LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. Soprintendenze nella bufera
Vannalisa Manca
La Nuova Sardegna 8/3/2008

Polemiche sulla decisione ministeriale che smembra i Beni archeologici, architettonici e storici tra Sassari e Cagliari
Evitato l'accorpamento, si creata una contestata frattura

SASSARI. Da una parte si aggrega, dall'altra si divide: la direzione regionale della Soprintendenza per i Beni Archeologici per la Sardegna avr sede a Sassari, mentre quelle per i Beni architettonici e per i Beni storici, artistici ed etnoantropologici avranno sede a Cagliari. In pratica, Sassari guadagna anche il governo dell'archeologia di Cagliari-Oristano (oltre a Nuoro, gi accorpata all'ufficio del capoluogo sassarese), ma perde tutti gli altri pezzi importanti e conquista parecchi disagi. La decisione ministeriale ed arrivata dopo mesi di segnalazioni al ministro dei Beni culturali Francesco Rutelli. Tra le ipotesi, in questi mesi, si era affacciata anche l'ipotesi di accorpare tutti gli uffici a Cagliari, con scorno, quindi, per il capo di sopra. La notizia del decreto ministeriale, trasmesso con circolare n. 50 del 5 marzo scorso, stata diffusa sui giornali di ieri e ha immediatamente scatenato reazioni contrapposte.
Da una parte, infatti, si parla di battaglia vinta dai sassaresi: la prima reazione di vittoria, gi l'altro ieri, stata di Alba Canu, consigliere provinciale diessino (il gruppo Pd in Provincia non stato formalizzato). La considerazione era naturale: a Sassari esiste il Centro di restauro della Sardegna che dovrebbe diventare il punto di riferimento dell'intera area del Mediterraneo; e qui insistono il maggior numero di musei di enti locali. Insomma, se proprio si doveya decidere sulla razionalizzazione delle Soprintendenze in due ambiti, Sassari aveva le carte in regola per conservare il settore archeologico. Ma questo ha comportato una sorta di scambio con l'accorpamento a Cagliari dei Beni Architettonici e Paesaggistici che, per gli addetti ai lavori, sar un disastro. La logica del risparmio sulle retribuzioni dirigenziali dicono i dipendenti ha sacrificato la logica del rispetto dovuto al territorio del nord Sardegna, alla unicit e variet del paesaggio, al suo patrimonio architettonico, al suo sviluppo sociale, economico e culturale. Fino al 21 febbraio scorso, nella bozza del decreto, la sede centrale indicata per i Beni architettonici e il paesaggio era quella di Sassari sottolineano i dipendenti laddove si registra la presenza di cinque architetti, spesso in posizioni apicali, una specifica competenza guiridica sui beni culturali e una adeguata struttura amministrativa di supporto. Inspiegabilmente, la logica della precedente scelta ministeriale stata ribaltata.
Tanto che, a sentire il sindacato Ugl, per Sassari si trattato della classica vittoria di Pirro.
L'accorpamento della Soprintendenza Bap-Psae di Sassari con Cagliari, di fatto creer enormi problemi al territorio dice Valter Meloni . Si pensi che per quanto riguarda la sola attivit paesaggistica, gli uffici di Sassari arrivano 5000 pratiche l'anno. E gi si immaginano disagi in termini
di spostamenti e di risorse economiche da utilizzare, per l'utenza che sar costretta a recarsi a Cagliari per conoscere lo stato delle pratiche. Dello
stesso avviso il sindaco di Alghero, Marco Tedde, convinto che in questo modo la Sardegna, sul cui territorio si concentra la maggior parte del patrimonio architettonico e storico-archeologico della nostra regione, viene privato di un'istituzione territoriale di straordinaria importanza. Ci comporter inevitabili disagi dice il sindaco algherese con allungamento e perdite di tempo e con ripercussioni negative in termini di efficacia dell'azione amministrativa e decisionale degli enti coinvolti.
Intanto, il consigliere regionale di Forza Italia, Tore Amadu, protesta e interroga il presidente della Regione e gli assessori competenti chiedendo un intervento al ministero per far s che Rutelli modifichi il suo decreto prevedendo l'istituzione a Sassari dell'ufficio dirigenziale della Soprintendenza per
i Beni architettonici e il paesaggio.
Pi pratico il segretario proyinciale della Uil, Arnaldo Melissa: II decreto non ci fa giustizia. Mi chiedo quale ragione interventi abbia spinto il ministero a attuare tale scelta. Di sicuro, per non perdere tutto, si privilegiato l'Archeologico a scapito delle altre soprintendenze. Il problema sempre lo stesso: non c' una regia unica tra le forze politiche per governare questi cambiamenti. Cos, Sassari protesta, ma le voci sono discordanti.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news