LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

C' un futuro per il forte di Santa Teda?
Sergio Bagnoli
Avvenire La Spezia, 9 marzo 2008

Ora che stato sommariamente restituito alle sue forme originarie e che sono state eliminate tutte le sovrastrutture carcerarie, il Forte di Santa Teda cerca un rilancio culturale nell'ambito del progetto chiamato Sanremo, citt d'arte e di cultura. La costruzione del Forte, sino a pochi anni fa adibito a carcere giudiziario circondariale, ebbe inizio nel 1753, quando la Repubblica di Genova intese dotare la propria guarnigione di una munita fortezza per domare le frequenti ribellioni indipendentistiche della citt dei fiori. Pochi mesi prima Sanremo aveva infatti ingaggiato con la Superba un'impari lotta, anche cruenta in certi episodi, per ottenere il ripristino delle antiche libert alto-medioevali. La risposta genovese fu truce: forche e patiboli furono innalzati in vari luoghi di Sanremo e parecchi abitanti furono giustiziati o costretti all'esilio. Santa Teda, restituito alla citt da qualche anno, oltre a recuperata memoria storica pu svolgere il ruolo di importante contenitore culturale, in quanto sede scelta dall'amministrazione comunale di quel Museo della citt di cui Sanremo privo, in grado di fornire una chiave di lettura soddisfacente per comprendere lo spirito di questo centro di medie proporzioni, che nel passato bas la propria economia sull'attivit marittima e mercantile. Per gli interventi urgenti, tesi ad eliminare le sovrastrutture carcerarie, sono stati spesi pi di quattrocentomila euro stanziati dal Ministero dei Beni culturali a favore della Sovrintendenza ai beni storici e architettonici di Genova, titolare dei primi lavori. Ora sulla base di un accordo esistente tra la Sovrintendenza ed il Comune matuziano l'immobile settecentesco dovrebbe passare sotto il controllo dell'ente comunale per procedere al completo restauro e all'allestimento degli spazi museali. Per compiere questo ulteriore passo verso il definitivo recupero del Forte sono necessari ben tre milioni di euro, una cifra colossale anche per un Comune ricco come Sanremo. La Citt dei Fiori ha cos chiesto al Ministero competente la possibilit di attingere la cifra dal fondo appositamente destinato al recupero dei beni architettonici ed artistici, costituito dagli introiti del gioco del lotto. Gi ora comunque alcuni particolari del Forte sono stati riportati alla luce, come le finestre e le porte.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news