LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LAZIO - Ferentino e le mura megalitiche
SERGIO FRAU
MERCOLED, 12 MARZO 2008 LA REPUBBLICA - Roma



I restauri di quelle antichissime e straordinarie fortificazioni primo passo di quello che potr essere un parco a tema unico al mondo





Si trovano qui le opere murarie che pi savvicinano alle costruzioni pre-colombiane
Ad Arpino nacque Cicerone: proprio qui si tiene ogni anno una gara letteraria in latino



--------------------------------------------------------------------------------

Stanno saltando via, uno dopo laltro, i tubi di scarico in alluminio ormai incrostato. Via anche le condotte in plastica arancione squillante che scolavano a terra, facendosi vedere da lontano.
Spariscono pure le gronde arrugginite che, man mano, nei secoli, avevano affollato le antichissime, belle mura di Ferentino: per lestate lItalia si sar riconquistata una delle sue meraviglie! Una di quelle meraviglie megalitiche che - con tutta larte e larcheologia diffusa che abbiamo qui - poi, alla fine, non tutti conoscono. Roba bella, unica che, per, gli stranieri, quando arrivano da noi, hanno persino difficolt a trovare, persino nelle guide e sui depliants. Non una riga che spieghi che si tratta delle mura probabilmente pi antiche, e belle, e meglio conservate del mondo. E s la Terra dei Ciclopi, la Ciociaria, si rimette in gioco.
Il restauro delle mura possenti di Ferentino - con il ripristino dei camminamenti che le bordano, fortemente voluto e sorvegliato dalla Soprintendenza del Lazio - soltanto il primo passo per avviare la valorizzazione per quello che potrebbe essere - e che prima o poi sar - un parco tematico del megalitismo laziale. Soldi europei (gi arrivati, per i restauri), soldi regionali (in arrivo, per la valorizzazione dellintera zona) dovrebbero dare il via al grande rilancio.
Sono sempre di pi, infatti, gli appassionati che arrivano fin qui, come succedeva nell800, a conoscere una delle prime pagine del nostro Album di Famiglia: pagine scritte, dimprovviso, con pietre gigantesche montate ad arte, agli inizi del primo millennio a. C sulle rocche che circondano Frosinone: Ferentino, a 393 metri sul mare; Alatri, quota 502; Veroli, 570; Arpino 627.
Tutte arrampicate lass, sui loro cocuzzoli, come fatte con un unico enorme stampo: e tutte blindate da possenti mura, anche Atina, Anagni, Norba, Monte Carbolino (a 723 metri daltezza) con terrazzamenti possenti che cingevano per intero lantico abitato.
Terre di Ernici e di Volsci, queste: si unirono i due popoli - ma inutilmente - soltanto quando Roma a met del IV secolo a. C. mise il suo sguardo vorace sulle loro arroccate tranquillit.
Non ha sorpreso nessuno qui in zona - dove un ventina di anni fa arrivarono a convegno dallAmerica Latina fior di esperti di arte incaica - quel che ha scritto da poco Giulio Magli, docente di Meccanica Razionale del Politecnico di Milano: Gli edifici inca in pietra venivano realizzati tramite lincastro a secco di grossi blocchi di andesite (pietra simile al granito). Gli incastri venivano eseguiti con precisione maniacale e millimetrica, quasi sconcertante. Non tutti sanno, per, che le opere che pi si avvicinano a quelle inca sono in Italia.
E via, il professore a segnalare con passione quella vasta zona che parte dallUmbria e arriva al Sannio con numerose citt che vantano cinte di mura dette poligonali composte di blocchi tagliati a spigoli vivi e incastrati a secco. Molte di queste opere lasciano senza fiato, quali ad esempio le mura e le porte di Segni, Ferentino, Arpino e dellAcropoli del Circeo....
Se cose cos roboanti te le giura - nero su bianco, nel suo bel libro dedicato ai Misteri e scoperte dellarcheoastronomia - un docente di questo livello, beh, c da prenderlo sul serio. O, almeno, a interrogarsi per bene. E poi su Alatri il professor Magli ci testimonia: Venne costruita attorno a un collina naturale o acropoli. La citt presenta una larga cinta di splendide mura poligonali, ancora oggi conservate in molti tratti con blocchi che arrivano a pesare 10 tonnellate e pi. Molte parti mostrano una perfezione tecnica quasi assoluta, impossibile inserire anche soltanto un foglio di carta tra due blocchi.
Stupiscono ancor oggi lui ma, nei secoli, quei massi cos ben squadrati hanno continuato a stupire sempre tutti. Figurarsi che lo storico tedesco Ferdinand Gregorovius, gran giramondo, arrivato in zona tra il 1858 e il 1860, ad Alatri si appunt in Passeggiate per lItalia: Allorquando mi trovai dinanzi a quella nera costruzione titanica, conservata in ottimo stato, quasi non contasse secoli e secoli, ma soltanto anni, provai unammirazione per la forza umana assai maggiore di quella che mi aveva ispirata la vista del Colosseo.
