LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Specola, polvere storica gli animali perdono la segatura
MARA AMOREVOLI
11 gennaio 2008, LA REPUBBLICA - FIRENZE


Lingresso un parcheggio, il guardaroba non esiste, c una sola toilette, mancano i custodi e qualche esemplare impagliato perde "lanima" di segatura. Viaggio tra i disservizi del museo de "La Specola", una delle sei sezioni del Museo di storia naturale dellUniversit di Firenze. Tra le collezioni di pesci, rettili, uccelli impagliati e imbalsamati, tra le statue e i modelli di cere anatomiche delle raccolte medicee e lorenesi. Tra scolaresche affascinate dagli esemplari degli animali e dai racconti delle giovani guide, davanti alle vetrine polverose che custodiscono migliaia di pezzi settecenteschi.

Il guardaroba un mucchio di cappotti per terra, il bagno solo quello di servizio



LA sezione di Zoologia de "La Specola", il museo pi amato da bambini e ragazzi, accoglie i visitatori su via Romana 17 in modo poco edificante: lingresso un parcheggio di decine di moto, motorette e altrettante auto, oltre che dei sacchetti con la scritta "carta", da smaltire al passaggio del camion della nettezza. E si deve fare lo slalom tra i mezzi parcheggiati nel cortile per accedere alla scalinata, custodita dalla statua polverosa del fisico e matematico Evangelista Torricelli. Niente ascensore, niente toilette (ci sono i lavori di restauro in corso), via quindi alla maratona di scale fino al secondo piano del museo. La sala di ingresso un capolavoro di cialtroneria tutta nostrana: da un grande finestrone si intravede un terrazzino dove sono ammucchiati resti di cassetti e armadi spezzati e malridotti, mentre allinterno una stanzina-guardaroba strabuzza di zaini e piumini, buttati per terra a mo di montagna colorata, quasi unopera darte contemporanea ma non certo un servizio efficiente per i visitatori. Insegnanti e ragazzi non se ne curano, ogni classe ha il suo mucchio colorato.
Ore 10.10, alla biglietteria-bookshop c ununica impiegata: fa i biglietti, vende gadget, chiama le guide per avvertirle dellarrivo delle classi per le visite prenotate, nel frattempo si affaccenda con garbo a soddisfare le richieste di unintera scolaresca, che si accalca al banco per acquistare souvenir, lapis, gomme, manifesti di scheletri e quantaltro di kitsch sia disponibile in poche vetrine. La dipendente accontenta tutti, salvo non rilasciare neppure uno scontrino, ma sembra non averne davvero il tempo, perch deve indicare anche la toilette ad un visitatore: Vada di l, la stessa del personale dipendente, perch sotto ci sono i lavori. Il piccolo bagno tuttavia decente e ordinato. Uno solo per tutti, e per fortuna le scolaresche hanno provveduto prima di partire.
Pochi i turisti, solo due giapponesi e due inglesi che sembrano molto interessati alle collezioni, tanto da acquistare il volume baedeker. Anche in questo caso, niente scontrino: 10 euro a libretto e via. Parte la visita guidata per una classe. Le insegnanti impongono ordine e bocche chiuse ai bambini fin dalla prima sala, tra le vetrine piene di spugne, coralli e meduse. La guida, un giovane ben preparato, incanta subito i ragazzi davanti a enormi ragni mostruosi. Li lasciamo ammaliati da storie di veleni e numeri di zampe, ma non erano 7, perch sono 8?.
Insetti, farfalle e libellule regnano maestose e immortali nelle vetrine, e non importa se hanno angoli eloquenti di polveri storiche, almeno quanto le collezioni medicee. Il percorso si snoda nella sala dei rettili, tra esemplari giganti di tartarughe delle Galapagosos, un coccodrillo mummificato nellantico Egitto e arrivato a Firenze con la spedizione di Rosellini del 1828, tra sauri e serpenti, salamandre e pesci di ogni tipo, un grande Dugongo, animale acquatico che ha sotto un bel mucchietto di segatura, evidente perdita dellimbalsamatura da un foro. E ancora bufali, cervi, canguri e armadilli. Si prosegue calpestando il vecchio cotto scrostato, stupiti come sempre dallantico ordine seriale ottocentesco degli esemplari, da migliaia di specie di uccelli imbalsamati, schedati e nominati uno per uno. Sala dopo sala, senza incontrare neppure un custode, osservati solo dallocchio della telecamera, chiss la guarda poi. Finch non incontriamo un gruppo di alunni, bloccati davanti ai rinoceronti, compreso un esemplare bianco rarissimo, al famoso "Ippopotamo di Boboli", donato al granduca nella seconda met del 700, vissuto nel parco e finito poi impagliato. La sale delle cere anatomiche, con i famosi "Scorticati", 1400 pezzi di fine 700, mostra modelli di corpi maschili e femminili, con precisione verosimile, manifatture straordinarie tra il macabro e il grottesco come quelle realizzate dal ceroplasta siciliano Gaetano Giulio Zumbo per Cosimo III a fine 600, conservate intatte teche depoca, che appaiono spolverate di recente.
Ci si avvia alluscita, attraverso la sala delle mostre, attualmente vuota. Alla biglietteria premono altre scolaresche, tra cui un gruppo di liceali svizzeri prenotati da Nyon, mentre la dipendente sia affanna a vendere gadget e ticket, smistare guide e gruppi. Solo ora vediamo davanti a lei, in alto sulla parete lo schermo delle telecamere per controllare le sale. Scusi, ma come fa a far tutto? Bella domanda - risponde- oggi dovevamo essere in due. Ma laltra non venuta, cos mi arrangio da sola. Intanto in basso, allingresso su via Romana, si affollano sempre pi auto. C posto davvero per tutti qui dentro? chiediamo al portiere. Siamo allanarchia pi completa- risponde - Qui chiunque fa richiesta ottiene la tessera di accesso. La direzione del museo se la prende con il Dipartimento di biologia animale genetica che ha sede qui accanto, e si avanti cos, a scarica barile, senza una soluzione.






news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news