologi avessero effettuato degli scavi in profondit, sia lamministrazione comunale che la soprintendenza si sarebbero trovati di fronte a problemi di restauro e conservazione non indifferenti. Importante stata anche lattivit di ricerca svolta dallo storico locale Giovan Domenico Barone. Questa estate il sito si presentava abbandonato e aggedito dalle erbacce e solo limpegno di volontari del Gruppo archeologico locale guidati dai contadini del posto, ha permesso di liberare i sentieri e di renderlo accessibile. Un bellesempio di cittadinanza attiva. Ma il paese mormora: liniziativa privata, senza il controllo e la guida di archeologi esperti, potrebbe anche essere dannosa, sostengono alcuni. Che fare di Castelmonardo? Il paese discute, si infiamma. Tutti vogliono essere coinvolti nella costruzione del futuro di Castelmonardo. Un bellossimoro: si pensa al futuro di un luogo morto, mentre Filadelfia, paese ancora vivo, si svuota e decade. Morgana chiama, la gente accorre. Ma pare che anche la litigiosit dei Filadelfiesi sia una caratteristica ereditata dagli abitanti del borgo medioevale distrutto.
Posso parlare perch ho le chiavi di Santa Maria, dice nonna Carmela, accennando alla Chiesa di Santa Maria del Corazzo, ai piedi del paese. Per una strana idea di progresso e modernit una vecchia amministrazione comunale, decenni fa, ne distrusse la navata sopravvissuta al terremoto. Ci pass in mezzo una strada che collega ancora oggi Castelmonardo alle contrade di montagna e alla provinciale.
Il parco naturalistico archeologico, di cui parlava il funzionario della Soprintendenza Roberto Spadea durante un sopralluogo sul sito, dovrebbe comprendere anche il recupero dellantico borgo di Friechi, dei mulini, la creazione di sentieri percorribili lungo i due torrenti Prantari e Greto. Ma, soprattutto, dovrebbe integrare le piccole economie locali e difendere i beni immateriali, i pi fragili, custoditi nella memoria e nei valori di chi quelle terre vuole difendere e tutelare.




news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news