LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LOMBARDIA - Il patrimonio delle chiese sta scomparendo
Tiziano Casartelli
11 MARZO 2008, LA PROVINCIA

Nell'Ottocento c'erano 32 luoghi di culto in citt con migliaia di oggetti di valore. Ormai dimenticati

Una ricognizione sulle condizioni del patrimonio culturale dell'area briantea, sulle sue caratteristiche storiche e geografiche, sulla sua consistenza numerica, sulle prospettive di sviluppo, conservazione e fruibilit non pu prescindere dal ruolo di primo piano che appartiene al patrimonio artistico, o comunque storico, della Chiesa. Non superfluo ricordare che in tutta Italia gli edifici di culto rappresentano la trama principale della nostra eredit artistica e architettonica. Nel territorio del comune di Cant, tra chiese, cappelle e oratori di preghiera, esistono 24 edifici destinati in qualche modo al culto i quali, se sommati a quelli sconsacrati, ma a tutti gli effetti parte integrante del paesaggio urbano come Sant'Ambrogio e il centrale oratorio di San Francesco, superano le 27 unit. Un numero certamente rilevante ma inferiore ai 32 edifici di culto che secondo quanto riferito da Carlo Annoni, storico e prevosto di San Paolo, esistevano nel borgo di Canturio e nelle sue frazioni all'inizio dell'Ottocento, quando la popolazione era un decimo di quella attuale. Non molto diversa la situazione nell'intera area canturina dove, considerando soltanto quegli edifici destinati effettivamente al culto, si annoverano decine fra chiese parrocchiali, santuari, cappelle e oratori di preghiera. Un considerevole patrimonio spesso misconosciuto, talvolta difficilmente accessibile e sempre pi problematico da gestire e da conservare, destinato, ad esclusione forse delle chiese principali, a decadere in uno stato di crescente disinteresse, di deterioramento e di inesorabile abbandono. Destino in parte gi toccato alle cappelle degli antichi insediamenti rurali, le quali, non pi destinate alla pratica devozionale, quando non sono state completamente trasformate e destinate a una diversa funzione, versano in una condizione di degrado talvolta irreversibile. Se poi si considerano le opere d'arte figurativa, gli organi storici e il corredo ecclesiastico appartenente a ogni edificio di culto, come i paramenti liturgici, i candelieri, i candelabri, gli ostensori, gli stendardi processionali, le oreficerie e i ricami, mediamente calcolati per ognuna delle parrocchiali e per le altre chiese di maggior rilevanza in qualche centinaia di unit, non difficile immaginare l'imponente consistenza del patrimonio storico - artistico ecclesiastico. A conferma dell'eccezionale entit di questo repertorio vanno poi aggiunti gli ex voto su tavola e su tela dei santuari; gli archivi parrocchiali ai quali va riconosciuto il fondamentale ruolo anagrafico svolto a partire dal Concilio di Trento sino alla met del XIX secolo. N vanno dimenticate le epigrafi poste sulle pareti interne delle chiese, in commemorazione di uomini o avvenimenti accaduti nei secoli. Nel loro insieme le chiese del Canturino custodiscono verosimilmente migliaia di oggetti di valenza artistica, la maggior parte dei quali, in seguito agli effetti della riforma liturgica operata dal Concilio Vaticano II, risulta ormai sottratta all'uso rituale e relegata nella pi astratta dimensione della pura tutela. Da questa condizione deriva tutta una serie di problematiche relative alle caratteristiche ambientali della conservazione di questo ingente patrimonio, alla carenza di spazi idonei, all'assenza di manutenzione e di restauro in grado di garantirne l'integrit. A questa va aggiunta quella che pu essere considerata come la pi minacciosa e temibile prospettiva: l'oblio. Quale destino auspicare, dunque, per il patrimonio ecclesiastico? Quali le condizioni indispensabili alla sua conservazione senza che per questo venga disperso o snaturato dei propri contenuti? Una prima risposta potrebbe giungere dal completamento e dal miglior utilizzo della sua catalogazione, che permetterebbe finalmente di disporre di strumenti che consentano una cognizione pi specifica della sua reale consistenza. Anche per l'area canturina, come per l'intera Lombardia e in genere per tutto il Paese, le chiese e, in senso lato, gli edifici di culto, rappresentano la massima concentrazione di beni culturali che l'intero territorio possa esibire. Sino all'avvento della moderna civilt delle immagini, le opere figurative custodite al loro interno hanno costituito per secoli le sole raffigurazioni conosciute dalla popolazione, rappresentando dunque molto spesso una delle rare occasioni di veder riprodotto uno scenario diverso dal proprio ristretto mondo quotidiano. La pittura insegna agli illetterati ci che la scrittura insegna ai letterati per istruire le menti, scriveva San Gregorio Magno nell'anno Seicento al vescovo di Marsiglia, Sereno. Mentre, per, per le opere di natura pittorica e per gli stessi corpi fisici delle chiese sono state condotte molteplici indagini conoscitive, abbastanza vasta quella relativa a Galliano, l'intero corpo minore risulta spesso sconosciuto e proprio per questa ragione ancora pi fragile e ancora di pi difficilmente tutelabile.



news

24-05-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2019

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

Archivio news