LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sul paesaggio comanda lo stato. Alle regioni parola sui vincoli. Enti ecclesiastici a tutela dei tesori
Luigi Chiarello
ItaliaOggi, 12 marzo 2008

Non si muova foglia che lo stato non voglia. La competenza in fatto di tutela del paesaggio spetta esclusivamente all'amministrazione centrale. Questo potere prevale sulla funzione regionale di governo del territorio. La regione, per, potr attivare una sorta di valvola di salvaguardia in fatto di imposizione dei vincoli paesaggistici. In sostanza, se oggi questo potere esercitato dallo stato centrale in maniera del tutto autonoma, domani il suo esercizio dovr essere assoggettato al parere della regione interessata. E sotto l'ombrello normativo che tutela i beni paesaggistici ci saranno anche gli alberi monumentali, affiancati con pari rango agli immobili e alle aree di notevole interesse pubblico, per bellezza o singolarit geologica.
Sul fronte beni culturali, invece, il compito di tutelarli viene esteso anche agli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti che li abbiano in loro possesso, perch anche i beni di loro propriet che presentano interesse artistico, storico, archeologico o etno-antropologico, saranno considerati beni culturali soggetti a tutela dello stato. Di pi: per una loro eventuale alienazione l'ente ecclesiastico dovr prima incassare il placet dello stato. Infine, ma non per importanza, non sar possibile riprodurre gratis su carta o su Internet le immagini di beni culturali a fini non commerciali.
Sono queste alcune delle novit che emergono dall'analisi dei due dlgs di riforma del codice dei beni culturali e ambientali (dlgs n. 42/2004), sul tavolo del prossimo consiglio dei ministri. Due provvedimenti che, in sede di emanazione da parte del governo, potrebbero confluire in uno solo.
Beni ambientali. Come detto la novit pi rilevante in fatto di difesa dell'ambiente riguarda il ritorno definitivo, in capo allo stato centrale, del potere di tutela del paesaggio. Che prevale sulle funzioni attribuite alle regioni di governo del territorio. I beni paesaggistici, col nuovo dlgs, acquistano rilevanza in quanto tratti di un paesaggio di spiccata valenza identitaria per l'intera comunit nazionale. Le regioni, da parte loro, avrebbero voluto circoscrivere ai soli "beni paesaggistici" il principio della gerarchia tra potere statale di regolazione del paesaggio e potere regionale di governo del territorio. Ma ci non stato possibile, perch in netto contrasto con la sentenza della Corte costituzionale n. 367/2007 e con la Convenzione europea del paesaggio. Anche se una sorta di clausola, in fatto di tutela paesaggistica, le regioni l'hanno incassata. Infatti, se fino ad oggi allo stato centrale spetta il potere, del tutto esclusivo, di imporre vincoli paesaggistici (ai sensi dell'articolo 82, comma 2, del dpr n. 616/1977), da domani, varato il nuovo dlgs in materia, una simile decisione non potr essere assunta se non previo parere della regione interessata. E tutti i dubbi di incostituzionalit emersi finora a riguardo sono stati superati con l'affermazione di un semplice principio: i rapporti tra stato e regioni in materia di tutela del paesaggio devono essere improntati alla leale collaborazione. Punto. Ma non finisce qui. Altra novit toccher il rilascio semplificato dell'autorizzazione per gli interventi di lieve entit; a riguardo, spiega il dlgs,
bisogna attendere il varo di un nuovo regolamento ministeriale, che avr il compito di chiarire cosa si intenda per intervento di lieve entit e di alleggerire il carico di lavoro degli uffici statali e comunali, accelerando la risposta delle istituzioni alle istanze dei privati. Beni culturali. Niente libera riproduzione sul web o su carta di immagini relative ai beni culturali. Anche se la pubblicazione non ha scopo commerciale. Nonostante questa possibilit abbia incassato i pareri favorevoli delle commissioni di Camera e Senato (si veda ItaliaOggi del 6/3/2008), immagini come le opere conservate nei musei non saranno riproducibili gratuitamente. E questo per due motivi. Primo: una simile misura non coerente con la mission che il dlgs di riforma si propone; in sostanza, fuori dall'ambito di esercizio della delega. Secondo: la proposta, sottraendo ad autorizzazione ogni forma di riproduzione dei beni culturali, incide sugli attuali strumenti di tutela, in contrasto con la legge delega (comma 2, lett. d, art. 10 della legge 137/2002) e, soprattutto, riduce le entrate dello stato. Passando ad altro, il dlgs riconosce i beni culturali degli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti come sottoposti a tutela dell'ordinamento italiano. E impone agli stessi enti il dovere di preservarli. Questo per non cancella il vincolo per gli stessi enti di chiedere all'amministrazione centrale dello stato un'autorizzazione preventiva in caso di ima loro vendita.



news

16-04-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 aprile 2019

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

Archivio news