LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

BUSTO ARSIZIO. Abbattimenti, allarme di Legambiente per via Valle Olona
Varese news, 17-03-2008

Busto Arsizio - Vi sono gi state eliminate una quindicina di piante; il Cigno Verde invita i cittadini a manifestare il proprio dissenso alla politica dei tagli in massa


Sugli abbattimenti di alberi Legambiente, dopo la protesta di gioved e la parziale e temporanea retromarcia del Comune, non molla l'osso e lancia un nuovo allarme, questa volta in difesa delle piante di via Valle Olona (foto sotto).
"La campagna di desertificazione della citt prosegue imperterrita, nonostante le rassicurazioni della dirigente dei lavori pubblici" scrivono gli ambientalisti. "Il taglio indiscriminato e totale si spostato in via Valle Olona, dove le prime 15 robinie sono state distrutte, senza curarsi se la cura scelta dal Comune fosse peggio del rimedio". Si visto gi gioved che non mancano tra i cittadini i pareri favorevoli all'abbattimento delle piante - c' chi ritiene che la rinuncia all'ombra e all'ossigeno sia preferibile al rischio di vedersi cadere in testa un ramo o di inciampare in un marciapiede sfondato dalle radici, in una curiosa inversione della "sindrome Nimby " a favore della famosa "politica del fare" - tagliare, in questo caso. Ed facile osservare che a fare rumore l'albero che viene tagliato, non quello che viene piantumato. Ma Legambiente, per quanto isolata possa suonare la sua voce (e non lo , si mossa anche la consigliera comunale Mariella Pecchini), resta fedele alla linea. Anzi, all'alberata. "Che senso ha abbattere piante del peso di 500-800 kg, alberi che danno ombra e ossigeno in quantit" chiede, "per sostituirli con piante che, in primis, non eguaglieranno mai la massa arborea di quelle eliminate, e secondariamente impiegheranno almeno 6 anni per dare un quarto dei benefici perduti, solo per accontentare le voglie di tecnici e addetti del settore?" In una citt "drammaticamente piena di problemi di vivibilit e ambiente, poverissima di parchi e spazi verdi", ci si pu permettere di "sacrificare cinquecento alberi di alto fusto in un battito di ciglia" mentre parchi promessi da tempo come quello della ex-fonderia Tovaglieri e quello della Selva Longa sono ancora nel cassetto delle promesse rimaste tali? Il comunicato del circolo bustese dell'associazione fustiga l'amministrazione cittadina che, con "gravissimi problemi di bilancio", "non risparmia le sue monete per pagare il taglio e la ripiantumazione di cinquecento piante in una stagione. Un albero di vivaio costa minimo cento euro, oltre ai costi di impianto e cura. Perch prendersela con le robinie indifese tutta in una volta?" Ad offendere gli ambientalisti, e su tutti il presidente del piccolo circolo bustese del Cigno Verde, Andrea Barcucci, il fatto che gioved era stato promesso di aprire un tavolo di concertazione, "ma il giorno seguente le motoseghe hanno tagliato tutte le piante dell'alberata, partendo dal Sempione verso il centro sul lato dei numeri dispari: questo il rispetto degli accordi?" Pertanto Legambiente invita tutti i bustesi, gruppi, associazioni, consiglieri comunali, a recarsi in via Valle Olona per protestare contro i tagli sommari delle alberature, a manifestare il proprio civile dissenso "passeggiando nei pressi del cantiere, attarversando la strada continuamente, pedalando in gruppi avanti indietro, portandocartelli e manifesti di protesta". L'obiettivo resta quello di salvare le piante sane e programmarne la sostituzione "spalmandola" su pi anni. E non facile sfida quella che il Cigno Verde si assume, in una realt facile a mobilitarsi per la sicurezza o i rumori di un locale notturno, ma non cos' avvertita dell'ecocidio quotidiano.

Lunedi 17 Marzo 2008




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news