LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Piazza Venezia, scavo largo 25 metri per la linea C
Paolo Brogi
Corriere della Sera Roma 8/3/2008

Opera Ritenuta strategica anche per la D
Serve per il pozzo d areazione

La soprintendenza effettua la ricognizione dei problemi emersi dagli scavi archeologici della linea C. E ammette: a piazza Venezia bisogner sfondare
Metro C, per la Stazione di Piazza Venezia - cuore di tutta la linea e struttura dichiarata strategica - iniziato il count down: un grande buco, con oltre 25 metri di diametro, verr aperto in mezzo alla piazza, unico punto in grado di ospitare la struttura portante della fermata, cio la stazione e il suo pozzo di areazione. Ma forse il buco diventer anche pi largo, 30 metri, perch considerato strategico anche per la successiva linea D.
La verit, che spazza via ipotesi alternative dimostratesi impraticabili, stata confermata ieri dal soprintendente archeologico di Roma, Angelo Bottini, durante l'illustrazione dei risultati degli scavi archeologici lungo l'asse centrale della futura metropolitana. Bottini ha rivelato di aver proposto al ministero lo spostamento della fermata in quel terreno privo sostanzialmente di grandi reperti che sta tra Vittoriano e Colonna Traiana. Insomma, la selletta gi scavata dai romani sotto Traiano, avrebbe potuto ospitare la grande opera centrale della linea. La risposta stata no. Comprometterebbe la stabilit del Vittoriano. L, dunque, sar realizzata solo una delle due uscite previste (l'altra ancora da individuare in piazza SS. Apostoli, dove a breve sar aperto il nuovo cantiere). Stazione e pozzo devono sorgere dunque in piazza. Dovremo scendere gi con le paratie e vedere che cosa c' sotto, ha spiegato Bottini. Ma poco prima Roberto Egidi, responsabile della zona per la sovrintendenza, aveva gi elencato i beni individuati: oltre le fondamenta dei palazzi seicenteschi e la vetreria medievale, ecco le strutture romane con cinque taberne, il basolato largo tre metri della via Lata, la Flaminia, i pilastri di un porticato e un piano lastricato in pietra gabina ad est.
Lo sfondamento inevitabile di questa zona centralissima di Roma antica non ha dunque alternative concrete. Bottini, facendo buon viso a cattivo gioco, l'ha presentato come occasione d'oro per la ricognizione scientifica della stratigrafia pi antica di Roma. Un'occasione di conoscenza, dunque, che si ripromette di attenuare l'incubo della distrazione. Sar possibile traslare e ricostruire a latere quanto sar levato? Per saperlo bisogna andare a vedere, hanno risposto gli archeologi.
Piazza Venezia non l'unico problema esistente. Lo sono anche altre due fermate: Chiesa Nuova, dove potrebbe riemergere il Cenotafio di Agrippa, e piazza Paoli, con grandi mura che ancora non si sa a cosa appartengano. Da quelle parti situato il santuario Tarentum, finora mai trovato.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news