LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CAMPANIA - Una nuova stagione per i fondi europei
Nando Morra
IL DENARO del 14-03-2008 num. 049









Quale Campania al 2013? E' questa la domanda sollecitata con forza dal sistema delle Autonomie Locali e da un quadro ampio di soggetti-chiave, in primo luogo Confindustria e Sindacati. Mai come in questa ultima occasione possibile fare leva su risorse europee ingenti per delineare strategie e modelli di "sviluppo permanente", radicati sui territori. Processi da innervare come moltiplicatori delle concrete e spesso notevoli potenzialit delle risorse endogene. Il punto di partenza obbligato delineare un progetto di priorit obiettivi risorse che corrisponda alle esigenze di sviluppo territoriale qualitativo, diversificato, articolato che faccia perno sulla concreta realt opportunit del sistema delle Autonomie Locali. Non solo dunque delle grandi e medie citt.
La programmazione 2007/2013 dei fondi U.E. al centro di un serrato confronto politico e istituzionale. Programmazione 2007/2013, finalit strategiche, obiettivi e destinazione dei fondi Ue un nodo fondamentale per la Campania. E' l'asse sul quale sar imperniato il futuro della regione. Autonomie, Confindustria e Sindacati hanno sottolineato ancora una volta il punto alto di criticit. Sia in rapporto alla qualit delle scelte che alla gestione ed alla capacit effettiva di spesa delle risorse Ue sul Por 2000/2006.
Se si evitano gli errori e la dispersivit delle ultime esperienze, il futuro delle Regioni meridionali e, dunque, della Campania, pu delineare uno scenario diverso, dinamico e propulsivo. Le autocritiche della stessa Regione Campania sono importanti, ma debbono essere accompagnate da scelte e da segnali concreti di cambiamento. Un punto per tutti. La condizione-chiave cancellare concezione e gestione centralistica dei processi di programmazione e della gestione degli obiettivi e delle risorse. E' questa la strada per cambiare davvero. Di questa svolta vera e radicale ha bisogno pi di tutti il Mezzogiorno. Ci sono di fronte alle Regioni ed agli Enti Locali meridionali due eccezionali, straordinarie, impedibili opportunit: l'ultimo giro di fondi Ue; l'affidamento ai Comuni della gestione dei programmi Por di competenza territoriale.
Negli scenari disegnati dalla Ue, il Mezzogiorno e la Campania si integrano pienamente. Si tratta, infatti, di quadri di riferimento e di obiettivi fondamentali e coerenti con le esigenze spesso drammatiche degli Enti Locali. Utilizzare a fondo le opportunit Ue su queste direttrici implica due scelte nette. La prima riguarda le Regioni del Sud e la Regione Campania in particolare. Si tratta di portare a coerenza le priorit del Por regionale con le strategie e gli obiettivi Ue in rapporto al sistema delle Autonomie assegnando ai Comuni responsabilit e poteri di gestione. Il secondo, impegna direttamente gli Enti Locali. Urge un salto di qualit dei Comuni nella progettualit e nella capacit della "governance" locale. Il quadro delle potenzialit notevole. Sulle Istituzioni e sulle Autonomie pesa la responsabilit di non perdere l'ultimo treno per l'Europa. E' necessario focalizzare la riflessione su tre temi fondamentali: impianto programmatico ed obiettivi; ruolo delle istituzioni territoriali; Piccoli Comuni e connessione tra sviluppo locale e quadro complessivo.
In Campania netta la divaricazione tra aree territoriali, metropoli, citt, aree interne e montane e piccoli Comuni. L'occasione dei fondi europei andava concepita in un quadro di programmazione che saldasse insieme l'esigenza di puntare sulle grandi infrastrutture materiali e immateriali, indispensabili per un ruolo vincente della Campania in rapporto al Mediterraneo ed all'Europa e sulla strategicit di puntare ad un modello di sviluppo alternativo innervato sulla innovazione, sulla riscoperta e rilancio della Campania, "figlia di un dio minore". Questa ora una esigenza assoluta. Un modello di sviluppo non "ripetitivo", originale, non redistributivo, non Casmez e frammentazione, obiettivi che possono essere concretizzati solo coinvolgendo e responsabilizzando il sistema istituzionale campano, a partire dalle Province, titolari per scelta del legislatore, della programmazione e, dunque, del governo di "area vasta". Cos non stato. In Campania, le Province sembrano costituire un "intralcio istituzionale".
Carmine Nardone, Presidente della Provincia di Benevento, in un recente Convegno sui Fondi Ue, ha affermato che: "In realt si accrescer sia lo sviluppo duale della Campania, gi oggi fondato sullo squilibrio del 55 per centodella popolazione sul solo 8 per centodel territorio, sia la precariet dei rapporti istituzionali. La prima contraddizione la correlazione che lega il concetto di strategicit al centralismo: la conseguenza che solo ai Comuni con popolazione superiore ai 50.000 abitanti concesso presentare progetti strategici e accedere al 40 per centodel totale delle risorse regionali.