Gregorovius poi lo spiega: mentre per il Colosseo si capisce come abbiano fatto, qui, invece ogni pietra non un grosso pezzo quadrato, ma un vero macigno di forma irregolare, e se ci domandiamo con quali mezzi si siano potuti collocare tali massi gli uni sugli altri, si arriva ancor meno a comprendere come sia stato possibile incastrarli gli uni negli altri, in modo da non lasciare il minimo interstizio, producendo leffetto di un gigantesco mosaico di massima precisione.
Conclusione? Questa: La scienza che in Italia si occupa tanto di ricerche sugli Indo-Germanici e i Pelasgi, il mitico popolo marino, costretta a confessare di non sapere nulla intorno a quei popoli che hanno costruito quelle opere colossali. Del resto come non stupire? Come non innamorarsene?
Come, soprattutto, non iniziare a farsi domande? Come? E quando? E perch questi popoli che - almeno architettonicamente parlando - la sapevano lunghissima decisero, nei primi secoli del primo millennio a. C., di arroccarsi in queste celle frigorifere dalta quota, gradevolissime destate ma dure e impervie per il resto dellanno? C chi, come Massimo Struffi, arpinate doc, creatore della Fondazione Umberto Mastroianni (nato in zona, come i molti Mastroianni famosi) sostiene la tesi di sempre: Troppa malaria, troppe alluvioni e troppi pericoli, allora gi in pianura: logico abbarbicarsi quass. E anche chi, invece, scomoda ufo&Co. Altri ancora invece, pi seriamente, stanno censendo il gioco di queste architetture - delle porte soprattutto - con le albe e i tramonti di solstizi ed equinozi: ad Alatri stato notato che il primo raggio del solstizio invernale attraversa la porta di San Nicola, e - lo stesso giorno - lultimo raggio del sole calante buca laltra porta, quella di San Benedetto. Nuove frontiere della conoscenza, queste. Come i tanti reperti egizi e orientali - Iside, Serapide, Sfingi & C. - trovati in zona e lungo della valle Liri.
Non se capisce granch oggi, figurarsi nel passato. Cos le Mura furono definite via via: Saturnie, minoiche, micenee, titaniche, pelasgiche, ciclopiche. Andando a frugare per secoli nei miti a caccia dei possibili artefici, stato detto tutto e il contrario di tutto stato detto. Alla fine, vinsero i Ciclopi: solo loro, grandi e grossi comerano immaginati, sarebbero stati in grado di costruire roba del genere. Vennero battezzate Mura Ciclopiche e, cos, ancora oggi, sopravvive il termine, a fianco di quello pi gergale, degli archeologi: opere poligonali.
Spiega Claudio Giardino, archeologo e docente di Protostoria Europea al Suor Orsola Benincasa di Napoli che alla zona megalitica laziale ha dedicato pi di uno studio e un gran bel servizio per Archeo, il mensile di archeologia: Quattro i tipi di opere poligonale, ormai ben codificati: si va dal primo, con massi informi appena sbozzati, incastrati gli uni con gli altri, al IV tipo, in cui i blocchi, trapezoidali, spesso enormi, sono portati a lisciature inverosimili con incastri e perizie di grande raffinatezza. Il bello che a blindare le citt alte del Frusinate tra il VII e il VI secolo a. C. trovi applicate - anche insieme - tutte e quattro le tipologie. Talvolta delle differenziazioni costruttive si capisce la ragione. Altre volte no. E, allora, neppure le ipotesi sono concesse.
Ad Alatri, per esempio, la Porta Maggiore (la possente entrata alla cittadella blindata, sormontata da un architrave monoblocco lungo 5 metri e alto 1,50) quasi tirata a lustro, liscia com. Entrandovi si restringe di parecchio con enormi massi a grezzo. Gli studiosi sono convinti che questi massi grezzi, che restringevano a imbuto la scala daccesso, avessero una funzione precisa: in caso dattacco nemico bastava far rotolare dallalto altri massi per bloccare laccesso e murarsi, sicuri, in citt spiega Simonetta Sabellico, dellassessorato alla Cultura, appassionata delle sue mura.
Di fatto, applicate qui, si trovano anche indicazioni militari alla Vitruvio, ma secoli e secoli prima di Vitruvio. Nei fatti, questo di Alatri gi un castello, ma quasi duemila anni prima dei castelli! Tutte cose che, comunque, non bastarono a fermare Roma. Alatri ne divenne centro importante e lintera zona fu romanizzata.
Quando Arpino - laltro gioiello del megalitismo murario di qui, col suo fantastico arco a sesto acuto che in ogni libro darchitettura - regal a Roma Cicerone, la pace era ormai fatta.
Tanto che proprio ad Arpino, ogni anno, di solito in maggio, si gareggia ancora in latino, il Certamen ciceronianum arpinas, lunica gara letteraria internazionale dove si analizzano soltanto opere scritte con la lingua degli Antichi Romani. Concorrenti anche dalla Romania, Ungheria, Bulgaria, dalla Spagna e Portogallo. E, ogni volta, per qualche giorno, si ricompone lImpero di Roma. Almeno a parole.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news