LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Clientes, burocrati e 3 mila eletti Lombardo schiera le sue truppe
EMANUELE LAURIA - MASSIMO LORELLO
DOMENICA, 16 MARZO 2008 - LA REPUBBLICA - Palermo



Tutti in lista gli uomini che siedono nei posti chiave
Gli assessori e i dirigenti generali legati al candidato
Catania cuore del sistema, Leanza e Pistorio i pi fedeli
Cinquecento assunti senza concorso in una societ controllata dalla Provincia etnea
Tra i portatori di voti che pesano di pi Crocetta e Genovese

-----------------------------------------------------------------

Per favore, non chiamatemi pi ras, sbottato qualche giorno fa Raffaele Lombardo. Ma di certo quella che il leader degli autonomisti si appresta a mettere in pista nella corsa per Palazzo dOrleans una formidabile macchina da voti. Una macchina spinta da 3.056 eletti, ovvero dallimpressionante numero di parlamentari nazionali e regionali, consiglieri provinciali e comunali che il centrodestra pu vantare nellIsola. Se le elezioni fossero un fatto aritmetico, non ci sarebbe gara. Teoricamente, a ciascuno degli eletti basterebbe assicurare 425 preferenze a Lombardo per sollevarlo fino a quota un milione e 300 mila, quella sufficiente - secondo gli sherpa - per assicurarsi la poltrona di presidente. E questa stima non tiene conto del vantaggio che deriva dal fatto che la Cdl, disaggregata e poi ricomposta attorno al nome di Lombardo, ha gestito ininterrottamente la Regione dal 2001 in poi. E che oggi lMpa controlla met della giunta uscente: la presidenza e due assessorati con Lino Leanza (che del movimento segretario regionale) e altre due postazioni di governo (Territorio e Autonomie locali) con Rossana Interlandi e Paolo Colianni. Tre big dellMpa che, per inciso, sono anche candidati alle politiche e alle regionali.
Il movimento non vanta sindaci di citt capoluogo, anche se Leanza e Colianni hanno designato di recente i commissari al Comune di Catania e alle Province di Palermo, Trapani e Agrigento. LMpa ha proprio nellamministrazione regionale e negli enti locali del Catanese i suoi centri di potere. E allora eccola, larma in pi dellesercito di Lombardo: la burocrazia e il sottogoverno, attraverso i quali il candidato del centrodestra muove le leve del consenso. Alla Regione, ad esempio, la gran parte dei dirigenti generali fa ancora riferimento a Cuffaro, il pi fedele sodale di Lombardo, e lMpa controlla direttamente importanti dipartimenti come Territorio (affidato a Pietro Tolomeo) e Beni culturali, guidato dallex coordinatore palermitano del movimento, Romeo Palma. Ma negli ultimi anni, mentre Lombardo si dedicava alle battaglie dimmagine come la marcia su Roma a favore del Ponte sullo Stretto e lo sciopero della fame contro linquinamento al Petrolchimico di Gela, i suoi uomini - Leanza e il senatore Giovanni Pistorio su tutti - si lanciavano alla conquista di posti chiave negli enti regionali e nelle aziende sanitarie. Il leader dellMpa esercita la sua influenza attraverso alcune postazioni-chiave come la guida dellAsl catanese affidata ad Antonio Scavone o quella dellazienda di Enna, al cui timone c Francesco Iudica, il cognato di Lombardo. Ma anche il direttore generale dellospedale Gravina di Caltagirone, Carlo Romano, e il direttore sanitario del Garibaldi di Catania, Salvo Giuffrida, sono professionisti vicini al capo dellMpa.
I suoi alfieri nel sottogoverno, Lombardo, li ha puntualmente candidati alle elezioni. Marco Forzese, vicepresidente di una storica azienda regionale come lAst corre per le Regionali a Catania. Con lui c anche Orazio DAntoni, presidente della Sac service, la societ di servizi dellaeroporto di Fontanarossa. in lista per il Senato, sotto le insegne della colomba, c anche Antonio Fiumefreddo, sovrintendente del teatro Bellini. La longa manus dellMpa va oltre il mondo della sanit. Raggiunge il settore delle cooperative, grazie alla presidenza dellIrcac affidata ad Antonio Carullo. Tocca gli enti parco come quello dellEtna amministrato dal commissario Ettore Foti. Il controllo del territorio diventa capillare, nella provincia etnea. un uomo di Lombardo Giuseppe Gitto, presidente di Pubbliservizi, la controllata della Provincia che occupa 500 impiegati assunti senza concorso pubblico. Ed un "fedelissimo" anche Armando Giacalone, figura centrale del sottogoverno catanese, ex segretario generale e oggi (dopo il pensionamento) direttore generale a contratto del Comune, che siede contemporaneamente sulle poltrone di quattro societ con capitale pubblico: quella della Sidra (distribuzione idrica), dellAsec (energia), di Multiservizi, che conta complessivamente oltre mille dipendenti, e di Patrimonio e sviluppo, altra controllata che ha invece la gestione degli immobili comunali. Anche Sostare (parcheggi) fa capo a un proteg di don Raffaele, Sebastiano Lombardo (solo un omonimo, stavolta). in questa ragnatela che si annida il consenso dellautonomista che vuole succedere a Cuffaro, grazie anche alla forza di tre liste che mettono insieme ex notabili (Capitummino, Nicolosi, Bono Parrino), democratici pentiti (Latteri) e socialisti che stavano sullaltra sponda (Maurizio Ballistreri, capogruppo di Uniti per la Sicilia allArs). E delle alleanze a tutto campo, con Vincenzo Scotti come con il leader di Italiani nel mondo Sergio De Gregorio. Le variopinte truppe di Lombardo: ma non chiamatelo il ras.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news