E' una indicazione che assegna i Comuni alla serie A e alla serie B di un immaginario campionato di accesso ai fondi europei, sebbene tutto il Mezzogiorno, senza distinzioni, rientri nel cosiddetto "Obiettivo 1". In Campania, su un totale di 522 Comuni, entrano nell'Olimpo solo in 18 (11 della provincia di Napoli, 3 di Salerno, 2 di Caserta, 1 di Benevento ed 1 di Avellino). Si tratta di un approccio che fa il deserto al di sotto di Battipaglia. Rinuncia in un colpo solo al Sannio, Irpinia e Terra di Lavoro. Lasciando nel vago il futuro, ad esempio, di Piedimonte Matese, San Bartolomeo in Galdo, Monteverde, Vallo della Lucania. In sostanza, delle aree interne e dei Piccoli Comuni. Considerare l'unitariet del territorio non significa ripartire, distribuire e disperdere risorse. La risposta di qualit nella identificazione di progetti di sviluppo non localistici bens territoriali, interprovinciali ed anche interregionali. Un esempio per tutti: connettere e mettere in valore il basso Cilento con il Lagonegrese: la via dei Parchi.
La seconda riguarda l'impianto istituzionale. Le buone intenzioni sulla pari dignit costituzionale sono soli segnali di fumo. E' mai possibile che dobbiamo ancora chiederci se le Province siano o no strumenti di programmazione di area vasta? E' mai possibile che sono stati ammessi alla funzioni di enti attuatori e gestori di risorse pubbliche una pluralit di soggetti pubblici che non sono previsti dalla Riforma del Titolo V della Costituzione? Ora urge una vera concertazione istituzionale, un confronto formale, serio e serrato con le autonomie locali. Non va liquidata la possibilit di governare la vitalit territoriale in direzione di un sistema policentrico, integrato e competitivo, fondato su strategie non autoreferenti. Si debbono prevedere politiche in grado di determinare le condizioni di una nuova competitivit fondata sulle originalit esclusive. Con il raccordo dei sistemi territoriali sono nate esperienze di eccellenza ed originalit, per agricoltura, beni culturali e trasporti, turismo mentre le criticit sono venute proprio dall'arroccamento, dal neo-centralismo, dal mancato decentramento, come per sanit e rifiuti". Urge innescare la retromarcia. Una seria concertazione istituzionale, una opportunit e non un ostacolo. Sta anche qui la "svolta" per una pi avanzata qualit della governance regionale. I processi di sviluppo, oggi, vanno collocati nel nuovo scenario politico-sociale-istituzionale definito dall'Ue, dalle Regioni, dal sistema delle Autonomie.
Si registrano apprezzabili miglioramenti nella capacit di spesa dei fondi strutturali comunitari. Ma non basta. Il valore di fondo deve essere la "qualit" prima ancora della "quantit" della spesa.
I lineamenti della politica di coesione, sostenuti dalla "Commissione Barroso", prevedono tre priorit:
1 l'obiettivo della Convergenza;
2 l'obiettivo della competitivit regionale e della occupazione;
3 l'obiettivo della Cooperazione territoriale europea.
Grandi temi che investono direttamente il Mezzogiorno anche in rapporto all'allargamento ad Est dell'Ue Si tratta di un punto politico delicato ed importante. Per il Sud e per la Campania una battaglia imperdibile. Per il periodo 2007/2013, la programmazione dei fondi dovr essere incentrata, in linea con gli obiettivi di Lisbona e Goteborg, per lo sviluppo policentrico dei territori, su alcuni assi fondamentali:
1 grandi reti di infrastrutture materiali e immateriali (trasporti, interporti intermodalit grandi reti corridoi europei - comunicazione, energia, ecc.) ricerca ed innovazione; societ della informazione;
2 sviluppo delle Regioni ed aree sottosviluppate e soggette allo spopolamento (piccoli Comuni, montagna, ruralit); per un sistema equilibrato tra aree urbane e rurali; tutela, difesa, valorizzazione del territorio. Per il Sud e la Campania si pone un obiettivo di fondo: una nuova stagione per i fondi Ue. L'80 per centodei Fondi Ue, infatti, stato assegnato al 20 per centodelle aziende, determinando un radicale dualismo tra risorse e sistema produttivo. La priorit finalizzare i fondi, non solo ad obiettivi qualitativi, ma anche ai comportamenti virtuosi delle imprese, legandoli alla sostenibilit ambientale, alla tutela di nuovi diritti, al rapporto tra domanda e offerta di innovazione e di ricerca, alla internazionalizzazione ed al fattore di penetrazione sui mercati.
La nuova programmazione dei Fondi strutturali dovr costituire, dunque, una decisiva occasione per il rilancio della progettualit, della programmazione territoriale e della capacit di spesa.







news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news